La Ferrari meglio del previsto, peccato per Sainz peggiore che in Q2

Leclerc ha colto una insperata quarta posizione che gli varrà la seconda fila al via della Sprint Qualifying, la gara di 100 km di oggi pomeriggio, mentre Sainz è mancato solo nella Q3, visto che nel turno precedente era stato più veloce di un paio di decimi. Nelle seconde libere la Scuderia dovrà scoprire qual è il potenziale sul passo gara e che ambizioni potrà soddisfare a Silverstone.

La Ferrari meglio del previsto, peccato per Sainz peggiore che in Q2

Charles Leclerc giovedì aveva lanciato un messaggio: “Siamo molto bravi a preparare la macchina. Normalmente non cambiamo molto la monoposto, speriamo di trarre vantaggio di questa nostra caratteristica in questo fine settimana”.

Il weekend è ancora lungo, il passo gara deve ancora essere svelato, ma intanto la Ferrari (con Leclerc) si è messa in seconda fila sulla pista di Silverstone, tracciato che alla vigilia non era considerato ‘amico’ della SF21.

Un risultato importante per la Scuderia, che dopo Baku non era più riuscita ad affacciarsi nelle prime due file.
“È stata una buona qualifica – ha commentato il Racing Director, Laurent Mekies - su una pista molto impegnativa come quella di Silverstone. Per tutta la sessione la lotta alle spalle dei primi tre è stata molto serrata: in Q3 bastava un niente per ritrovarsi in seconda o in quinta fila e i nostri due piloti si sono piazzati ai due estremi di questo gruppetto di sei".

"Charles ha lavorato benissimo durante tutta la giornata e il quarto posto è una bella ricompensa. Peccato per Carlos, che aveva la velocità per essere un po’ più avanti sulla griglia di oggi pomeriggio. Avevamo preparato con cura questo fine settimana che vede il debutto del nuovo formato e credo che i frutti di questo lavoro si siano visti”.

Il divario tra i migliori giri di Leclerc e Sainz è stato di soli 0”179, un margine costato però a Carlos ben cinque posizioni dietro il compagno di squadra.

Il disappunto mostrato dal pilota spagnolo al termine della sessione è dovuto anche al non essere riuscito a ripetere in Q3 lo stesso crono ottenuto in Q2, che sarebbe stato sufficiente a garantirgli la sesta posizione.

“Non sono del tutto soddisfatto del risultato di questa qualifica – ha commentato Carlos - ero a mio agio in macchina, con un feeling e una confidenza crescente dall’inizio della sessione fino al termine del Q2, quando sono riuscito a passare il taglio con un buon tempo. Nell’ultimo tentativo in Q3 però ho faticato un po’ di più, ho commesso un paio di piccoli errori qua e là che mi hanno impedito di ripetermi. Così ho perso quel paio di decimi che purtroppo oggi mi sono costati cari”.

Leclerc non ha invece nulla da rimproverarsi, avendo portato la SF21 nella posizione migliore a cui potesse ambire, visto che Valtteri Bottas (autore del terzo tempo) lo ha preceduto di mezzo secondo.
“Sono molto felice del risultato di oggi – ha confermato Charles - arrivare alla qualifica con così poco tempo per prepararla rende le cose un po’ complicate, ma anche più divertenti. Abbiamo fatto un buon lavoro nel massimizzare il potenziale della vettura. Mi sono sentito a mio agio, specialmente in Q1".

"In Q2 non sono stato allo stesso livello, ma nella fase decisiva ho recuperato confidenza e ritmo, chiudendo P4, che credo fosse il miglior risultato a cui potevamo ambire. Per quanto riguarda le aspettative per oggi, vediamo come si mettono le cose. Ci stiamo addentrando in un territorio sconosciuto, con la prima Sprint Qualifying della storia della Formula 1. Useremo la sessione FP2 per prepararci al meglio e dare il massimo per portare a casa il miglior risultato possibile”.

La Ferrari ha posto una base importante su cui poter costruire un buon fine settimana, ma a partire dalla sessione FP2 in programma oggi la parola passerà ai long-run.
“Siamo consapevoli che mai come in questo fine settimana più che la prestazione sul giro singolo quello che conta è il ritmo di gara – ha confermato Mekies – e su una pista come questa è la prova più difficile da affrontare. Ora dobbiamo concentrarci sul secondo capitolo, la Sprint Qualifying, che pone nuove sfide alle squadre e ai piloti. Bisognerà essere bravi a sfruttare bene la seconda ora di prove libere a disposizione per preparare al meglio la grande novità del weekend, senza dimenticare che domenica ci sarà il Gran Premio”.

condivisioni
commenti
Ghini: "Hamilton alza l'asticella col talento"
Articolo precedente

Ghini: "Hamilton alza l'asticella col talento"

Prossimo Articolo

Horner duro: "Wolff non ha conflitti d'interesse solo con me"

Horner duro: "Wolff non ha conflitti d'interesse solo con me"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021