Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
19 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
23 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
62 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
76 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
79 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
97 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
111 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
139 giorni
05 set
Gara in
146 giorni
12 set
Gara in
153 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
166 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
170 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
195 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
202 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
244 giorni

Leclerc: "Sceglierò le battaglie che varrà la pena combattere"

Il monegasco è consapevole di disporre di una Ferrari più competitiva di quella dell'anno scorso, ma Charles ammette di aver imparato nella passata stagione che non serviva a niente lottare con le Red Bull che realisticamente erano impossibili da tenere dietro.

Leclerc: "Sceglierò le battaglie che varrà la pena combattere"

I numeri dicono che Charles Leclerc inizierà domani la sua quarta stagione in Formula 1. Sono trascorsi solo tre anni dal suo esordio sul circuito di Melbourne avvenuto nel 2018, ma sembrano davvero di più, anche perché è lo stesso Leclerc a ingannare il tempo parlando da veterano. “Aspettiamo sabato”, è il motto di Charles da quando è sventolata la bandiera a scacchi che ha concluso i test pre-campionato, ovvero aspettiamo la prima classifica ufficiale del 2021 che sarà emessa al termine delle qualifiche del GP del Bahrain.

Troppe variabili, troppi punti interrogativi e probabilmente anche un po' di scaramanzia. Nello scenario che prevede Red Bull e Mercedes davanti a tutti, dalla quinta alla quattordicesima posizione potrebbero ‘ballare’ davvero pochi decimi, e da qui la prudenza di Charles. Aspettiamo e vediamo, anche perché ormai manca davvero poco.

Tutto pronto per il via?
“Siamo i più pronti possibile. Abbiamo avuto a disposizione solo 3 giorni di test, che sono un numero minore rispetto a quelli a cui siamo stati abituati in passato, ma siamo riusciti a completare tutto il programma di lavoro che avevamo pianificato. Alla fine credo che ci siamo preparati al meglio, ma a partire da domani la parola passa alla pista”.

In cosa questa monoposto è migliore di quella 2020? 
“La macchina è migliore nel bilanciamento e nel modo in cui si comporta nelle varie zone delle curve, dall’ingresso all’uscita. È più semplice da guidare, abbiamo avuto segnali positivi, ma è difficile da giudicare fino a quando non saremo in qualifica. E lo stesso vale per il motore, dobbiamo aspettare il termine della giornata di sabato per farci una prima idea e valutare quanto siamo progrediti”.

Torni in Bahrain dove lo scorso anno in gara eri uscito al primo giro. Col senno di poi, credi che nel 2020 tu abbia rischiato molto nel corso delle fasi iniziali dei Gran Premi a causa delle difficoltà tecniche in cui vi trovavate?
“L'anno scorso non andò proprio alla grande su questa pista, ma era un momento difficile per il team. Avevo una grande determinazione nel voler provare a fare qualcosa di speciale, ma a volte questa motivazione si è tramutata in errori e incidenti in pista. Ma, come ho già fatto in passato, ho cercato di imparare dagli errori commessi mirando soprattutto a non ripeterli. La mia motivazione ad ottenere grandi risultati sarà la stessa, ma cercherò di controllare la mia aggressività in pista”.

Hai avuto Sebastian come compagno negli ultimi due anni. L’arrivo in squadra di Carlos può cambiare in qualche modo le dinamiche?
“È una domanda difficile perché di fatto ogni persona è differente. Io e Carlos abbiamo più o meno la stessa età, condividiamo gli stessi interessi e via dicendo, e posso dire che andiamo molto d’accordo. Ma anche con Seb andava comunque bene, non mi va di paragonare due compagni, è andata bene con lui e andrà bene anche con Carlos”.

