Leclerc: "Potremmo fare meglio di quanto è previsto"

Il monegasco vuole cancellare il ricordo del ritiro in Ungheria iniziando la seconda parte della stagione con la motivazione di fare bene, anche se Charles sa che la pista belga sulla carta non si adatta alla Ferrari: "...anche se è vero che in questa stagione abbiamo già avuto delle belle sorprese su circuiti che non pensavamo essere dalla nostra parte". "Spa è importante: qui ho vinto il primo GP e ho perso un grande amico, Anthoine".

Leclerc: "Potremmo fare meglio di quanto è previsto"

Il motore ‘evoluto’ arriverà, per ora Charles Leclerc avrà a disposizione una power unit a zero chilometri, ma con la specifica della precedente. Al di là delle ripercussioni che potrà avere l’episodio sfortunato di Budapest sulla gestione dei motori, l’esame di Spa-Francorchamps è comunque un passaggio importante nella stagione della Ferrari.

Leclerc tira il freno, forse per reali motivi tecnici, o forse anche per scaramanzia, visto che in occasioni precedenti (menzionate dallo stesso Charles) la Ferrari è stata in grado di stupire proprio su piste che sulla carta non dovevano essere l’ideale per la SF21.

Quanto tempo hai impiegato per dimenticare la delusione dell’Hungaroring?
“È stato tutto abbastanza veloce, probabilmente non così veloce come… il termine della mia gara ungherese, ma già dal lunedì pensavo ad altro. C’erano le vacanze in arrivo, quindi non vedevo l'ora di staccare un po’ la spina e pensare ad altro. Tornando al Gran Premio d’Ungheria, è stato frustrante perché avevamo una grande opportunità, ma sfortunatamente è andata come sappiamo. Sono situazioni che fanno parte delle corse, ma ora sono completamente concentrato sulla seconda parte di stagione”.

La Ferrari sembra aver trovato un buon equilibrio con la monoposto, quanto sei fiducioso in vista di questo weekend?
“Questa pista in particolare, sulla carta, è piuttosto difficile per noi, ma è anche vero che in questa stagione abbiamo già avuto delle belle sorprese su circuiti che non pensavamo essere dalla nostra parte. Quindi speriamo di avere un buon fine settimana, magari saremo più competitivi rispetto a ciò che pensiamo oggi alla vigilia del weekend. Ma, ripeto, sulla carta non sembra una pista ideale per noi”.

Quando avrai a disposizione l’aggiornamento annunciato della power unit?
“So che ci sarà un aggiornamento, e che sarà sulla parte ibrida del motore, ma non so ancora quando sarà a disposizione”.

Sei soddisfatto della tua prima parte della stagione?
“Soddisfatto è una parola grossa, diciamo che sono contento delle mie prestazioni personali, poi se guardi al campionato nel suo complesso, non è stato il miglior girone d’andata per diversi motivi, come un errore che ho commesso a Monaco e per la sfortuna in Ungheria, due grandi opportunità dove avrei potuto ottenere un buon risultato. Ma se guardo alla mia prestazione personale, allora sì, sono felice”.

Quanto è frustrante non aver corso due gare come Monaco e Ungheria?
“È frustrante. Sono cosciente che una stagione non è mai perfetta, ci sono sempre alcuni weekend in cui non ci concretizza il risultato che era alla portata, ed in questo caso il rammarico è che sarebbero state due gare in cui avevamo il maggior potenziale per ottenere un buon risultato. Ma, come ho detto, fa parte delle corse, non voglio continuare a pensarci, guardo avanti e cercherò di massimizzare i miei risultati in vista delle prossime gare”.

Anche per te quella di Spa è una pista speciale?
“È speciale, sicuramente, per due motivi diversi. Uno è ovviamente legato all’aver vinto su questa pista il mio primo Gran Premio in Formula 1, l’altro è l’aver perso proprio qui un grande amico, Anthoine (Hubert). Sto pensando molto a lui da quando sono arrivato qui, e lo terrò a mente durante il resto del weekend, spero di poter avere un buon fine settimana per lui”.

Credi che George Russell meriti la chance di sedersi su una monoposto di un top team come Mercedes?
“Credo che sia fantastico pensare che George possa ottenere quel posto, se lo merita. È sempre difficile giudicare un pilota in Formula 1, perché le monoposto sono molto diverse tra loro e nel caso di George non sempre è comprensibile quanto buono sia il lavoro che sta facendo con la Williams. È comunque sempre lì, si fa vedere, e personalmente posso dire di aver corso con lui in passato e so quanto sia forte. Credo che meriti sicuramente un posto in un top-team, e sarà fantastico avere un pilota così talentuoso al volante di una monoposto molto competitiva”.

La Ferrari è tra le squadre che ha anticipato di più lo stop allo sviluppo della monoposto 2021 per focalizzarsi sul progetto del prossimo anno. Senti che la prossima stagione avrai una buona possibilità?
“Sarà sicuramente una buona opportunità per noi, come d’altronde lo è per tutti visto che si riparte da zero. Sento che stiamo facendo un buon lavoro come squadra e ho fiducia nel gruppo di lavoro. Vedremo come andrà, indubbiamente il 2022 rappresenta un’opportunità che spero riusciremo a cogliere nel modo giusto, inserendoci tra coloro che lotteranno per il titolo”.

condivisioni
commenti
Piola: "Pensando Spa ricordo il giro con Senna"
Articolo precedente

Piola: "Pensando Spa ricordo il giro con Senna"

Prossimo Articolo

Red Bull: non riparabili le PU 2 Honda di Verstappen e Perez

Red Bull: non riparabili le PU 2 Honda di Verstappen e Perez
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021