Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
48 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
55 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
83 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
97 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
104 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
118 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
132 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
139 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
153 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
160 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
174 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
188 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
216 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
223 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
237 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
244 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
258 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
272 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
293 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
307 giorni

La FIA ha approvato una terza MGU-K dal 2020

condivisioni
commenti
La FIA ha approvato una terza MGU-K dal 2020
Di:
5 dic 2019, 10:48

Il Consiglio Mondiale FIA ha deciso di concedere ai Costruttori di motori di usare una terza MGU-K contro l due del 2019 a causa dell'allungamento del calendario a 22 GP.

L’allungamento del calendario a 22 GP nella stagione 2020 ha degli effetti sulle power unit: il Consiglio Mondiale della FIA ha approvato, infatti, che sulla monoposto di ogni pilota potranno essere utilizzate tre MGU-K, mentre quest’anno l’allocazione del generatore che trasforma l’energia cinetica in elettrica era solo di due.

Dal 2014, anno in cui è stata introdotta l’era ibrida dei motori turbo V6, sono stati via via adottati dei limiti sempre più stringenti nell’uso dei sei elementi che compongono la moderna power unit (motore termico, turbo-compressore, MGU-K, MGU-H, centralina elettronica e batteria)

L’obiettivo era doppio: ridurre i costi e l’idea di impedire ai team sviluppi continui. E così nel 2014 era concesso l’uso di cinque elementi di ciascuna parte della power unit, mentre nel 2019 si è arrivati a stringere il numero in modo significativo. Tre ICE, turbo e MGU-H nel calendario di 21 gare, mentre MGU-K, centraline e batterie sono state limitate a due.

Era stata notata la discrepanza di numero fra i due generatori elettrici per cui con l’introduzione della 22esima gara nel calendario 2020 è stato deciso di liberalizzare una terza MGU-K, che ha il compito di immagazzinare energia elettrica nella fase di frenata e liberare 160 cavalli in accelerazione.

Metà della griglia ha affrontato la stagione 2019 senza incorrere in penalità (5 posizioni sulla griglia) e fra questi tutti e sei i piloti con motore Ferrari, mentre gli altri Costruttori, Mercedes, Renault e Honda hanno sofferto più problemi.

Il team campione del mondo ha patito una penalità con Valtteri Bottas e due con Sergio Perez, mentre Daniil Kvyat è arrivato con Honda addirittura a sei.

Prossimo Articolo
La Bandiera a scacchi batte il pannello: la F1 torna al passato

Articolo precedente

La Bandiera a scacchi batte il pannello: la F1 torna al passato

Prossimo Articolo

Valentino Rossi prepara il sedile per la Mercedes di Hamilton

Valentino Rossi prepara il sedile per la Mercedes di Hamilton
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes