Marko: "Ci mancano 50 punti, ma Max resta davanti"

Il manager austriaco in un'intervista esclusiva a Motorsport.com rivela che Verstappen ha vinto ad Austin sebbene non fosse in grande forma fisica. Helmut considera fondamentali i prossimi due GP di Città del Messico e Interlagos che sulla carta dovrebbero essere favorevoli alla Red Bull. Elogia il pilota olandese: "Pensa al risultato finale, un anno fa al via di Austin non avrebbe ceduto". Giustifica la battaglia verbale fra Horner e Wolff.

Marko: "Ci mancano 50 punti, ma Max resta davanti"

Helmut Marko spesso divide le opinioni, ma bisogna riconoscere al manager austriaco il suo parlare sempre molto chiaro.

Alla vigilia della partenza per il Messico, Marko ha fatto il punto su un momento ottimo per la Red Bull, tracciando anche il percorso che dovrebbe portare Max Verstappen al titolo Mondiale.

L’olandese dovrà vincere le prossime due gare, sfruttando piste che (sulla carta) dovrebbero adattarsi meglio alla Red Bull. Se la tabella di marcia sarà rispettata, la strada sarà in discesa, ma Verstappen (elogiato dal suo mentore) ha tutto per farcela.

Partiamo dalla volata per il titolo. Come vede queste ultime cinque gare?
“Dopo Monza temevamo di essere parecchio indietro. Ma negli ultimi tre Gran Premi siamo riusciti a portare a casa più punti di Hamilton. Credo che il weekend di Istanbul sia stato molto importante, poiché Lewis, a causa della penalità legata al cambio di motore, è arrivato quinto, mentre Max a Sochi nella medesima situazione è riuscito a concludere la sua corsa in seconda posizione, aiutato anche dalla fortunata circostanza dell’arrivo della pioggia".

"Sulla carta le prossime due piste ad alta quota, Messico e Brasile, dovrebbero essere più adatte a noi, ma quest’anno sono successe davvero tante cose… se analizziamo i risultati vediamo che le cosiddette piste Mercedes alla fine non erano poi piste Mercedes, e lo stesso vale per la Red Bull”.

Il ritiro di Max Verstappen, Red Bull Racing causato dal cedimento del pneumatico posteriore sinistro a Baku

Il ritiro di Max Verstappen, Red Bull Racing causato dal cedimento del pneumatico posteriore sinistro a Baku

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Quanto pesano i punti lasciati per strada?
“Molto. Abbiamo perso il Gran Premio di Baku per cause estranee alla squadra, così come Silverstone e Budapest. Se calcoliamo la quantità di punti che avremmo potuto conquistare in quelle tre gare sono più di cinquanta, e così oggi abbiamo un margine di sole dodici lunghezze".

"L’aspetto positivo è che siamo riusciti a sopravvivere a quelle battute d’arresto, ed aggiungo anche la reazione che abbiamo avuto in termini di performance nei confronti della Mercedes. Guardando alle gare restanti, credo che dobbiamo vincere almeno i prossimi due Gran Premi per essere certi di arrivare con fiducia ad Abu Dhabi”.

Proviamo a dare delle percentuali di vittoria finale. È ancora 50-50 o ora 60-40 per Max?
“Se vinciamo le prossime due gare, allora sarà 60-40 per Max. Sono due gare che dobbiamo portare a casa”.

Passiamo a Max. L’impressione è che sia meno aggressivo rispetto a qualche anno fa...
“Si, è meno aggressivo, diciamo che ora guida pensando di più alla classifica generale del mondiale. Se prendiamo ad esempio la prima curva dopo il via dell’ultima gara ad Austin, direi che anche solo un anno fa non avrebbe ceduto”.

In molti però credono che la miglior gara di Max resti Brasile2016…
“Non per me. Austin è stata sicuramente una delle sue migliori gare. La partenza è andata male, ed anche se con gomme medie ci siamo confermati chiaramente più veloci della Mercedes, non siamo riusciti ad avere lo stesso vantaggio quando siamo passati alle hard".

"Dopo il primo pit-stop Max ha spinto molto usurando parecchio i suoi pneumatici, ma ha capito cosa avrebbe dovuto modificare nella sua guida, e dopo la seconda sosta è stato meno aggressivo nelle curve 4, 5 e 6, risultando mezzo secondo più lento ma salvando le gomme".

"Hamilton si è avvicinato ma Max non si è innervosito, e quando Lewis è arrivato a 2 secondi e mezzo, ha reagito abbassando i suoi tempi di mezzo secondo, e alla Mercedes hanno capito che stava… giocando. Questa combinazione di gestione velocità-gomme è in realtà ciò che aveva già mostrato a Barcellona 2016”.

Leggi anche:

E Max non era completamente in forma...
“Esatto, non stava bene, ma con esercizi di respirazione e bevendo molto è riuscito a farcela. Quando a fine gara è sceso dalla monoposto era traballante come dopo l'incidente di Silverstone”.

Al momento possiamo considerare una differenza di prestazioni tra Red Bull e Mercedes?
“È una situazione di grande equilibrio, i valori in campo variano a seconda del layout di una pista, dell’asfalto o della temperatura. Sembra che la Mercedes sia molto più veloce di noi nel riuscire a trovare il giusto assetto per la sua monoposto, e credo sia dovuto alla complessità della nostra vettura che richiede più tempo per arrivare al bilanciamento ideale".

"Poi c’è il valore aggiunto di Max e Lewis, ed anche i numeri 2, Perez e Bottas, sono in crescita. Valtteri ha disputato una gara sensazionale in Turchia, ma per nostra fortuna anche Perez è in un buon momento. Ma i due top fanno la differenza, a volte oltre la macchina, sono due piloti fortissimi e Max, ad esempio, ha confermato ad Austin di poter battere una Mercedes anche con gomme dure”.

Oltre al grande confronto in pista, quest’anno abbiamo visto anche una battaglia nel paddock, con Red Bull e Mercedes che non hanno risparmiato colpi nell’additare l’avversario. Ali flessibili, pit-stop, la lista è lunga...
“Quando Mercedes si è resa conto che avevamo una performance equivalente alla loro, se non superiore, sono iniziate ad arrivare accuse di diverso tipo. A volte dalla stessa Mercedes, altre da team a loro vicino, in particolare McLaren o Aston Martin. Lo abbiamo visto come un gesto piuttosto antisportivo, e da parte nostra ci siamo così concentrati sulla Mercedes, ad esempio analizzando le loro ali".

"Ma questo è ciò che accade quando un confronto è molto intenso, e soprattutto quando c’è chi non è abituato a confrontarsi con avversari che arrivano a mettere in discussione la superiorità avuta per anni. Questo è ciò che è accaduto, poi abbiamo reagito”.

È un aspetto fastidioso o fa parte del gioco?
“Fa parte del gioco. Però ad inizio anno avevamo la sensazione che ci fosse una certa unilateralità nelle decisioni, così abbiamo avuto dei colloqui con FIA e Liberty, ed ora posso dire che fa parte del gioco”.

C’è stata anche un’intensa battaglia verbale tra Horner e Wolff, come la vedi?
“Se non si arriva a colpi bassi direi che fa parte del gioco. Alla fine sono team principal che sostengono i rispettivi piloti e la loro squadra, e può starci provare a mettere pressione screditando il lavoro degli avversari. Ma bisogna evitare di arrivare a colpi bassi”.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, arriva sulla griglia

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B, arriva sulla griglia

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F1 | Masi: "Il GP di Miami non sarà una gara in un parcheggio"
Articolo precedente

F1 | Masi: "Il GP di Miami non sarà una gara in un parcheggio"

Prossimo Articolo

F1 | Calendario 2022: quando 23 gare in nove mesi sono troppe

F1 | Calendario 2022: quando 23 gare in nove mesi sono troppe
Carica commenti
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021
Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti" Prime

Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti"

Il Gran Premio del Qatar ha ulteriormente inasprito il tono delle polemiche sportive legate alla stagione 2021 di Formula 1. Stavolta l'insufficienza pesante viene data alla FIA per come sta gestendo la situazione

Formula 1
22 nov 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione"

In questa nuova puntata podcast di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano i fatti salienti e determinanti del GP del Qatar. Una lotta continua, che ha visto prevalere Lewis Hamilton, conquistatore della 102esima vittoria in carriera. Ecco svelato il segreto della sua vittoria...

Formula 1
22 nov 2021
F1 | Piola: "Rinforzato il comando DRS della Red Bull" Prime

F1 | Piola: "Rinforzato il comando DRS della Red Bull"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano, con la lente d'ingrandimento tecnica, quanto visto nel sabato di qualifica del GP del Qatar. Una battaglia, anche di ali, senza fine...

Formula 1
20 nov 2021
Podcast | Bobbi: "Per Max la chiave è la prima curva" Prime

Podcast | Bobbi: "Per Max la chiave è la prima curva"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano la qualifica del Gran Premio del Qatar. Lewis Hamilton è autore di una pole position incredibile, arrivata dopo un giro perfetto. Per Verstappen, però, non è detto che non possa arrivare la vittoria...

Formula 1
20 nov 2021