Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
27 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
99 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

La Ferrari lavora per la gara, ma la coperta è molto corta

La squadra del Cavallino non ha cercato il limite in qualifica, ma si è dedicata a cercare la migliore messa a punto per la gara nella consapevolezza che i piloti non dovranno commettere errori nel giro secco perché altrimenti il rischio è di partire indietro nella griglia. L'obiettivo del Cavallino è conquistare dei punti per muovere la classifica nel mondiale Costruttori: le piccole modifiche sembrano funzionare.

condivisioni
commenti
La Ferrari lavora per la gara, ma la coperta è molto corta

Charles Leclerc e Sebastian Vettel si sono confermati nella top-10 al termine della prima giornata di attività in pista sul circuito di Sochi.

Può essere visto come un timido miglioramento rispetto al Mugello, ma non certo un passo avanti sostanziale. Il che si traduce in una Ferrari che spera di entrare nella parte bassa della Q3, massimo obiettivo al momento ipotizzabile.

Come hanno confermato anche gli stessi piloti, l’impresa sarà mettere insieme un giro completo senza sbavature, un lavoro che sembra essere più complesso del solito a Sochi a causa del vento che oggi ha disturbato non poco l’attività in pista.

“Ho faticato un po’ più del previsto – ha confermato Leclerc - ma devo ammettere che anche i tempi che ho ottenuto sono stati superiori alle attese. Ora l’aspetto sul quale ci dobbiamo concentrare maggiormente è il bilanciamento della vettura, perché c’è margine per migliorare sia in termini di performance pura che sotto l’aspetto della guidabilità".

"Su questa pista lo scenario dalle qualifiche alla gara cambia completamente perciò non è mai facile trovare un set-up che sia adatto ad entrambe le configurazioni. Domani ci attende parecchio lavoro”.

“Avremo un quadro della situazione attendibile solo domani – ha confermato anche Vettel - ma nel complesso oggi è stata una giornata positiva. Credo ci sia ancora margine per migliorarci anche se temo che in qualifica tante vetture saranno molto ravvicinate fra loro. Lasciando perdere le prime due auto in classifica, si può capire perché questo venerdì in fin dei conti non sia stato malvagio".

"Qui in Russia non è mai facile mettere insieme un giro senza sbavature, ma domani sarà fondamentale riuscirci. Non commettere errori quando pochi millesimi dividono una monoposto dall’altra può fare la differenza. Questo sarà il nostro obiettivo principale”.

Puntare alla Q3 non sembra facile ma neanche impossibile, la chiave del weekend resta però il passo gara, visto che al Mugello la partenza in terza fila di Leclerc è stata poi mortificata da in ritmo in corsa che ha detto ben altro.

Nel long-run completati oggi i riscontri emersi con le soft hanno visto le due SF1000 non lontane da McLaren, Renault e Racing Point (il gap medio è stato di circa 2-3 decimi) mentre con le mescole più dure il divario si è ampliato.

Per puntare alla zona punti (questo è l’obiettivo principale), serve mettersi alle spalle almeno una delle tre squadre che seguono il tandem inarrivabile Mercedes-Red Bull, e al momento l’impresa non è delle più semplici.

Partire nella top-10 è indubbiamente un buon vantaggio, ma non fornisce la garanzia di poter mantenere in corsa le posizioni se non sarà confermato un buon ritmo. Gli ingegneri saranno chiamati ad un compromesso di setup meno scontato del solito tra qualifica e gara, e non è da escludere che i verdetti di domani possano non coincidere con quelli di domenica sera.

La Ferrari ha bisogno di punti per arginare il crollo nella classifica Costruttori, quindi non è da escludere che la priorità siano i 53 giri di domenica più che un exploit in qualifica.

Il rompicapo non è da poco, perché se scattare dalla sesta fila può rappresentare un vantaggio in chiave gara (come poter partire con gomma media) serve però performance per recuperare qualche posizione, e soprattutto serve non perderle nei confronti di chi scatterà con gomma soft.

