F1: le cinque domande senza una risposta certa

La stagione 2020 inizia a Spielberg con una serie di interrogativi: Bottas chiuderà il suo ciclo con la Mercedes per fare posto a Russell. Verstappen al sesto anno di F1 lotterà per il mondiale? Quale futuro per McLaren,Williams e Haas?

F1: le cinque domande senza una risposta certa

Ultima stagione Mercedes per Bottas?

Valtteri Bottas pronto per il GP d'Austria

Valtteri Bottas pronto per il GP d'Austria

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

L’abitudine ormai l’ha fatta. Da quando ha iniziato la sua carriera nel Motorsport, Valtteri Bottas non ha mai avuto la tranquillità garantita da un contratto biennale. C’è però una differenza tra la situazione attuale e quella vissuta dal finlandese nelle estati precedenti, ed è la presenza sempre più ingombrante di George Russell, pilota del programma junior Mercedes ormai pronto per il grande salto.

Dopo aver messo da parte Esteban Ocon, per Toto Wolff sta arrivando il momento di dare un senso agli investimenti profusi nel vivaio nell’arco di diversi anni ed ecco perché l’ennesimo rinnovo di Bottas appare decisamente meno scontato del solito.

Il suo destino potrebbe essere già scritto, ed in questo caso sarebbe un futuro lontano dalla squadra in cui milita dal 2017.

Sarà la consacrazione di Max?

Max Verstappen, Red Bull Racing

Max Verstappen, Red Bull Racing

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

E se il 2020 dovesse davvero essere la stagione di Max Verstappen, si potrebbe parlare di un verdetto a sorpresa? Alla vigilia della sua sesta stagione in Formula 1 l’olandese della Red Bull sembra avere tutto ciò che serve per essere considerato un pilota da Mondiale, ma ovviamente l’ultima parola spetta alla pista.

L’ultimo esame che attende Max (giustamente atteso da diversi addetti ai lavori) sarà l’approccio da alta classifica, ovvero il saper correre con in mente non solo il risultato di tappa, ma anche la classifica generale.

Qualcosa cambia, lo hanno confermato (e continuano a confermarlo) molti top-driver, costretti in alcune circostanze a rinunciare ad un’esuberanza istintiva per non rischiare quello ‘zero’ nella classifica di tappa che diventa un handicap pesantissimo con l’attuale sistema di punteggio.

Andando a rivedere il 2019 di Verstappen emerge comunque un pilota con un ottimo rendimento, con due sole battute a vuoto che lo hanno però visto parte in causa. Poca roba? Forse, ma non quando si ha a che fare con Hamilton.

L’ultima volta che Lewis ha mancato la zona punti è stato nel Gran Premio di Austria del 2018 (problema di pressione carburante) ed in precedenza bisogna risalire al Gran Premio di Spagna del 2016, a causa della ormai storica carambola nel primo giro con Nico Rosberg. Per vincere i titoli Mondiali serve anche questo, ma è davvero l’ultimo esame che Verstappen dovrà superare per essere ammesso al club dei top-driver.

Chi lotta per non uscire dal Circus?

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Come ogni stagione, anche il 2020 vedrà un gruppo di piloti lottare per assicurarsi un sedile in vista del prossimo Mondiale. Il mercato 2021 è di fatto già iniziato, ma mentre in alcuni casi i rinnovi sono di fatto quasi scontati, in altri c’è chi dovrà attendere a lungo cercando di far bene in pista per vedersi offrire l’attesa estensione di contratto.

Oltre ai piloti Toro Rosso (il loro destino è come da tradizione nelle mani di Helmut Marko), anche il tandem della Haas dovrà sperare di far bene ed attendere l’evoluzione degli eventi.

Diverso è il discorso che riguarda Vettel che potrebbe accettare una eventuale proposta da parte di una realtà meno prestigiosa della Ferrari, o pianificare un anno sabbatico.

Anche nel caso di Kimi Raikkonen non è da escludere che il 2020 sia l’ultimo giro di giostra, ma con Iceman… mai dire mai.

Albon, Russell e Norris. Da meteore a certezze?

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Dopo la sorpresa l’obiettivo diventa la consacrazione. Si è detto molto sul gruppo di piloti che lo scorso anno ha esordito in Formula 1, ragazzi giovani, di grande talento e capaci di convincere in breve tempo di valere l’investimento.

Una qualità dei grandi, quella di bruciare le tappe, ma in Formula 1 non basta un buon esordio per vivere di rendita. Nel 2019, seppure in condizioni differenti, Alex Albon, George Russell e Lando Norris hanno raggiunto e probabilmente superato le aspettative delle rispettive squadre, garantendosi pacche sulle spalle ma allo stesso tempo alzando l’asticella degli obiettivi 2020.

Complice anche una situazione di mercato che ha portato un solo esordiente al via della stagione che scatterà tra qualche giorno, Albon, Russell e Norris restano comunque tre baby della Formula 1, ma dovranno confermare quanto di buono fatto vedere finora per trasformarsi in ‘certezze’ su cui investire nel lungo periodo.

Williams, McLaren e Haas: cosa dirà il futuro?

Nuova livrea Williams 2020

Nuova livrea Williams 2020

Photo by: Williams

La McLaren ha trovato ossigeno grazie ad un supporto finanziario garantito dal Bahrain, la Williams è a caccia di un proprietario in grado di garantirle un futuro migliore del presente e nel quadro dei team che non hanno ancora definito in modo nitido i loro piani nel lungo periodo c’è anche la Haas.

Il 2020 dovrà anche dare una risposta ai timori di squadre che si ritrovano in acque finanziarie non proprio calme ed anche se l’approvazione del regolamento che prevede un budget cap è stato un grande aiuto, non tutti i problemi sono alle spalle.

C’è chi lotterà per un titolo Mondiale e chi dovrà soprattutto avere le garanzie su cui pianificare un futuro tranquillo, una sfida di certo non meno impegnativa. Anche questo è uno degli interrogativi del 2020, ma il paddock è compatto nella speranza che arrivino solo buone notizie.

condivisioni
commenti
F1: piloti in ginocchio sulla griglia contro il razzismo?

Articolo precedente

F1: piloti in ginocchio sulla griglia contro il razzismo?

Prossimo Articolo

Simulazione GP d'Austria: i segreti del giro molto corto

Simulazione GP d'Austria: i segreti del giro molto corto
Carica commenti
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021
F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia? Prime

F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia?

Ci si lamenta spesso che la Formula 1 sia noiosa, ma se in realtà il problema nascesse da una regia internazionale che spesso manca i numerosi duelli che avvengono in pista per poi riproporli soltanto tramite replay?

Formula 1
20 lug 2021
GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis Prime

GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis

La Ferrari e Charles Leclerc assaporano una vittoria che al Cavallino manca dal GP di Singapore 2019. Charles è stato beffato a due giri dal termine dalla rimonta di Hamilton, che ha piegato la resistenza del ferrarista a pochi km dal traguardo

Formula 1
19 lug 2021
Minardi: "Per Hamilton mi aspettavo uno stop-and-go" Prime

Minardi: "Per Hamilton mi aspettavo uno stop-and-go"

Tanti i fatti da commentare e tanti i promossi e i bocciati regalati dal Gran Premio di Gran Bretagna 2021. Le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
19 lug 2021
Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale" Prime

Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Gran Bretagna in questa puntata di Piloti Top Secret in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Focus importante sul momento chd ha deciso la gara, ovvero l'incidente tra Hamilton e Verstappen. E non è Lewis ad avere torto al 100%...

Formula 1
19 lug 2021