F1: la sfida iridata Mercedes - Red Bull si gioca in due settimane

Il trittico di GP che propone Belgio - Olanda - Italia in quindici giorni potrebbe dare una fisionomia più chiara alla sfida iridata fra Lewis Hamilton e Max Verstappen. La Mercedes dopo Silverstone ha recuperato competitività, ma la Red Bull ha perso tutto il vantaggio costruito con cinque vittorie di fila a causa di due incidenti. La ripartenza della stagione dopo la sosta estiva deve chiarire quali sono gli effettivi valori in campo.

F1: la sfida iridata Mercedes - Red Bull si gioca in due settimane

Tre Gran Premi in quindici giorni. Terminata la pausa estiva, il ritorno all’attività della Formula 1 sarà una full-immersion che terminerà con la bandiera a scacchi del Gran Premio d’Italia. L’attesa che precede la ‘tripletta’ Spa-Zandvoort-Monza è altissima, un interesse accresciuto dagli esiti delle due tappe che hanno preceduto la sosta estiva, verdetti che hanno ribaltato di fatto la classifica generale.

La triple-header che scatterà il prossimo weekend a Spa darà risposte molto importanti nell’ottica di un Mondiale che dopo l’Austria-bis sembrava essere indirizzato a grandi passi nella direzione Red Bull.

Verstappen aveva lasciato Spielberg con un doppio successo di tappa e trentadue punti di vantaggio su Lewis Hamilton, un margine costruito in due mesi di dominio svanito nell’arco di due settimane tra Silverstone e Budapest.

La prima risposta che arriverà da Spa sarà in merito alle gerarchie con cui si avvierà il girone di ritorno del 2021. Da una parte ci sono le classifiche, che vedono Hamilton e la Mercedes nell’abituale (per loro) prima posizione, ma dall’altra c’è la sensazione che le graduatorie ‘piloti’ e ‘Costruttori’ non rispecchino fedelmente ciò che abbiamo visto in pista nella prima metà di stagione.

Il brusco ‘stop’ alla cavalcata di Verstappen è arrivato per motivi estranei alle doti tecniche della Red Bull-Honda, ed in parte anche all’operato di Max, autore di un girone d’andata straordinario.

Gli episodi che hanno condizionato fortemente i verdetti di Silverstone e Budapest hanno rinviato il confronto tecnico tra la Mercedes aggiornata che ha esordito nel Gran Premio di Gran Bretagna e la Red Bull, un duello che per ora si è visto solo nella Sprint Qualifying disputata nella tappa inglese con esito a favore di Verstappen.

Il Gran Premio del Belgio, si spera, dovrebbe emettere un verdetto su questo importantissimo fronte, indicando lo stato dell’arte tecnico con cui inizierà il conto alla rovescia verso il finale di stagione.

“Spa è la mia pista preferita – ha commentato Verstappen alla vigilia della ripresa del Mondiale – e penso anche che sia il circuito giusto per riprendere la nostra lotta per il campionato, sono ben preparato e mi sento a posto in vista del fine settimana che ci aspetta”.

In casa Red Bull c’è grande fiducia, Christian Horner & C. sono convinti di avere il pacchetto monoposto-squadra-pilota più competitivo, e non sembrano essere sotto pressione come gli avversari diretti, che a dispetto della doppia leadership nelle classifiche generali si sentono ancora inseguitori.

“Arriviamo a Spa in una buona posizione – ha commentato Toto Wolff – conduciamo entrambi i campionati e la W12 sembra aver tratto giovamento dagli aggiornamenti introdotti a Silverstone. Ma sappiamo che ci aspetta una lunga strada da percorrere, e può ancora succedere ancora molto in questa stagione caratterizzata finora da alti e bassi”.

Che la W12 abbia tratto giovamento dagli aggiornamenti di Silverstone è un dato di fatto, ma finora è però mancata la prova che l’upgrade abbia portato la Mercedes nella posizione di potersela giocare con la Red Bull.

I 44 giri di Spa in programma domenica diranno soprattutto questo, e la posta in palio sembra essere maggiore dei 25 punti in palio, bottino in sé già preziosissimo considerando i margini minimi tra Verstappen e Hamilton nella classifica generale.

La Red Bull è chiamata a fare bottino pieno per riprendersi quella leadership che considera sua, ed anche per cercare di ricostruire un certo margine sul tandem Hamilton-Mercedes che la metterebbe al sicuro dalla probabile penalità che arriverà nella fase finale di stagione, quando sarà necessario ricorrere alla power unit numero 4.

L’unico motivo di stress per la squadra di Milton Keynes è legato agli imprevisti, un lusso che né Verstappen e né la Red Bull possono più permettersi.

La doccia fredda di Silverstone e Budapest ha riportato la squadra alla situazione post-Barcellona, quando Max si è ritrovato a 14 punti da Hamilton e la Red Bull a 29 dalla Mercedes. Con quattro vittorie nelle cinque gare successive cinque tappe Verstappen ha riportato la situazione a suo favore, exploit che spera di poter ripetere tra Spa, la gara di casa a Zandvoort e Monza. Ma serviranno il miglior Max e la miglior Red Bull, e soprattutto servirà tornare a terminare le gare senza imbattersi in errori e circostanze sfortunate.

condivisioni
commenti
Come le ossessioni di Chapman hanno frenato la Lotus post Clark
Articolo precedente

Come le ossessioni di Chapman hanno frenato la Lotus post Clark

Prossimo Articolo

Schumacher: ecco il trailer del documentario Netflix

Schumacher: ecco il trailer del documentario Netflix
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021