Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
48 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
55 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
83 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
97 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
104 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
118 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
132 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
139 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
153 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
160 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
174 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
188 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
216 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
223 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
237 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
244 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
258 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
272 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
293 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
307 giorni

La Bandiera a scacchi batte il pannello: la F1 torna al passato

condivisioni
commenti
La Bandiera a scacchi batte il pannello: la F1 torna al passato
Di:
5 dic 2019, 10:21

D'ora in avanti, sarà la bandiera a scacchi sventolata fisicamente, e non un pannello elettronico, il segnale definitivo della conclusione di una gara di Formula 1.

Per questa ragione, la FIA ha cambiato la formulazione dei regolamenti di F1, nelle quali il segnale di fine gara era diventato un pannello a scacchi.

Questa era stata una risposta all'errore del Gran Premio del Canada del 2018, quando la modella Winnie Harlow aveva erroneamente sventolato la bandiera a scacchi con un giro d'anticipo per errore.

Tuttavia, nel Gran Premio del Giappone di quest'anno, un errore di sistema legato al pannello ha a sua volta decretato la fine della corsa con un giro d'anticipo, nonostante tutti abbiano continuato a spingere fino al raggiungimento della bandiera a scacchi.

La classifica finale, però, è stata stilata in base a quella del giro precedente, regalando a Sergio Perez il nono posto, nonostante il pilota della Racing Point fosse entrato in collisione con la Toro Rosso di Pierre Gasly in quello che avrebbe dovuto essere l'ultimo giro.

Leggi anche:

A pagarne le conseguenze sono stati quindi Nico Hulkenberg, scivolato decimo con la sua Renault, ed il compagno Lance Stroll, rimasto fuori dal tutto dalla zona punti.

Dopo il Gran Premio, il direttore di gara Michael Masi non era stato in grado di spiegare se si fosse verificato un innesco automatico o umano del sistema del pannello a scacchi, ma che sarebbe stata svolta un'indagine a riguardo.

Sebastian Vettel però aveva sottolineato che questo fosse il chiaro esempio del motivo per cui solo una vera e propria bandiera a scacchi dovrebbe essere intesa come la fine della gara, perché è il segnale riconosciuto da tutti i piloti.

Nell'ambito della riunione del Consiglio della FIA che si è svolta ieri a Parigi è stato quindi ratificiato il ritorno alla bandiera a scacchi come segnale definitivo che indica la fine della corsa.

Sarà questa quindi a decretare la fine della corsa anche in caso di errori, come un'esposizione anticipata. Il pannello elettronico sarà invece utilizzato come "back-up".

Prossimo Articolo
Parti standard: BBS, Marelli e Bosch fornitori unici 2021

Articolo precedente

Parti standard: BBS, Marelli e Bosch fornitori unici 2021

Prossimo Articolo

La FIA ha approvato una terza MGU-K dal 2020

La FIA ha approvato una terza MGU-K dal 2020
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Scott Mitchell