Hamilton: "Sento la Ferrari, ma per le vetture stradali"

Lewis parla a pochi giorni da Monza e sulla Rossa aggiunge: "Adoro Senna: è diventato un idolo senza guidarla"

Si avvicina la tappa di Monza del Mondiale di Formula 1 e Lewis Hamilton si presenta all'appuntemento del Gp d'Italia da leader della classifica. "Una pista di fascino, sulla quale è ovvio che ognuno voglia vincere" ha detto il pilota della Mercedes in un'intervista alla Gazzetta dello Sport.

Tra le altre cose, Lewis quest'anno è stato già a Monza per un'evento particolare, nel quale ha avuto modo di guidare la Mercedes degli anni '50 sull'anello di velocità con Stirling Moss: "Un'esperienza che lo ha portato a fare alcune considerazioni: "Se penso che allora si guidava senza protezioni, senza cinture di sicurezza e ad ogni incidente volavi via, allora mi pare giusto sottolineare che sono felicissimo di correre in questa F.1 moderna che è tanto più sicura".

In ogni caso, la parola paura non sembra esattamente far parte del suo vocabolario: "In gara non ho mai avuto paura. Ci sono certe curve giudicate pericolose, ma spetta al pilota valutare il rischio e starne lontano. Per cui alla fine tutte le curve diventano simili e controllabili".

Sul confronto diretto con il compagno Nico Rosberg, che fino ad ora lo ha visto particolarmente dominante a differenza della prima parte della scorsa stagione, si è voluto prendere i suoi meriti: "Rosberg continua a guidare bene, non è lui che è peggiorato, sono io che sono cresciuto in tante aree...".

Arrivando in Italia, era inevitabile una battuta sulla Ferrari: "Ogni tanto contatto la Ferrari, ma solo perché mi piacciono le sue auto stradali. Di corse ho discusso qualche volta con Stefano Domenicali, nulla di serio. Sto benissimo in Mercedes e non voglio cambiare. Adoro Senna che è diventato un idolo anche senza aver guidato una Ferrari".

Infine, ecco anche un parere sui suoi avversari: "Non mi piace parlare dei miei colleghi. Vettel? Beh, ha vinto 4 Mondiale, è consistente, è un team leader. Alonso? Uno dei più forti, ma non giudico la sua scelta di essere andato in McLaren".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Lewis Hamilton
Team Mercedes
Articolo di tipo Curiosità