F1 | La "guerra degli specchietti" si combatterà domani

Domani nella riunione del Technical Advisory Committee (TAC) verranno discusse le controversie tecniche emerse durante i test di F1: l'argomento principale sarà la legalità dei supporti degli specchietti della Mercedes W13-mini, visto che Binotto vuole un chiarimento regolamentare, ritenendo che la soluzioni della freccia d'argento abbia una funzione aerodinamica.

F1 | La "guerra degli specchietti" si combatterà domani
Carica lettore audio

È già stata definita la “guerra degli specchietti”. Domani nella riunione del Technical Advisory Committee (TAC) il tema sarà all’ordine del giorno: la Mercedes W13-mini si è presentata in pista giovedì scorso in Bahrain con una pancia molto stretta e un profilo alare che conteneva il cono anti-intrusione superiore. Sopra questa inedita struttura ha trovato posto lo specchietto retrovisore con i suoi discutibili supporti che hanno acceso la discussione nel paddock.

Christian Horner, team principal Red Bull, li aveva definiti “contro lo spirito del regolamento” non appena aveva visto la fantasiosa realizzazione degli aerodinamici di Brackley, salvo poi smentire le confidenze fatte a Michael Schmidt, autorevole giornalista di Auto Motor und Sport, in un’arrampicata sugli… specchi degna di un attore professionista.

Il team principal della Red Bull Racing Christian Horner durante la conferenza stampa

Il team principal della Red Bull Racing Christian Horner durante la conferenza stampa

Photo by: Red Bull Content Pool

Mattia Binotto, invece, non si nascosto: il ferrarista si è assunto la responsabilità di dire in chiaro che gli specchietti della W13 assolvono a una funzione aerodinamica che è vietata dall’articolo 3.2.2 del regolamento tecnico della F1.

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari

Photo by: Ferrari

Alcune squadre, quindi, avrebbero presentato alla FIA delle richieste di chiarimento che verranno discusse nel Technical Advisory Committee di domani. L’intenzione è di cercare di dirimere le questioni dubbie prima dell’avvio della stagione, per evitare che un mondiale ricco di contenuti possa essere condizionato subito da feroci polemiche.

L’intenzione sarebbe di risolvere i casi prima dell’avvio del weekend del GP del Bahrain per fare in modo che le questioni pendenti non finiscano nelle mani del collegio dei commissari sportivi.

Nikolas Tombazis

Nikolas Tombazis

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Va detto che la Mercedes aveva messo a disposizione della FIA i dati CAD della W13-mini e il fatto che l’evoluzione della freccia d’argento non abbia ricevuto alcuna contestazione da parte dei commissari federali, evidenzia come per Nikolas Tombazis la vettura di Brackley rispetti il regolamento tecnico 2022.

"Valutiamo sempre le regole anche in funzione degli anni successivi e valutiamo se le cose sono chiare e se le nuove regole a volte possono contenere cose che potrebbero non essere state scritte per come le avevamo previste – ha detto Tombazis - . Penso che nel complesso il livello di discrepanza sia piuttosto basso, anche se ci sono alcune piccole aree di cui abbiamo discusso con le squadre. Credo che martedì avremo un'altra riunione del TAC definire queste questioni".

condivisioni
commenti
F1 | Mercedes vuole ridurre il porpoising anche grazie ai piloti
Articolo precedente

F1 | Mercedes vuole ridurre il porpoising anche grazie ai piloti

Prossimo Articolo

F1 | GP Arabia Saudita: Jeddah potrebbe essere ancora più veloce

F1 | GP Arabia Saudita: Jeddah potrebbe essere ancora più veloce