Kvyat: "Adesso anch'io ho l'AlphaTauri in mano"

Il pilota russo dopo il quarto posto conquistato a Imola nel GP dell'Emilia Romagna ci spiega come mai ha faticato molto nella prima parte della stagione 2020: Daniil non si è sentito a suo agio con lo sterzo della AT01 e solo dopo le novità introdotte in Belgio al servosterzo (ma non solo) ha acquisito la necessaria fiducia nei confronti della monoposto faentina. E per questo ringrazia gli uomini del team che lo hanno seguito nelle modifiche.

Kvyat: "Adesso anch'io ho l'AlphaTauri in mano"

Daniil Kvyat è stato ripagato dal quarto posto conquistato nel GP dell’Emilia Romagna con l’AlphaTauri. Il pilota russo adesso lo ammette candidamente, ma ha affrontato la prima parte della stagione di Formula 1 con un feeling limitato sulla AT01.

Del resto parlavano chiaramente le prestazioni che non erano minimamente confrontabili con quelle del compagno di squadra, Pierre Gasly: basti dire che nelle prime sei gare disputate Daniil ha conquistato solo due punti iridati contro i diciotto del francese che poi ha anche vinto a sorpresa il GP d’Italia.

Poi dal GP del Belgio a Spa Francorchamps le cose hanno cominciato a cambiare, perché Kvyat ha migliorato il suo feeling con la monoposto di Faenza dopo le modifiche che sono state apportate allo sterzo dai tecnici della squadra che non hanno rinunciato all’idea di metterlo nella condizione di dare il suo meglio.

Dalla gara belga il russo ha conquistato quattro piazzamenti nella top ten e all’Enzo e Dino Ferrari ha colto il miglior piazzamento stagionale con un eccellente quarto posto.

E, anche se a Imola ha saputo ufficialmente che la Red Bull non gli rinnoverà il contratto per il 2021 in AlphaTauri (per fare spazio al giapponese Tsunoda). Kvyat ha voluto elogiare l’abnegazione con cui la squadra ha lavorato per cercare di risolvere i problemi di adattamento di Daniil…

"Quando ho iniziato la stagione non ero completamente a mio agio con la macchina e non avevo un buon feeling con lo sterzo - ha detto a Motorsport.com – quindi abbiamo dovuto lavorare sulla macchina cambiando alcune cose nell’area dello sterzo nel tentativo di migliorare il mio feeling sull’anteriore”.

“Ciò ha significato che ho dovuto rinunciare ad alcune cose, e poi ho dovuto riscoprire alcune caratteristiche della macchina, ma da lì in poi abbiano iniziato ad andare molto meglio. Certo abbiamo dovuto intervenire sul set up, ma il feeling con la macchina è cresciuto. Mi sentivo più a mio agio”.

Kvyat non voleva rivelare i dettagli delle modifiche che l’AlphaTauri gli ha fatto…
“Non posso entrare nei dettagli – ha spiegato Daniil - , ma ci sono cose che si possono fare per migliorare la sensazione della guida. Ad esempio, si può intervenire sul servosterzo, ma ci sono anche altri interventi utili”.

“Abbiamo fatto una scommessa, perché intervenire durante la stagione è un rischio, perché se si sbaglia strada si rischia di andare anche peggio, ma fortunatamente le cose sono migliorate".

"Da un certo punto mi sono sentito molto più competitivo con prestazioni più vicine a quelle di Pierre. Lui è parso a suo agio dall'inizio della stagione, mentre io no. Lui ha svolto un lavoro fantastico, ovviamente, ma si è subito trovato a suo agio con la AT01, mentre io dovuto aspettare che i ragazzi del team trovassero il modo per mettermi nella condizione di dare il mio meglio. E per questo che li voglio ringraziare…”.

condivisioni
commenti
Ferrari: nel diffusore c'è anche il doppio fondo della SF71H

Articolo precedente

Ferrari: nel diffusore c'è anche il doppio fondo della SF71H

Prossimo Articolo

Ghini: "Simulatori? Meglio test bonus da 2000 km in pista"

Ghini: "Simulatori? Meglio test bonus da 2000 km in pista"
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021