La Mercedes non è più solo un miraggio per la Ferrari

Nel GP di Gran Bretagna la Mercedes di Hamilton ha beneficiato di un nuovo pacchetto aerodinamico che ha permesso di esaltare anche le doti del motore di Brixworth. Lewis con le gomme hard ha imposto un passo nettamente superiore a quello della Ferrari di Leclerc che, invece, con le coperture medie si era difeso in modo strepitoso. Scopriamo dove stanno ancora le differenze.

La Mercedes non è più solo un miraggio per la Ferrari

Se il ritorno alla vittoria della Mercedes con Lewis Hamilton è la notizia che più ha avuto un impatto nella classifica del mondiale piloti, tenuto conto dello zero di Max Verstappen come risultato del crash al primo giro del GP di Gran Bretagna, è indubbio che la sorpresa di Silverstone sia stata la Ferrari, capace con Charles Leclerc di lottare per il successo per 50 dei 52 giri previsti.

Una volta consumato il patatrac del primo giro, il monegasco ha avuto l’autorevolezza di andare al comando della corsa e dalla ripartenza dalla bandiera rossa è stato capace di imporre un passo alla SF21 che lo ha tenuto al comando fino a due giri dalla fine.

Certo, Lewis Hamilton ha dovuto scontare i 10 secondi di penalità, per pagare la colpa relativa del crash con Verstappen, ma la Ferrari ha confermato di non essere più una cenerentola. Anzi, la squadra del Cavallino sembra sempre più intenzionata a rientrare nel novero dei top team, contrastando alla McLaren il ruolo di terza forza nel mondiale Costruttori.

Se Leclerc è stato imperioso nel tenere testa alla W12 di Lewis quando disponeva di gomme gialle (nel primo stint), il monegasco ha dovuto faticare di più quando, dopo il pit stop, è passato alle coperture bianche, le C1 di mescola più dura.

Dall’analisi delle telemetrie effettuata dallo staff di Matteo Bobbi emerge in modo inequivocabile che il ricongiungimento della freccia nera con la Rossa non fosse in dubbio: la domanda era solo in quanto tempo. Leclerc ha resistito fino a due giri dalla bandiera a scacchi, dando un saggio delle sue grandi qualità, prima di essere inesorabilmente infilato a Copse da un Hamilton lanciatissimo verso il successo numero 99.

Con le scarpe bianche la Mercedes ha messo in luce un divario sul giro più veloce di 870 millesimi sulla Ferrari, un gap che non era così appariscente con le gialle. L’aspetto che emerge dal grafico è che la Rossa soffriva di più nel primo settore della pista, sommando un distacco di quasi tre decimi al giro che man mano si è ridotto nel secondo e terzo settore.

Per prima cosa bisogna mettere in rilievo che Hamilton ha potuto beneficiare di un pacchetto aerodinamico nuovo che gli ha permesso di rivaleggiare di nuovo con la Red Bull RB16B che nei cinque GP precedenti a quello inglese aveva dato l’impressione di essere nettamente superiore alla monoposto di Brackley.

Analizzando le curve dei grafici emerge come la superiorità Mercedes sia emersa dappertutto, ma solo con il campione del mondo, perché Valtteri Bottas è rimasto sempre dietro al ferrarista. L’andamento sinusoidale delle linee è simile. Con la SF21 sempre un pelo sotto alla W12, tranne che in due punti, nel Complex alla curva Village e The Loop e poi prima dell’ultima chicane Vale.

In particolare grazie al nuovo fondo che ha sostituito quello con le “onde”, la freccia nera sembra in grado di produrre downforce con il corpo vettura, potendo tornare a scaricare un po’ le ali, esaltando le qualità della power unit F1 M12 E Performance. Il motore di Brixworth fa una evidente differenza nei rettilinei, mentre lo 065/6 sembra difendersi egregiamente nella fase della prima accelerazione, mettendo in mostra le doti di trazione della SF21.

Il responso è netto: la Ferrari non è ancora in grado di rompere l’egemonia di Mercedes (e Red Bull), ma su piste congeniali alla Rossa come all’Hungaroring, può dare dei dispiaceri ai due contendenti per il mondiale, perché la potenza del motore conta di meno e si esaltano le doti di trazione in uscita dalle curve che non sono così lente come a Monte Carlo, perché la velocità media di Budapest è decisamente più elevata che nel Principato pur restando una pista stop-and-go.

condivisioni
commenti
Ferrari SF21: il... cambio di passo nasce dal differenziale più alto

Articolo precedente

Ferrari SF21: il... cambio di passo nasce dal differenziale più alto

Prossimo Articolo

F1 2021: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP di Ungheria

F1 2021: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP di Ungheria
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021