Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Formula 1 GP di Miami

F1 | La FIA spiega perché ha respinto la revisione Aston Martin

I commissari sportivi della FIA hanno ufficialmente pubblicato le ragioni per cui hanno respinto la richiesta di revisione presentata dall'Aston Martin in merito alla penalità inflitta a Fernando Alonso nel Gran Premio della Cina.

Fernando Alonso, Aston Martin AMR24

Fernando Alonso ha ricevuto una penalità di 10 secondi nella sprint in Cina dopo un contatto ravvicinato con il pilota della Ferrari Carlos Sainz, che lo spagnolo non ha potuto scontare ritirandosi per una foratura.

Alonso, che ha ricevuto anche tre punti di penalità sulla licenza, ha dichiarato di non capire perché sia stato penalizzato per quello che riteneva un incidente di gara.

La scorsa settimana, l'Aston Martin ha deciso di chiedere il diritto di revisione, che prevede la presentazione di prove significative, rilevanti e nuove che dovevano essere valutate dai commissari venerdì mattina a Miami.

Nel corso dell'udienza, alla quale hanno partecipato sia l'Aston Martin che la Ferrari, i commissari non hanno ritenuto che le prove fornite dalla squadra di Silverstone soddisfacessero questi tre criteri e quindi la questione non verrà ulteriormente riaperta.

L'Aston Martin aveva fornito le immagini dell'incidente dalla prospettiva della vettura di Alonso, che non erano disponibili per i commssari quando hanno preso la loro decisione durante la Sprint.

Tuttavia, pur riconoscendo che il nuovo filmato era chiaramente una prova nuova e rilevante per l'incidente, i commissari hanno ritenuto che non fosse significativo, in quanto avevano a disposizione abbastanza filmati alternativi per prendere una decisione e le nuove angolazioni della telecamera non avrebbero cambiato il loro processo decisionale.

"Il presunto nuovo elemento presentato era un filmato onboard della vettura 14 che non era disponibile per l'Aston Martin e per i commissari al momento della decisione originale - è stato scaricato dalla F1 dopo la Sprint", hanno dichiarato i commissari.

Fernando Alonso, Aston Martin AMR24, Carlos Sainz, Ferrari SF-24, Sergio Perez, Red Bull Racing RB20

Fernando Alonso, Aston Martin AMR24, Carlos Sainz, Ferrari SF-24, Sergio Perez, Red Bull Racing RB20

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

"I commissari avevano a disposizione diverse altre riprese dell'incidente da diverse angolazioni, ma non avevano questo filmato. Nella sua richiesta scritta di revisione, l'Aston Martin ha suggerito che la nuova angolazione della telecamera dimostrava che l'incidente in questione era un incidente di gara e non un incidente per il quale il suo pilota doveva essere penalizzato".

La dichiarazione prosegue concludendo che: "Anche se non disponevamo di questo filmato al momento della nostra decisione, non abbiamo considerato il filmato come un nuovo elemento "significativo"".

"Il nuovo filmato non ci avrebbe fatto mettere in discussione la nostra decisione o non ci avrebbe fornito una prospettiva che non avevamo già dell'incidente. C'erano riprese sufficienti da altre angolazioni per darci una base chiara per prendere le decisioni".

A quanto risulta a Motorsport.com, la decisione è stata comunicata all'Aston Martin venerdì, ma poiché tutti gli steward del Gran Premio di Cina dovevano firmare e non tutti erano disponibili in tempo utile, la pubblicazione del verdetto è stata ritardata.

Fernando Alonso, Aston Martin F1 Team, in Parc Ferme after the Sprint

Fernando Alonso, Aston Martin F1 Team, in Parc Ferme after the Sprint

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

Parlando dopo l'incidente di Shanghai, il team principal dell'Aston Martin, Mike Krack, ha detto che le frequenti penalità per i suoi piloti, mentre altri incidenti non venivano puniti, hanno iniziato a sembrare "non giuste".

Alonso si è spinto oltre a Miami, dopo essere stato coinvolto in una collisione in partenza nella Sprint, suggerendo che Lewis Hamilton della Mercedes ha evitato una penalità per l'incidente perché "non è spagnolo".

Alonso ha spiegato poi di voler sollevare il problema dell'equa applicazione delle penalità con la FIA.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | McLaren anticipa: bocca più stretta e visiera più lunga
Prossimo Articolo Gallery F1 | Le batteglie della Sprint del Gran Premio di Miami

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia