La McLaren MCL35M quanto diventa una Mercedes?

Lenedì sera alle ore 20 caleranno i veli della McLaren MCL35M via web: quella di Woking sarà la prima monoposto 2021 che verrà presentata, accendendo tutte le luci della ribalta su di sé. La vettura concepita da James Key sarà sempre più somigliante a una Mercedes: oltre alla power unit di Brixworth, saranno montati il cambio e la sospensione posteriore della Stella. E' una macchina nuova anche nel telaio e potrebbe essere una sorpresa.

La McLaren MCL35M quanto diventa una Mercedes?

Lunedì 15 alle ore 20 italiane scopriremo la prima monoposto 2021: sarà la McLaren MCL35M che aprirà il nuovo corso.

La squadra di Woking ha ridisegnato la macchina per ospitare la power unit Mercedes al posto di quella Renault, per cui ha avuto la deroga per rifare il telaio nella parte posteriore. Sarà, quindi, una Formula 1 completamente nuova anche se manterrà la sigla dello scorso anno con l’aggiunta della lettera M che sta proprio per Mercedes.

Il team di Woking ha conseguito un eccellente terzo posto nel mondiale Costruttori l’anno scorso con il motore francese e il passaggio alla power unit AMG M12 dovrebbe costituire un indiscutibile salto di qualità, anche se i “trapianti” non sempre danno risultati straordinari al primo colpo.

La vettura che è stata pensata dal gruppo di tecnici capeggiati da James Key ha lavorato sodo per sfruttare il migliore packaging che la power unit della Stella assicura rispetto alla più complicata unità di Viry Chatillon e, specie il retrotreno, sarà destinato a uniformarsi alle scelte viste sulle frecce nere, in abbinamento con le "copiature" dell'Aston Martin (ex Racing Point).

McLaren MCL35, confronto dei musi: nel tondo quello stretto con il cape in stile Mercedes

McLaren MCL35, confronto dei musi: nel tondo quello stretto con il cape in stile Mercedes

Photo by: Giorgio Piola

Mercedes W11, dettaglio del muso e dell'ala anteriore

Mercedes W11, dettaglio del muso e dell'ala anteriore

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Già l'anno scorso era stato introdotto un muso stretto nel GP di Toscana che era un primo orientamento verso i canoni Mercedes: erano spariti i piloni dell'ala con i soffiaggi per fare posto al cape.

Il propulsore di Brixworth, per esempio, funziona con un impianto di raffreddamento che consente l’adozione di radiatori più piccoli rispetto allo scorso anno, ragione per cui le pance dovrebbero beneficiare di un disegno tale da ridurre la resistenza all’avanzamento, per quanto la “papaya” fosse già molto buona nei curvoni veloci, mentre difettava nei tornanti, nelle chicane e nelle curve lente.

La sospensione posteriore della Mercedes W11 che verrà adottata anche dalla McLaren MCL35M

La sospensione posteriore della Mercedes W11 che verrà adottata anche dalla McLaren MCL35M

Photo by: Giorgio Piola

La MCL35M adotta quest’anno anche il cambio della Mercedes, per cui per logiche economie di scala monterà anche la sospensione posteriore che è stata pensata a Brackley: il Costruttore rinuncia a un pezzetto di "sovranità", accedendo a piene mani a quanto viene offerto dall'eccellente supermarket della F1 che Toto Wolf ha organizzato in casa.

Non ci dovremo sorprendere, quindi, se vedremo il braccio inferiore essere infulcrato alla struttura deformabile piuttosto che alla scatola della trasmissione.

La modifica, ovviamente, non ha finalità meccaniche, ma esclusivamente aerodinamiche per favorire l’incremento di carico del diffusore, visto che si dovrà recuperare la perdita del 10% di downforce causata dai tagli imposti dalla FIA con l’abolizione degli slot sul fondo e la minore superficie del pavimento.

Daniel Ricciardo sarà il pilota che affiancherà Lando Norris al posto di Carlos Sainz approdato in Ferrari: l’australiano, dopo essere tornato sul podio con la Renault, ambisce a fare bene nel 2021 con la McLaren.

Daniel Ricciardo, fa il sedile sulla McLaren MCL35M e si nota il nuovo airbox

Daniel Ricciardo, fa il sedile sulla McLaren MCL35M e si nota il nuovo airbox

Photo by: McLaren

Ricciardo è già stato a fare il sedile a Woking e dalle immagini che la squadra ha pubblicato è emerso che la MCL35M avrà un airbox diverso rispetto a quello dello scorso anno: sarà chiaramente di ispirazione Mercedes, con una bocca di nuova forma più tondeggiante e stretta, ma con un’apertura in più dietro al casco del pilota.

La presa d'aria della Mercedes W11

La presa d'aria della Mercedes W11

Photo by: FIA Pool

In virtù di questi cambiamenti il cofano motore sarà leggermente più profilato, segno che anche qui si guadagnerà qualcosa in sezione, facendo lavorare meglio l’alettone posteriore che, a parità di superficie, sarà in grado di regalare un po’ di carico in più.

McLaren MCL35: ecco come era l'airbox l'anno scorso con una traversa orizzontale del roll bar che non c'è più

McLaren MCL35: ecco come era l'airbox l'anno scorso con una traversa orizzontale del roll bar che non c'è più

Photo by: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
La prima McLaren-Mercedes

Articolo precedente

La prima McLaren-Mercedes

Prossimo Articolo

Podcast: 28 gennaio, il giorno in Rosso di Alonso e Sainz

Podcast: 28 gennaio, il giorno in Rosso di Alonso e Sainz
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021