Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
99 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
109 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
116 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
130 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
144 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
172 giorni
02 set
Prossimo evento tra
179 giorni
09 set
Prossimo evento tra
186 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
200 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
207 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
214 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
228 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
235 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
271 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
280 giorni

Liberty spinge Perez verso Red Bull per salvare il GP del Messico

A Mexico City la vittoria di Sergio con la Racing Point è stata accolta con festeggiamenti degni di una nazionale di calcio con tifosi in piazza e caroselli di auto nelle strade. Il promotore del campionato ha paura che l'uscita dalla F1 di Perez possa raffreddare l'attenzione dei suoi connazionali per la gara che sarà in calendario nel 2021, dopo che negli ultimi anni è sempre stata quella con più pubblico. Forse a Milton Keynes hanno ricevuto una telefonata...

Liberty spinge Perez verso Red Bull per salvare il GP del Messico

Il Messico ha celebrato la vittoria di Sergio Perez nel Gran Premio di Sakhir con festeggiamenti solitamente riservati alle nazionali di calcio. Tifosi scesi anche nella piazza centrale di Mexico City per rendere omaggio al loro beniamino, con tanto di bandiere e clacson che hanno richiamato l’attenzione in un tranquillo pomeriggio d’autunno.

Ovviamente i media nazionali non sono stati da meno: “Histórico! Checo Pérez gana el Gran Premio de Sakhir”, è stata l’apertura di notiziari e quotidiani. Terminate le celebrazioni, il grande pubblico messicano ha però conosciuto anche un’altra realtà, ovvero che Perez rischia di non essere in pista la prossima stagione.

È bastata una foto (scattata sabato dopo le qualifiche) che ritrae Checo davanti all’hospitality della Red Bull mentre chiacchiera con Helmut Marko per dare ossigeno alle speranze del pubblico messicano.

Una foto non è però un contratto e al momento Perez è tutt’altro che certo di poter contare nel 2021 sul sedile attualmente nelle mani di Alexander Albon. Ci spera, ma non sembra crederci poi così tanto ascoltando le sue parole e valutando l’espressione del volto.

“Vogliamo tutti vedere Checo al via il prossimo anno – ha commentato Ross Brawn - sarebbe una tragedia se non riuscisse a trovare una macchina, e poi è indubbiamente un affare”. L’opinione dell’amministratore delegato di Formula 1 non è proprio una a caso, così come non sono probabilmente campate in aria i rumors secondo i quali Liberty Media possa fare pressioni su Red Bull a favore di Perez, perché i motivi ci sono tutti.

Il calendario 2021, che tutta la Formula 1 spera di poter vedere completato nella sua integrità, include ovviamente anche il Gran Premio del Messico.

Nel 2019 il weekend di gara a Mexico City registrò la presenza in pista (nei tre giorni) di ben 345.694 spettatori, confermando un trend costantemente in crescita. E dal 2015 il Gran Premio del Messico viene costantemente premiato dalla Formula One Management con il “Race Promoters’ Trophy”, riconoscimento all’organizzazione dell’evento come la migliore tra tutte le gare in calendario.

Al netto delle problematiche Covid (che la Formula 1 spera di poter affrontare) ora però sorge un dubbio: ci sarà ancora un Gran Premio del Messico se Sergio Perez non sarà al via del prossimo Mondiale?

Come reagiranno gli appassionati messicani qualora Checo si ritrovasse a piedi dopo avere riportato in patria la vittoria di un Gran Premio di Formula 1 a cinquant’anni di distanza dall’ultimo successo ottenuto da Pedro Rodriguez?

È difficile pensare che negli uffici di Liberty Media non si siano posti questa domanda e non è impossibile immaginare che dagli uffici di Londra (prossima sede lavorativa di Stefano Domenicali) non sia partita una chiamata in direzione Milton Keynes, se non altro per essere informati tempestivamente sulla decisione che prenderanno in Red Bull.

