Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP2 in
02 Ore
:
01 Minuti
:
29 Secondi

Lewis VI, il super campione che vince con stile

condivisioni
commenti
Lewis VI, il super campione che vince con stile
Di:
3 nov 2019, 22:14

Con il secondo posto nel GP degli Stati Uniti Lewis Hamilton arpiona il sesto titolo mondiale di F1 che lo eleva fra i più grandi campioni di tutti i tempi. L'inglese non ha mai dovuto fare ricorso alle maniere forti per avvalorare la sua superiorità: i suoi numeri sono straordinari ma non dicono tutto del pilota Mercedes.

Se la storia è fatta dai vincitori, Lewis Hamilton di storia ne ha scritta parecchia. Sono trascorsi dodici anni da quando Lewis Carl Davidson Hamilton ha esordito in Formula 1, diciotto da quando ha mosso i primi passi al volante di una monoposto, un periodo intensissimo per chi, come Lewis, ha sempre inseguito un solo obiettivo.

Essere sempre lì, davanti a tutti, seguendo un istinto comune solo ai campionissimi di ogni disciplina sportiva, gente che odia perdere più di quanto ami vincere.

Il successo è l’unico antidoto ad una situazione di disagio, un bisogno che è sempre lì, a dispetto del raggiungimento di traguardi quasi inimmaginabili.

"Vince" Lombardi, celebre allenatore statunitense di football americano, sintetizzò con una frase diventata leggendaria l’istinto dei vincenti: “Se la vittoria non è tutto, perché tengono il conteggio dei punti?”.

I numeri a volte non raccontano tutto, ma in genere dicono molto, e le cifre di Hamilton sono a fotografare una carriera straordinaria, che collocano Lewis nella ‘hall of fame’ di tutti i tempi.

I numeri certificano, ma c’è anche di più, perché le cifre si limitano a dire cosa è accaduto e quando è accaduto. Manca il come, e nel caso di Hamilton non è cosa da poco.

Chi ama i paragoni, tendenza che non accomuna tutti gli appassionati, spesso descrive Lewis come un pilota con la velocità di Senna, l’intelligenza di Prost, la dedizione di Lauda e la correttezza di Mika Hakkinen.

Quest’ultimo aspetto non è mai stato sottolineato come merita, perché mette Hamilton sotto una luce differente anche rispetto ad altri campionissimi. Lewis è sotto i riflettori sin dal suo primo Gran Premio corso in Formula 1 (concluso sul podio) e da oltre dieci anni corre per l’assoluto, in quel limbo in cui lo scontro è sempre al limite assoluto.

Uno spazio nel quale in passato tanti piloti sono stati portati ad andare oltre, superando il limite delle regole pur di provare a raggiungere gli obiettivi. Hamilton no, anche quando si è ritrovato dall’altra parte della barricata, ad assaporare il gusto amarissimo della sconfitta.

La sua storia dice che ne è uscito sempre più forte, nessun rammarico, nessuna parola di troppo e soprattutto sempre con grande rispetto per chi ha saputo metterlo al tappeto, anche se per un soffio. “Hai vinto con stile!”, gli ha urlato via radio Pete Bonnington dopo la bandiera a scacchi di Austin, e pochi conoscono Lewis come il suo storico ingegnere di pista.

Ha sintetizzato bene, ‘Bono’, che non è voluto mancare alla festa mondiale nonostante recenti problemi di salute.

Sei titoli Mondiali restano un numero, che alla fine non dice tutto di questo pilota. Ha senso dire oggi che siamo davanti al più grande di sempre?

No, perché ogni epoca nelle sette decadi del Mondiale di Formula 1 ha avuto piloti che hanno espresso il massimo in quel momento, e non aggiunge nulla un confronto tra periodi storici decisamente diversi tra loro.

Ma se è vero che sarebbe un errore collocare Lewis Hamilton davanti ai nomi dei grandissimi del passato, lo sarebbe anche porre qualcuno davanti a Lewis Hamilton. E la sua storia sportiva, tra l’altro, è ancora lontana dal potersi ritenere conclusa.

Chi ama il motorsport, senza bandiere, non può che ritenersi fortunato a poter assistere alle gesta di un interprete assoluto dell’arte del pilotaggio, un pilota che ha dato e che probabilmente darà ancora molto.

Un punto di riferimento per molti giovani, da quelli che muovono i primi passi nei kartodromi fini alla new-generation approdata di recente in Formula 1. Godiamoci Hamilton, la cui grandezza sarà universalmente riconosciuta solo il giorno in cui deciderà di smettere. Solo allora, quando scorreranno i titoli di coda, diventerà chiaro che questo film è un capolavoro.

Scorrimento
Lista

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso
1/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso
2/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 festeggia il suo sesto Mondiale nel parco chiuso, e riceve le congratulazioni di Lando Norris, McLaren

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 festeggia il suo sesto Mondiale nel parco chiuso, e riceve le congratulazioni di Lando Norris, McLaren
3/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso
4/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso
5/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso
6/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, festeggia il suo sesto Mondiale, nel parco chiuso
7/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, vince il suo sesto Mondiale

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, vince il suo sesto Mondiale
8/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
9/16

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
10/16

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
11/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
12/16

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Parcheggio riservato per Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Parcheggio riservato per Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
13/16

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, firma autografi ai fan

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, firma autografi ai fan
14/16

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, firma autografi ai fan

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, firma autografi ai fan
15/16

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
16/16

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Leclerc: "Nel primo stint ho sofferto come in Ungheria"

Articolo precedente

Leclerc: "Nel primo stint ho sofferto come in Ungheria"

Prossimo Articolo

GP Usa: ecco il nuovo ordine d'arrivo dopo la penalità a Kvyat

GP Usa: ecco il nuovo ordine d'arrivo dopo la penalità a Kvyat
Carica commenti