Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | La McLaren non teme di poter perdere Lando Norris

La McLaren ribadisce di avere piena fiducia nella possibilità di tenere Lando Norris a lungo termine, nonostante sia un obiettivo ovvio per altre squadre di Formula 1. 

Lando Norris, McLaren Zak Brown, CEO, McLaren Racing

Lando Norris, McLaren Zak Brown, CEO, McLaren Racing

Simon Galloway / Motorsport Images

Lando Norris è sotto contratto con la squadra di Woking fino alla fine del 2025, dopo aver firmato un nuovo accordo all'inizio dell'anno.

Tuttavia, la partenza del team principal Andreas Seidl verso la Sauber ha già fatto pensare che, quando la scuderia si ridenominerà Audi per il 2026, potrebbe tentare di attirare Norris.

L'amministratore delegato della McLaren, Zak Brown, è consapevole che la velocità di Norris lo rende un'opzione attraente per i concorrenti della sua squadra, ma ritiene che ci siano tutti i presupposti perché la scuderia di Woking possa offrire esattamente ciò che è necessario per trattenerlo a bordo.

Alla domanda se teme che la McLaren possa perdere Norris se non farà abbastanza progressi, Brown ha risposto: "No, perché sono convinto che gli daremo una macchina vincente".

"Abbiamo un contratto a lungo termine con lui. Credo che si senta molto a suo agio all'interno della squadra".

"A parte la pressione che ovviamente esercitiamo su di noi, perché non vogliamo solo dargli una macchina vincente, ma vogliamo anche darci una macchina vincente. Quindi, credo che siamo sulla strada giusta per arrivarci".

"Lui conosce il percorso che stiamo facendo. Lo ha accettato e credo che sarebbe presto per preoccuparsi".

Lando Norris, McLaren MCL36

Lando Norris, McLaren MCL36

Photo by: Erik Junius

Brown sottolinea che Norris ha impressionato da quando è arrivato in F1, consapevole del fatto che non tutte le stelle delle categorie minori riescono a fare bene quando sbarcano nel Circus.

"Ogni volta che ha fatto un passo avanti, ti ha dato una ragione per credere che il passo successivo sarebbe stato grandioso", ha aggiunto Brown.

"Ma abbiamo visto piloti che sono stati grandi lungo il percorso e poi, quando sono arrivati al top, non sai se è stato merito loro o della situazione: Jan Magnussen, per esempio? Era un fenomeno in tutto e per tutto e poi non ha funzionato in F1. Jos Verstappen è stato spesso velocissimo in tutto, ma non ha funzionato in F1".

"Lando era mega in tutto. E ha funzionato in F1. In effetti, la cosa che mi fa più piacere vedere non è solo la sua velocità, ma anche il numero limitato di errori che commette ed il suo comportamento in gara".

"Guardando Lando, il primo anno. Aveva il passo, ma probabilmente non aveva i gomiti abbastanza aperti. Ora è corretto, ma è un pilota duro quando si corre".

Brown ritiene inoltre il suo nuovo compagno di squadra, l'esordiente Oscar Piastri, sarà in grado di essere subito vicino a Norris.

"Penso che Lando sia uno dei piloti più veloci sulla griglia e mi aspetto che Oscar gli starà vicino", ha spiegato.

"Mi aspetto che Oscar abbia alcune opportunità di batterlo e viceversa. Ed è ovviamente quello che si vuole, no? Si tratta di avere due piloti che si trovano uno accanto all'altro e che possono anche invertire il loro ordine".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Tombazis: "Nessuno barava col fondo ma c'era spazio per dei trucchi"
Prossimo Articolo F1 | Aston Martin: il motore clienti Mercedes non è uno svantaggio

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia