La Williams chiede una chiarificazione sugli scarichi

La Williams chiede una chiarificazione sugli scarichi

Sam Michael non vuole aspettare il 16 giugno per avere una risposta sulla legalità dell'idea

La Williams chiede una chiarificazione regolamentare alla FIA sugli scarichi soffianti in fase di rilascio. Il team di Grove per bocca del sua direttore tecnico, Sam Michael, insiste con Charlie Whiting perché la situazione si definisca ben prima del 16 giugno quando si riunirà il Technical Working Group di Formula 1. La FIA, infatti, in una lettera ai team aveva dichiarato illegali gli scarichi che in decelerazione soffiano aria calda nel diffusore posteriore. Per i commissari tecnici, infatti, il motore verrebbe utilizzano non per produrre coppia o potenza, ma solo dei vantaggi aerodinamici e come tali i gas roventi potrebbero essere considerati dei dispositivi aerodinamici mobili. Non solo ma il funzionamento di questa soluzione (taglio della miscela di benzina e dell'accensione grazie ad un ritardo dell'anticipo: chi è in pista può cogliere un suono molto diverso dei V8 che adottano questa interessante trovata) non è gestito dal pilota e dal punto di vista della sicurezza non è certo il massimo sapere che le monoposto arrivano in staccata a oltre 300 km/h con le farfalle del propulsore aperte... Sam Michael, parlando con l'inglese AUTOSPORT, invoca una decisione della FIA più rapida perché la Williams deve decidere se fare un investimento economico con la Cosworth per adeguare anche il motore inglese alla nuova moda e se è meglio risparmiare quei soldi per altre soluzioni da sviluppare, ben sapendo che gli scarichi soffianti in rilascio saranno banditi dal Circus. Sulla stessa linea di condotta si trovano anche HRT e Virgin. Vedremo quali saranno gli sviluppi...
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Rubens Barrichello
Articolo di tipo Ultime notizie