Jeddah da paura: circuito velocissimo con i muretti molto vicini

Il primo GP dell'Arabia Saudita si disputerà su un tracciato dalle caratteristiche molto veloci di un impianto permanente per quanto inserito in un contesto urbano. “Il circuito di Jeddah sarà straordinario - ha spiegato Carsten Tilke - sarà una nuova idea di circuito cittadino, qualcosa che il mondo non ha mai visto prima”. Le velocità molto alte si coniugheranno con le protezioni molto vicine alla pista?

Jeddah da paura: circuito velocissimo con i muretti molto vicini
Carica lettore audio

Esattamente un anno fa (era il 5 novembre) l’Arabia Saudita è entrata nel calendario di Formula 1. Quando è stata annunciata come sede della gara un circuito cittadino ricavato nella città di Jeddah, non si è prestata molta attenzione a quello che poi è diventato il layout della pista.

“Sarà un tradizionale tracciato con accelerazioni, frenate, curve a 90 gradi”, si commentò senza grande interesse. In realtà la pista che sta prendendo forma nella periferia nord della città, è un circuito a tutti gli effetti, con l’anomalia di essere realizzato sul mare (la curva ‘22’ dista pochi metri dalla battigia) e adiacente ad un centro abitato.

Circuito Jeddah Street

Circuito Jeddah Street

Photo by: Formula 1

“Il circuito di Jeddah sarà straordinario - ha commentato a Formula 1 l’architetto Carsten Tilke, figlio di Hermann, al timone del progetto saudita - sarà una nuova idea di circuito cittadino, qualcosa che il mondo non ha mai visto prima”.

Non sappiamo ancora cosa differenzierà Jeddah dagli altri circuiti ricavati nelle città o ai loro margini, ad eccezione di un aspetto: sarà la pista cittadina più veloce di sempre. Questo per un motivo abbastanza semplice, ovvero il circuito non è stato tracciato utilizzando strade già esistenti (se non per un piccolo tratto) bensì sfruttando un’area bonificata di recente su cui è stata disegnata e realizzata una vera pista.

Senza vincoli legati al dover circumnavigare edifici, è emerso un tracciato con tratti velocissimi, che si stima dovrebbe arrivare ad una velocità di percorrenza media sul giro superiore a 250 km/h.

Jeddah Street Circuit sede del GP dell'Arabia Saudita

Jeddah Street Circuit sede del GP dell'Arabia Saudita

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

Da curva 4 e fino alla 11, il tracciato si sviluppa su un lungo ‘snake’ che ricorda un po' il primo settore di Austin, un tratto ad alta velocità che porta alla staccata che precede un tornante a 180 gradi, la curva 13, un banking con un ridotto angolo di pendenza.

A seguire c’è un secondo ‘snake’ con curve tutte molto veloci, che si percorreranno con DRS aperto dalla 18 alla 22, ed infine un lungo curvone porterà alla curva 27, un tornate che riconduce sul rettilineo principale.

Leggi anche:

Ad essere tipicamente da pista “cittadina” sono le barriere in cemento che costeggiano lunga parte del tracciato, che si sviluppa per 6.175 metri, coperti integralmente da un impianto di illuminazione per garantire lo svolgimento della gara in notturna.

L’attività in cantiere è al momento frenetica, visto che a poco più di quattro settimane dal via delle prove libere del primo Gran Premio dell’Arabia Saudita, l’impianto presenta ancora molte infrastrutture da completare, una vera e propria corsa contro il tempo in un clima caldo umido che ricorda molto il contesto malese di Sepang.

“Questo circuito sarà speciale – ha confermato Tilke – avremo l'atmosfera di una pista urbana, ma lo spazio a disposizione ci ha permesso di poter realizzare un tracciato molto veloce, ovvero una caratteristica che finora si è vista solo sulle piste permanenti. Sono certo che i piloti apprezzeranno la guida su questo circuito, ho avuto la possibilità di cimentarmi sul simulatore ed è impressionante vedere le velocità che si raggiungono con i muri così vicini, bisogna davvero essere concentrarti per evitare di commettere errori. Sarà molto gratificante per chi riuscirà a svettare”.