È ipotizzabile che la Ferrari possa trovarsi in una parte della griglia in cui pochi decimi potranno fare una grande differenza. Credi che sarai chiamato a prenderti dei rischi per ottenere i risultati che speri?
“Vediamo prima dove ci piazzeremo, dai test sono arrivati segnali positivi. Rispetto allo scorso anno cercherò di scegliere le battaglie che varrà la pena combattere, nel 2020 mi è capitato di lottare con le Red Bull che realisticamente erano impossibili da tenere dietro, e di fatto si è trattato di un rischio che non avrei dovuto prendere considerando che comunque non sarei stato nelle condizioni di mantenere la posizione. Ma è anche vero che in altre occasioni la giusta aggressività è stata importante per arrivare ad ottenere dei risultati, quindi diciamo che se dovrò essere aggressivo per ottenere risultati migliori, lo farò”.

condivisioni
commenti
Ferrari: i flussi della SF21 sono una questione di naso

Articolo precedente

Ferrari: i flussi della SF21 sono una questione di naso

Prossimo Articolo

F1, Vettel: il nome della sua Aston Martin è di una ex Bond girl!

F1, Vettel: il nome della sua Aston Martin è di una ex Bond girl!
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Bahrain
Sotto-evento Giovedì
Location Bahrain International Circuit
Piloti Charles Leclerc
Team Ferrari
Autore Roberto Chinchero
F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola Prime

F1 Stories: la storia del Gran Premio di Imola

Anche nel 2021, Imola è inclusa nelle tappe di un Mondiale di Formula 1. Un tracciato ricco di storia. Una storia, che merita di essere raccontata e ricordata...

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld Prime

Come la rapida ascesa di Kimi influì sulla carriera di Heidfeld

L'ascesa di Kimi Raikkonen come stella della Formula 1 fin dagli albori rimane una delle leggendarie storie del 2001, ma le sue imprese hanno avuto un impatto indesiderato sulle prospettive del suo compagno di squadra in Sauber. Vent'anni dopo il suo primo podio in F1 al GP del Brasile, ecco come Iceman ha influito sulla carriera di Nick Heidfeld.

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar? Prime

F1: quanto è più veloce di una MotoGP, LMP1 o IndyCar?

Siamo abituati a considerare la Formula 1 come la categoria regina dell'automobilismo, quella capace di raggiungere le velocità più elevate in assoluto. Ma sarà davvero così? Andiamo a scoprirlo in questa classifica...

Formula 1
11 apr 2021
Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo Prime

Mercedes: il limite allo sviluppo può diventare un incubo

La Mercedes è andata via dal Bahrain con la consapevolezza di non avere tra le mani la monoposto di riferimento in griglia, e i limiti allo sviluppo potrebbero trasformare questa stagione in un incubo.

Formula 1
10 apr 2021
Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali Prime

Jacques Villeneuve, cinquant'anni...mondiali

Il 9 aprile del 1971 nasce Jacques Villeneuve, Campione del Mondo di Formula 1 1997. Andiamo a rivivere i suoi primi due anni nella massima serie, quelli che lo hanno accompagnato ad entrare nell'elenco delle leggende del Motorsport...

Formula 1
9 apr 2021
Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12 Prime

Basso Rake: come i regolamenti hanno "penalizzato" la W12

Andiamo a scoprire ed analizzare come le modifiche regolamentari al fondo ed al pavimento delle monoposto abbiano influito negativamente sulle performance della Mercedes W12, nonostante la vettura abbia vinto con Lewis Hamilton la gara di apertura in Bahrain

Formula 1
8 apr 2021
Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo? Prime

Mercedes: il basso rake non funziona o è questione di... fondo?

La squadra campione del mondo ha vinto con Hamilton il primo GP 2021, ma è indubbio che la W12 non ha dato l'impressione di essere stata la monoposto più competitiva in Bahrain. Anche l'Aston Martin è parsa sotto tono dopo il cambio delle norme aerodinamiche: i tecnici hanno parlato di particolari difficoltà con l'assetto Rake, mentre la sensazione è che i problemi stiano altrove.

Formula 1
7 apr 2021
Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione” Prime

Ceccarelli: “Quando i piloti di F1 non curavano la preparazione”

Torna la rubrica del mercoledì mattina di Motorsport.com. In compagnia del Direttore Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo a conoscere i segreti dietro la preparazione atletica richiesta a ciascun pilota di Formula 1

Formula 1
7 apr 2021