La Pirelli prevede tre soste per il Gp di Turchia

La Pirelli prevede tre soste per il Gp di Turchia

Hembery soddisfatto: Vettel più veloce della pole dell'anno scorso di un secondo

Nelle qualifiche del Gp di Turchia, Pirelli ha stabilito il giro record in prova grazie al tempo di 1'25"049 segnato dal pilota della Red Bull Racing Sebastian Vettel. Il pilota tedesco ha conquistato così la sua quinta pole position consecutiva, la 19° in carriera, risultando un secondo più veloce della pole position dello scorso anno, 1'26"295. Il Presidente della Pirelli, Marco Tronchetti Provera, al proposito ha ricevuto i complimenti di Bernie Ecclestone e poi ha incontrato tutti i piloti davanti al motorhome Pirelli. La sfida del circuito dell’Istanbul Park è riassunta dalla nota curva 8 con più punti di corda, che mette particolarmente sotto stress la gomma anteriore destra. Nonostante questo carico enorme, durante il quale gli pneumatici sono sottoposti a 4,5 G di accelerazione laterale e a circa 950 kg di forza verticale, fino a questo punto del weekend le coperture Pirelli hanno risposto bene alle sollecitazioni. Il commento del Direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery: “E’ stata una grande sessione di qualifica e voglio congratularmi non solo con Sebastian Vettel ma anche con la Mercedes per una performance fantastica. Ci sono tutti gli ingredienti per assistere a una gara emozionante domani. In termini di degrado degli pneumatici, l’anteriore destra è il fattore limitante, ma abbiamo già visto che qui si completano fino a 20 giri con questo pneumatico, quindi sono convinto che non dovrebbero esserci problemi. Prevediamo gara asciutta, per cui dovremmo avere circa tre pit-stop, ma è probabile che alcune squadre provino soluzioni differenti: solo uno degli elementi che hanno reso la Formula Uno così interessante quest’anno”.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag tuning