La pista di Jeddah ospiterà anche la seconda edizione del Gran Premio d’Arabia Saudita, poi terminerà il suo compito passando il testimone al circuito permanente che sarà realizzato a Qiddiya, vicino alla capitale Riyadh.

Jeddah Street Circuit

Jeddah Street Circuit

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari: la nuova icona si vedrà alle Finali Mondiali del Mugello?
Articolo precedente

Ferrari: la nuova icona si vedrà alle Finali Mondiali del Mugello?

Prossimo Articolo

F1 | Wolff: "Nuovi costruttori? OK ad aiuti, non a vita facile"

F1 | Wolff: "Nuovi costruttori? OK ad aiuti, non a vita facile"
Carica commenti
Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1 Prime

Video | Bandiere: quali sono e come funzionano in F1

Le bandiere in Formula 1 hanno molteplici significati: saperle riconoscere ad un primo sguardo è un requisito fondamentale per ogni pilota degno di questo nome. E voi, sicuri di conoscerle tutte? Scopriamolo insieme in questo nostro video

Formula 1
23 gen 2022
Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!" Prime

Video F1 | Piola: "La Haas senza evoluzioni ha limitato i distacchi!"

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare con la lente d'ingrandimento della tecnica la monoposto presentata dal team Haas nella stagione 2021 di Formula 1. Una vettura dalla storia particolare, che è riuscita - nonostante tutto - a limitare i danni...

Formula 1
21 gen 2022
Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica" Prime

Video F1 | Piola: "Ecco perché la Williams ha mantenuto la sua identità tecnica"

In attesa delle nuove monoposto, continua l'analisi delle vetture protagoniste della Formula 1 2021. In questo nuovo video di Motorsport.com, la lente d'ingrandimento tecnica di Franco Nugnes e Giorgio Piola è sulla Williams, team che mai come nella passata stagione ha adottato soluzioni inedite...

Formula 1
18 gen 2022
Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero" Prime

Video | Piola: "Alfa Romeo: buona meccanica ma carente in aero"

Alfa Romeo ha investito tutte le proprie risorse in vista della stagione 2022 di Formula 1. Ciononostante, la C41 si è rivelata una monoposto dalla valida base meccanica, come dimostrato tanto da Raikkonen quanto da Giovinazzi, ma carente a livello aerodinamico

Formula 1
16 gen 2022
Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria” Prime

Video | Piola: “L’Alpine ritrovata dopo il reset in galleria”

Torniamo a parlare dei team di Formula 1 partecipanti alla stagione 2021 e di come si sono evoluti nel corso dell'anno appena trascorso. Ora tocca all'Alpine: la scuderia di Enstone è tornata alla vittoria in Ungheria e a podio in Qatar, sapendo correggere il tiro in corso d'opera

Formula 1
14 gen 2022
Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze” Prime

Video F1 | Ceccarelli: “Come vincere le proprie resistenze”

In compagnia di Franco Nugnes, del Dottor Riccardo Ceccarelli e della psicologa Alice Ferrisi di Formula Medicine, in questa puntata di Doctor F1 andiamo ad analizzare e comprendere quelli che sono i comportamenti di un pilota nel suo confronto con i propri limiti

Formula 1
12 gen 2022
Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto" Prime

Video F1 | Piola: "AlphaTauri più spinta dell'Alpine, meritava il 5° posto"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano i dettagli tecnici dell'AlphaTauri. Il team di Faenza, giunto sesto in classifica finale dietro all'Alpine, avrebbe meritato di più da questo 2021. Ecco perchè...

Formula 1
11 gen 2022
Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono Prime

Video | Penalità in F1: quali sono e come si ottengono

Le penalità in Formula 1 sono tra gli argomenti più discussi dell'ultimo periodo. Spesso e volentieri hanno avuto voce in capitolo per decidere il vincitore di un GP, altre volte addirittura per annullare tutti i punti conquistati in una stagione. Ecco una panoramica approfondita e dettagliata per spiegare chi le commina, perché e di che tipo possono essere

Formula 1
9 gen 2022