F1 | La tempesta Eunice ha ritardato l’allarme porpoising in Mercedes

La Mercedes ha avuto modo di rendersi conto della gravità dei suoi problemi di porpoising solo durante i test pre-stagionali di Formula 1, dopo che la tempesta Eunice ha avuto ripercussioni sul primo shakedown delle monoposto 2022 a Silverstone.

F1 | La tempesta Eunice ha ritardato l’allarme porpoising in Mercedes
Carica lettore audio

La Mercedes ha provato per la prima volta la sua W13 a Silverstone a febbraio, quando il Regno Unito è stato colpito dalla tempesta Eunice, con raffiche di vento che hanno superato le 120 miglia orarie, causando la chiusura di diverse reti di trasporto. George Russell ha descritto il vento di quel giorno come "assolutamente folle", ma ha anche fatto in modo che la Mercedes non riuscisse a farsi un'idea completa di quanto fosse grave il problema del porpoising fino al primo test vero e proprio a Barcellona.

Andrew Shovlin, responsabile dell'ingegneria di pista della Mercedes, ha dichiarato che, sebbene il team avesse discusso dei potenziali problemi legati al ritorno dell'effetto suolo, non aveva previsto il tipo di meccanismo che ha effettivamente preoccupato. “Quando eravamo a Silverstone, c'era una tempesta, con venti a 70 miglia orarie", ha dichiarato Shovlin a Motorsport.com in un'intervista che ripercorre la stagione della Mercedes.

 

"Spesso si parte con una vettura piuttosto alta per fare shakedown e altro, per evitare di danneggiarla e poi abbassarla in seguito. Quel giorno, invece, abbiamo fatto girare la macchina a velocità normale e abbiamo iniziato a vedere il problema. Ma è stato solo quando siamo arrivati a Barcellona che abbiamo potuto osservarla bene su un circuito ragionevole e iniziare a capire cosa stava succedendo".

Anche se la Mercedes ha apportato aggiornamenti alla vettura per il secondo test in Bahrain, il team ha continuato a lottare con i sobbalzi della vettura, un problema che si è protratto per tutta la stagione e che ha ostacolato le sue possibilità di competere con Red Bull e Ferrari in testa al gruppo. Shovlin ha considerato i test pre-stagionali e la ricerca di risposte come un "momento particolare" per la Mercedes, definendo il porpoising "forse la cosa più complicata che abbiamo mai dovuto affrontare".

"Ma i progressi sono stati piuttosto progressivi e incoraggianti, tutto quello che stavamo facendo aveva sempre più senso", ha detto Shovlin. "Quello che non avevamo capito è che il problema era molto simile agli strati di una cipolla. Se la sbucci, ti ritrovi sempre davanti alla stessa cosa, indipendentemente dal numero di strati che togli. E ci siamo resi conto che ci sono alcuni meccanismi in gioco.

"Il problema è che affrontare questa sfida mentre si corre è molto più emotivo, molto più difficile, molto più stressante che affrontarla in fabbrica quando possiamo esplorare le cose con i nostri tempi. L'inizio dell'anno è stato difficile, perché, dopo essere stata una squadra che negli ultimi anni è andata a quasi tutte le gare pensando di poter fare la pole e vincere, sapere che nel migliore dei casi eravamo in testa al gruppo, è stata una bella sfida. Ma la realtà è che c'è un ritardo significativo tra la comprensione in fabbrica e la macchina da corsa che va effettivamente più veloce. E Barcellona è stata la prima volta in cui siamo riusciti a mettere in pratica in pista quanto appreso".

 

I problemi hanno costretto la Mercedes a reimpostare alcune delle sue idee tecniche. Shovlin ha detto che se si fosse concentrata solo sull'apertura della stagione in Bahrain o sulle prime gare, avrebbe "probabilmente intrapreso una strada molto più sperimentale". La squadra si è invece concentrata sulla ricerca di una soluzione a lungo termine per il problema: "A quel punto, come ingegneri, stavamo guardando la cosa dal punto di vista che abbiamo questi regolamenti per quattro anni. E ciò che danneggerà davvero la squadra non è se vinceremo in Bahrain, ma se riusciremo a svilupparci all'interno di questi regolamenti nelle stagioni successive. Questa è stata la cosa che ci ha spaventato: se non possiamo sviluppare le cose in fabbrica, realizzarle, portarle in pista, vederle funzionare, allora la stessa valuta con cui abbiamo a che fare, in termini di prestazioni, diventa priva di valore. Questo, a volte, ci terrorizzava".

Leggi anche:
condivisioni
commenti
F1 | Norris: "MCL36 lontana dai miei gusti. Mi sono adattato"
Articolo precedente

F1 | Norris: "MCL36 lontana dai miei gusti. Mi sono adattato"

Prossimo Articolo

F1 | Wolff: "Penso ancora ad Abu Dhabi ogni giorno"

F1 | Wolff: "Penso ancora ad Abu Dhabi ogni giorno"