F1: la sfida iridata Mercedes - Red Bull si gioca in due settimane

Il trittico di GP che propone Belgio - Olanda - Italia in quindici giorni potrebbe dare una fisionomia più chiara alla sfida iridata fra Lewis Hamilton e Max Verstappen. La Mercedes dopo Silverstone ha recuperato competitività, ma la Red Bull ha perso tutto il vantaggio costruito con cinque vittorie di fila a causa di due incidenti. La ripartenza della stagione dopo la sosta estiva deve chiarire quali sono gli effettivi valori in campo.

F1: la sfida iridata Mercedes - Red Bull si gioca in due settimane

Tre Gran Premi in quindici giorni. Terminata la pausa estiva, il ritorno all’attività della Formula 1 sarà una full-immersion che terminerà con la bandiera a scacchi del Gran Premio d’Italia. L’attesa che precede la ‘tripletta’ Spa-Zandvoort-Monza è altissima, un interesse accresciuto dagli esiti delle due tappe che hanno preceduto la sosta estiva, verdetti che hanno ribaltato di fatto la classifica generale.

La triple-header che scatterà il prossimo weekend a Spa darà risposte molto importanti nell’ottica di un Mondiale che dopo l’Austria-bis sembrava essere indirizzato a grandi passi nella direzione Red Bull.

Verstappen aveva lasciato Spielberg con un doppio successo di tappa e trentadue punti di vantaggio su Lewis Hamilton, un margine costruito in due mesi di dominio svanito nell’arco di due settimane tra Silverstone e Budapest.

La prima risposta che arriverà da Spa sarà in merito alle gerarchie con cui si avvierà il girone di ritorno del 2021. Da una parte ci sono le classifiche, che vedono Hamilton e la Mercedes nell’abituale (per loro) prima posizione, ma dall’altra c’è la sensazione che le graduatorie ‘piloti’ e ‘Costruttori’ non rispecchino fedelmente ciò che abbiamo visto in pista nella prima metà di stagione.

Il brusco ‘stop’ alla cavalcata di Verstappen è arrivato per motivi estranei alle doti tecniche della Red Bull-Honda, ed in parte anche all’operato di Max, autore di un girone d’andata straordinario.

Gli episodi che hanno condizionato fortemente i verdetti di Silverstone e Budapest hanno rinviato il confronto tecnico tra la Mercedes aggiornata che ha esordito nel Gran Premio di Gran Bretagna e la Red Bull, un duello che per ora si è visto solo nella Sprint Qualifying disputata nella tappa inglese con esito a favore di Verstappen.

Il Gran Premio del Belgio, si spera, dovrebbe emettere un verdetto su questo importantissimo fronte, indicando lo stato dell’arte tecnico con cui inizierà il conto alla rovescia verso il finale di stagione.

“Spa è la mia pista preferita – ha commentato Verstappen alla vigilia della ripresa del Mondiale – e penso anche che sia il circuito giusto per riprendere la nostra lotta per il campionato, sono ben preparato e mi sento a posto in vista del fine settimana che ci aspetta”.

In casa Red Bull c’è grande fiducia, Christian Horner & C. sono convinti di avere il pacchetto monoposto-squadra-pilota più competitivo, e non sembrano essere sotto pressione come gli avversari diretti, che a dispetto della doppia leadership nelle classifiche generali si sentono ancora inseguitori.

“Arriviamo a Spa in una buona posizione – ha commentato Toto Wolff – conduciamo entrambi i campionati e la W12 sembra aver tratto giovamento dagli aggiornamenti introdotti a Silverstone. Ma sappiamo che ci aspetta una lunga strada da percorrere, e può ancora succedere ancora molto in questa stagione caratterizzata finora da alti e bassi”.

Che la W12 abbia tratto giovamento dagli aggiornamenti di Silverstone è un dato di fatto, ma finora è però mancata la prova che l’upgrade abbia portato la Mercedes nella posizione di potersela giocare con la Red Bull.

I 44 giri di Spa in programma domenica diranno soprattutto questo, e la posta in palio sembra essere maggiore dei 25 punti in palio, bottino in sé già preziosissimo considerando i margini minimi tra Verstappen e Hamilton nella classifica generale.

La Red Bull è chiamata a fare bottino pieno per riprendersi quella leadership che considera sua, ed anche per cercare di ricostruire un certo margine sul tandem Hamilton-Mercedes che la metterebbe al sicuro dalla probabile penalità che arriverà nella fase finale di stagione, quando sarà necessario ricorrere alla power unit numero 4.

L’unico motivo di stress per la squadra di Milton Keynes è legato agli imprevisti, un lusso che né Verstappen e né la Red Bull possono più permettersi.

La doccia fredda di Silverstone e Budapest ha riportato la squadra alla situazione post-Barcellona, quando Max si è ritrovato a 14 punti da Hamilton e la Red Bull a 29 dalla Mercedes. Con quattro vittorie nelle cinque gare successive cinque tappe Verstappen ha riportato la situazione a suo favore, exploit che spera di poter ripetere tra Spa, la gara di casa a Zandvoort e Monza. Ma serviranno il miglior Max e la miglior Red Bull, e soprattutto servirà tornare a terminare le gare senza imbattersi in errori e circostanze sfortunate.

condivisioni
commenti
Come le ossessioni di Chapman hanno frenato la Lotus post Clark

Articolo precedente

Come le ossessioni di Chapman hanno frenato la Lotus post Clark

Prossimo Articolo

Schumacher: ecco il trailer del documentario Netflix

Schumacher: ecco il trailer del documentario Netflix
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021