Perez da parte sua è stato chiaro: “O Red Bull, o anno sabbatico”. Uscire dalla Formula 1 non facilità di certo la possibilità di rientrare, perché le cose (come insegna il caso Russell) possono cambiare in fretta e non sempre in direzione favorevole.

Non c’è in ballo solo la carriera di Checo, ma anche il rapporto della Formula 1 con una nazione che negli ultimi anni si è distinta per un interesse crescente verso uno sport che da quelle parti per anni era stato in letargo per decenni.

Una partita complessa, con esiti ancora difficili da prevedere ma allo stesso tempo prossima ad essere conclusa. Al più tardi, la decisione di Marko/Horner/Mateschitz arriverà all’indomani del Gran Premio di Abu Dhabi.

condivisioni
commenti
Riecco Hamilton: "Sto bene, spero di correre ad Abu Dhabi!"

Articolo precedente

Riecco Hamilton: "Sto bene, spero di correre ad Abu Dhabi!"

Prossimo Articolo

Sorpresa AlphaTauri: ai rookie test c'è anche Marino Sato

Sorpresa AlphaTauri: ai rookie test c'è anche Marino Sato
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Abu Dhabi
Location Yas Marina Circuit
Piloti Sergio Perez
Team Red Bull Racing
Autore Roberto Chinchero
Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea Prime

Perché l'arrivo di Aston Martin in F1 è molto più di una livrea

La presentazione più attesa della Formula 1 era sicuramente quella della Aston Martin e i cambiamenti dicono che c'è molto di più di una fantastica livrea, perché l'idea è quella di creare solide fondamenta, più che ripartire da un team già avviato.

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021 Prime

Perché la Haas sta sacrificando la sua stagione 2021

La Haas affronterà il 2021 senza portare alcun aggiornamento aerodinamico sulla sua monoposto. Il team ha deciso di puntare tutto sul 2022, preservando le risorse economiche. Sarà la scelta giusta?

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande? Prime

Aston Martin AMR21: è l’arma di Vettel per tornare grande?

L'Aston Martin AMR21 è la monoposto che segna il rientro del costruttore inglese in Formula 1. I punti di contatto con Mercedes W11 e W12 sono evidenti, a prima vista, ma andando nello specifico vediamo come certe soluzioni abbiano preso direzione propria. Sarà la monoposto che permetterà a Sebastian Vettel di potersi rilanciare dopo ultime stagioni opache in Ferrari?

Formula 1
4 mar 2021
Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso? Prime

Alpine A521: può essere l’arma vincente di Alonso?

L'Alpine A521 succede alla Renault R.S.20, andando a riprenderne molti dei punti di forza senza tuttavia evolverli. Andiamo a conoscere più da vicino il team di Enstone che riporta in F1 Fernando Alonso e che, in questa stagione, sarà diretto da Davide Brivio

Formula 1
4 mar 2021
F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica Prime

F1 Stories: Lella Lombardi, l'unica

Il 3 marzo del 1992 ci lasciava Lella Lombardi, l'unica donna a conquistare punti nella storia della Formula1. Riviviamo la sua storia, la sua impresa, e il suo più grande amore: le corse.

Formula 1
3 mar 2021
Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare Prime

Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare

La Mercedes W12 è una monoposto che va ad estremizzare alcuni concetti visti sulla W11 ma anche sulla concorrenza. Gli attenti uomini guidati da James Allison sono andati alla ricerca del carico perduto - per motivi regolamentari - al retrotreno, massimizzando l'effetto Coanda. Ma non solo...

Formula 1
3 mar 2021
I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1 Prime

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1

23 gare sono troppe? La Red Bull riuscirà a lottare con la Mercedes? Sainz sarà al livello di Leclerc in Ferrari? Karun Chandhok ha analizzato i 10 punti interrogativi della stagione 2021 di Formula 1.

Formula 1
2 mar 2021
Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021