Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

La Pirelli ha concluso la sua indagine ed è emerso che il pauroso crash di Daniil di domenica scorsa è stato causato da un surriscaldamento del cerchio che ha bruciato la spalla della gomma facendo uscire di pista l'AlphaTauri ad alta velocità a Maggotts. Il russo conta di rifarsi in questo weekend dove festeggerà il suo 100esimo GP.

Kvyat: crash a Maggotts per un cerchio surriscaldato

Daniil Kvyat in occasione del GP del 70° Anniversario festeggerà il suo 100esimo Gran Premio in Formula 1. Il 26enne russo arriva a questo traguardo con l’AlphaTauri: Daniil aveva debuttato nel GP d’Australia del 2014 con la Toro Rosso e poi ha vissuto momenti alterni con la squadra di Faenza e la Red Bull Racing.

Kvyat torna a Silverstone per cancellare il ricordo del brutto incidente che lo ha visto protagonista nel corso del 12esimo giro del GP di Gran Bretagna di domenica scorsa. I tecnici della Pirelli hanno scoperto dopo una approfondita indagine che a provocare il cedimento della gomma è stato un cerchio che si è surriscaldato.

Pirelli ha rivelato che il fallimento delle gomme di Daniil Kvyat che ha scatenato il suo enorme incidente del Gran Premio di Gran Bretagna lo scorso fine settimana è stato provocato da un cerchione surriscaldato.

Il russo è finito in testacoda quando la gomma posteriore destra ha ceduto di schianto alla curva Maggotts che si affronta ad alta velocità. Il pilota dell’AlphaTauri nulla ha potuto per evitare che la sua monoposto si schiantasse contro le protezioni, causando l’uscita della prima safety car.

Daniil non ha creduto a un cedimento della gomma come possibile causa del crash: i filmati della camera car hanno testimoniato che il pneumatico si era danneggiato prima di uscire di pista.

"Un problema meccanico ha portato al surriscaldamento della parte interna del cerchione, bruciando il tallone del pneumatico- ha ufficializzato la Pirelli in un breve comunicato diffuso sui social – per cui la spalla non è stata più in grado di sigillare il pneumatico sul cerchio. Ciò ha causato la perdita d’aria".

Kvyat inizialmente si era incolpato dell’incidente, ma poi ha capito di non aver avuto alcuna responsabilità…
"Ripensandoci, non c'era nulla che potessi fare per evitare l'incidente, avevo un problema con il cambio e in quel momento stavo guardando il display del volante perché stavo facendo delle regolazioni”.

Lo schianto di Daniil contro le barriere ha spinto la FIA a installare una nuova fila di pneumatici a proteggere le barriere dopo Maggotts per 36 metri, onde coprire meglio una zona dove di solito non sbatte mai nessuno.

Daniil Kvyat, AlphaTauri
Daniil Kvyat, AlphaTauri
1/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
2/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
3/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
In seguito all'incidente di Daniil Kvyat, AlphaTauri, è stata aggiunta una barriera per pneumatici
4/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
5/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Volano scintille dalla monoposto di Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
Volano scintille dalla monoposto di Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
6/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, cambia l'ala frontale nei box
Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, cambia l'ala frontale nei box
7/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01
9/11

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, sul ponte del controllo peso
Daniil Kvyat, AlphaTauri AT01, sul ponte del controllo peso
10/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Daniil Kvyat, AlphaTauri
Daniil Kvyat, AlphaTauri
11/11

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica

Articolo precedente

Mercedes: l’ala posteriore è piatta tanto è scarica

Prossimo Articolo

Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes

Red Bull: Newey non si arrende allo strapotere Mercedes
Carica commenti
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021
Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia" Prime

Federica Masolin: "Amore per lo sport grazie alla...gelosia"

In questa nuova puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Federica Masolin, giornalista e presentatrice della Formula 1 di Sky Sport. Federica si racconta, ripercorrendo gli anni di una carriera in giro per il mondo, di una vita piena di passioni e viaggi. Da piccola, il suo desiderio era diventare una rockstar. Poi, l'amore per lo sport le ha fatto cambiare idea...

Formula 1
16 set 2021
Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti” Prime

Ceccarelli: “Fra Max e Lewis vedremo altri contatti”

Torna la rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In quest puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli tornano a parlare di quanto successo a Monza tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Non è la prima volta che i due vanno a contatto e non sarà nemmeno l'ultima, secondo Ceccarelli...

Formula 1
15 set 2021