Una coperta corta, insomma, con la quale il box del Cavallino dovrà convivere fino al termine della stagione, sperando in qualche colpo a sorpresa (come a Silverstone) ma anche con l’ansia di peggiorare ulteriormente le cose.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
3/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
5/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, ai box
7/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettaglio del muso della Ferrari SF1000

Dettaglio del muso della Ferrari SF1000
8/14

Foto di: Giorgio Piola

Dettaglio dell'ala posteriore Ferrari SF1000

Dettaglio dell'ala posteriore Ferrari SF1000
9/14

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
10/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
11/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
12/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e Lance Stroll, Racing Point

Sebastian Vettel, Ferrari e Lance Stroll, Racing Point
13/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari in bicicletta sul circuito di Sochi con l'ingegner Adami

Sebastian Vettel, Ferrari in bicicletta sul circuito di Sochi con l'ingegner Adami
14/14

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Ricciardo soddisfatto: "Mi gioco tutto in qualifica"

Articolo precedente

Ricciardo soddisfatto: "Mi gioco tutto in qualifica"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Russia

Fotogallery F1: le Prove Libere del GP di Russia
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Russia
Sotto-evento FP2
Location Sochi Autodrom
Piloti Sebastian Vettel , Charles Leclerc
Team Ferrari
Autore Roberto Chinchero
Top 5: le cinque migliori McLaren della storia Prime

Top 5: le cinque migliori McLaren della storia

Andiamo a scoprire quali sono state le migliori 5 monoposto di Formula 1 realizzate da McLaren

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata Prime

Ricciardo: un triennale con McLaren che sa di scelta obbligata

Il 2021 rappresenterà la stagione dell'ennesimo cambiamento per Daniel Ricciardo dopo aver concluso una sterile avventura in Renault, ma la scelta della McLaren è stata obbligata per mancanza reale di alternative al vertice?

La storia di... Lewis Hamilton Prime

La storia di... Lewis Hamilton

Con sette titoli iridati, è amato quanto temuto per la sua impeccabile bravura al volante nell'era moderna dei motori mondiali. Lui è Lewis Hamilton, un personaggio figlio del suo tempo, icona e leggenda vivente della Formula 1 e portabandiera di ideali e messaggi positivi. Ripercorriamo la sua storia

Formula 1
25 feb 2021
Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull Prime

Come Albon vuole lottare per uscire dal limbo della Red Bull

Alex Albon ha affrontato i media per la prima volta da quando ha perso il suo sedile in Red Bull alla fine del 2020, costretto così a lasciare la Formula 1. In passato ha già risalito la china dopo una battuta d’arresto, quindi ecco cosa deve fare per ritornare.

Formula 1
24 feb 2021
Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa Prime

Red Bull RB16B: il motore Honda sarà una sorpresa

Red Bull decide di evolvere i concetti già visti nel corso del 2020 per la sua RB16B, vettura che verrà affidata a Sergio Perez e Max Verstappen per la stagione 2021 di Formula 1. Andiamo a scoprire tutti i dettagli tecnici e sportivi del team di Milton Keynes

Formula 1
24 feb 2021
McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero? Prime

McLaren stretta un azzardo dopo l'esperienza size zero?

Con l'adozione della power unit Mercedes la MCL35 ha potuto beneficiare di un impianto di raffreddamento più efficiente che ha permesso di ridurre le masse radianti e, quindi, le pance. A Woking, però, la storia recente insegna che hanno spesso esagerato con soluzioni estreme che hanno causato problemi di affidabilità. E non è detto che un trapianto di motore su una monoposto esistente risulti facile al primo colpo.

Formula 1
23 feb 2021
Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1 Prime

Giovinazzi: tutto quello che serve per continuare in Formula 1

Antonio Giovinazzi si gioca in questa stagione la sua permanenza in Formula 1. Cerchiamo di capire da chi si deve guardare il pilota di Martina Franca, quali possono essere i possibili scenari futuri e come può garantirsi una riconferma per i prossimi anni.

Formula 1
23 feb 2021
Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità Prime

Alfa Romeo C41: evoluzione nel segno della continuità

L'Alfa Romeo C41 non è certamente tra le monoposto più rivoluzionarie della storia della Formula 1. A livello visivo, l'unica vera grande modifica riguarda il muso anteriore, ora più snello anche se non così estremo per concezione. L'ombra della C39 della passata stagione è molto presente sulla monoposto 2021

Formula 1
23 feb 2021