Leclerc: "Devo avere pazienza, ma le cose cambieranno"

Il monegasco ammette di non aspettarsi un weekend molto diverso da quello di Spa nel GP d'Italia a Monza. Il giovane ferrarista è convinto che con il Mugello la situazione potrebbe cambiare, dando un quadro realistico sul vero potenziale della SF1000. E ammette di essere disposto ad aspettare una Rossa vincente, anche se cercherà di rendere questa transizione difficile la più breve possibile.

Leclerc: "Devo avere pazienza, ma le cose cambieranno"

Stringere i denti a Monza, poi arriverà qualcosa di meglio. È questo il messaggio che lancia Charles Leclerc alla vigilia del Gran Premio d’Italia, weekend nel quale la Ferrari si presenta pochi giorni dopo il peggior fine settimana vissuto dalla Scuderia negli ultimi anni.

Nessuno in Ferrari vuole illudere i tifosi, ma (come sottolinea Charles) si cercherà comunque di fare quadrato in una situazione tutt’altro che semplice.

Leclerc tranquillizza però nel futuro a lungo termine, confermando che è cosciente che servirà del tempo per tornare al vertice, ma dichiarandosi certo che l’attesa non cambierà il suo approccio: dare il massimo sempre.

A Spa avete vissuto un fine settimana difficile per tutta la squadra. Cosa è emerso dopo la corsa?
“È stato solo un weekend molto difficile, nel quale abbiamo cercato di fare del nostro meglio ma la gara alla fine è stata frustrante. Da parte mia sono partito bene, riuscendo a risalire giro dopo giro, ma poi ci sono stati dei problemi al motore ed è stato necessario intervenire durante al pit-stop perdendo un bel po' di tempo. Non sono certo questi i risultati che avremmo voluto, ma spero che questo weekend possa consentirci in una posizione migliore di quella di Spa, anche se non mi aspetto certo un miracolo”.

Considerando la situazione attuale, sei concentrato sul cercare di guidare la squadra nella risoluzione dei problemi che state accusando o la mente è già al 2022 sperando in un deciso passo avanti?
“Nella mia testa c’è spazio per entrambe le cose, ma oggi la priorità è capire perché stiamo lottando così tanto. È un passaggio importante, perché aiuterà anche in ottica futura, e per questo sto cercando di lavorare il più duramente possibile, come tutti nel team stanno continuando a fare. Vogliamo capire i problemi e partire da questo per poter avere una base solida in vista dei prossimi anni”.

Mattia Binotto ha confermato che potrebbero volerci anche degli anni prima che la Ferrari possa iniziare un ciclo vincente. Credi di avere la pazienza necessaria per poter eventualmente attendere così a lungo?
“Da un certo punto di vista posso dire che non ho scelta! Sicuramente ci vorrà un po' di pazienza, e mi sento pronto ad aspettare, ma è anche compito mio cercare di rendere l'intero processo il più breve possibile e di tornare prima possibile dove meritiamo di essere. Non sarà facile, ci vorrà del tempo, ma sono pronto, senza dimenticare che il mio lavoro è dare comunque il massimo in ogni situazione in cui ci possiamo trovare”.

Riesci ad identificare qualche qualità nella monoposto attuale? Credi inoltre che il terzo posto finale nel Mondiale Costruttori sia un obiettivo realistico?
“Punti di forza… il bilanciamento, da inizio stagione su questo fronte credo di non aver mai avuto problemi. Per quanto riguarda la terza posizione nel Mondiale Costruttori credo che al momento non sia facile rispondere a questa domanda".

"Forse avremo un quadro più chiaro dopo il weekend del Mugello, che dovrebbe confermarsi una pista in grado di offrire un quadro più realistico rispetto a Spa e Monza, piste in cui sapevamo che avremmo sofferto".

"In questo weekend non mi aspetto qualcosa di molto diverso rispetto allo scorso, ma dopo Monza la situazione dovrebbe migliorare. Non so se basterà per puntare al terzo posto, ma spingeremo per questo obiettivo e come pilota voglio assolutamente credere in quel risultato”.

Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
1/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, frena mentre si difende da Lando Norris, McLaren MCL35
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, frena mentre si difende da Lando Norris, McLaren MCL35
2/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
3/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/18

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

PitStop di Charles Leclerc, Ferrari SF1000,
PitStop di Charles Leclerc, Ferrari SF1000,
6/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
7/18

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/18

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia di partenza
Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia di partenza
9/18

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
10/18

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
11/18

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Scintille volano dall'auto di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Scintille volano dall'auto di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/18

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000 nel garage a Spa
Charles Leclerc, Ferrari SF1000 nel garage a Spa
14/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
15/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
16/18

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala posteriore
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala posteriore
17/18

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
18/18

Foto di: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
Vettel: "Le mie emozioni con la Ferrari sono sempre vive"
Articolo precedente

Vettel: "Le mie emozioni con la Ferrari sono sempre vive"

Prossimo Articolo

Sainz: "Non ho nessun rimpianto di andare in Ferrari!"

Sainz: "Non ho nessun rimpianto di andare in Ferrari!"
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021