F1 | Leclerc: "Non so se vinceremo a Singapore, ma lo faremo presto"

Charles Leclerc pensa che il finale di stagione possa essere favorevole alla Ferrari. La vittoria manca da 2 mesi, ma il monegasco è certo che arriverà presto. Inoltre, sulle Sprint Race, aggiunge: "Se saranno sulle piste giuste, vanno bene".

F1 | Leclerc: "Non so se vinceremo a Singapore, ma lo faremo presto"
Carica lettore audio

“Mi piacciono i circuiti cittadini, Monaco, Baku ed ovviamente anche qui a Singapore”. Non potrebbe essere altrimenti, visto che Charles Leclerc è un istintivo, e guidare tra due file di muri non lascia molto tempo per pensare.

L’ultima volta che la Formula 1 ha fatto visita a Marina Bay (era il 2019) Leclerc ha conquistato la pole position e una seconda posizione figlia di una strategia che la Ferrari indirizzo verso Sebastian Vettel. Tre anni dopo lo scenario è diverso, ma c’è comunque una grande voglia di riscatto cresciuta in due mesi nei quali a vincere è stato solo Max Verstappen.

A Singapore la Ferrari sa di avere qualcosa in più da poter giocare rispetto alla precedente tappe di Monza, e Leclerc non lo nega, ma il monegasco sa anche che non sarà semplice spostare Verstappen dal gradino più alto del podio.

Quella di Singapore è ritenuta da quasi tutti i piloti la corsa più difficile della stagione. È così anche per te?
“Fisicamente è una sfida impegnativa, ma non solo per noi piloti, anche per le monoposto non è una passeggiata. È una gara un po' diversa rispetto alle altre, dal punto di vista dei piloti credo che la cosa più importante sia restare idratati, è una corsa che dura parecchio e sotto molti aspetti, si, è la più difficile della stagione”.

Charles Leclerc, Ferrari, parla con la stampa

Charles Leclerc, Ferrari, parla con la stampa

Photo by: Simon Galloway / Motorsport Images

La tua ultima vittoria, così come per la Ferrari, risale ormai al Gran Premio d’Austria. Inizia ad aumentare un po' la pressione per tornare al successo?
“Non so se arriverà qui, ma la vittoria credo che arriverà presto. Dopo la pausa estiva la Red Bull sembra aver fatto un passo avanti importante, sappiamo che non sarà facile scalzarli dalla prima posizione. Ma sappiamo cosa ci serve, ed è riuscire a mettere tutto insieme la domenica, fare una gara pulita e concretizzare il massimo. Non so se ci riusciremo qui, credo che la pista non sia male considerando le caratteristiche della nostra monoposto, ma vedremo cosa accadrà”.

Hai degli obiettivi particolari in questo finale di campionato?
“In questa stagione abbiamo fatto un salto in avanti importante rispetto al 2021, ma abbiamo anche visto che serve un ultimo salto per puntare al massimo obiettivo. E io vorrei utilizzare queste ultime sei gare per migliorare gli aspetti che ci mancano in vista del 2023”.

Sei contento della presenza di Monaco nel calendario del prossimo anno?
“È la mia gara di casa, e ovviamente non posso che essere contento di aver sentito che sarà in calendario per i prossimi tre anni. Al di là del mio piacere personale, credo che sia una vetrina importante per tutta la Formula 1 nonché una tradizione che potrà andare avanti”.

Ci saranno sei gare sprint il prossimo anno. È una novità che ti piace?
“Non sappiamo ancora su quali piste si svolgeranno. Se saranno su circuiti giusti allora perché no?”.

Leggi anche:
condivisioni
commenti
F1 | Ferrari: il fondo che non c'è a Singapore diventa un caso
Articolo precedente

F1 | Ferrari: il fondo che non c'è a Singapore diventa un caso

Prossimo Articolo

F1 | Budget cap: Red Bull sotto indagine per il 2021

F1 | Budget cap: Red Bull sotto indagine per il 2021