Jeddah da paura: circuito velocissimo con i muretti molto vicini

Il primo GP dell'Arabia Saudita si disputerà su un tracciato dalle caratteristiche molto veloci di un impianto permanente per quanto inserito in un contesto urbano. “Il circuito di Jeddah sarà straordinario - ha spiegato Carsten Tilke - sarà una nuova idea di circuito cittadino, qualcosa che il mondo non ha mai visto prima”. Le velocità molto alte si coniugheranno con le protezioni molto vicine alla pista?

Jeddah da paura: circuito velocissimo con i muretti molto vicini

Esattamente un anno fa (era il 5 novembre) l’Arabia Saudita è entrata nel calendario di Formula 1. Quando è stata annunciata come sede della gara un circuito cittadino ricavato nella città di Jeddah, non si è prestata molta attenzione a quello che poi è diventato il layout della pista.

“Sarà un tradizionale tracciato con accelerazioni, frenate, curve a 90 gradi”, si commentò senza grande interesse. In realtà la pista che sta prendendo forma nella periferia nord della città, è un circuito a tutti gli effetti, con l’anomalia di essere realizzato sul mare (la curva ‘22’ dista pochi metri dalla battigia) e adiacente ad un centro abitato.

Circuito Jeddah Street

Circuito Jeddah Street

Photo by: Formula 1

“Il circuito di Jeddah sarà straordinario - ha commentato a Formula 1 l’architetto Carsten Tilke, figlio di Hermann, al timone del progetto saudita - sarà una nuova idea di circuito cittadino, qualcosa che il mondo non ha mai visto prima”.

Non sappiamo ancora cosa differenzierà Jeddah dagli altri circuiti ricavati nelle città o ai loro margini, ad eccezione di un aspetto: sarà la pista cittadina più veloce di sempre. Questo per un motivo abbastanza semplice, ovvero il circuito non è stato tracciato utilizzando strade già esistenti (se non per un piccolo tratto) bensì sfruttando un’area bonificata di recente su cui è stata disegnata e realizzata una vera pista.

Senza vincoli legati al dover circumnavigare edifici, è emerso un tracciato con tratti velocissimi, che si stima dovrebbe arrivare ad una velocità di percorrenza media sul giro superiore a 250 km/h.

Jeddah Street Circuit sede del GP dell'Arabia Saudita

Jeddah Street Circuit sede del GP dell'Arabia Saudita

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

Da curva 4 e fino alla 11, il tracciato si sviluppa su un lungo ‘snake’ che ricorda un po' il primo settore di Austin, un tratto ad alta velocità che porta alla staccata che precede un tornante a 180 gradi, la curva 13, un banking con un ridotto angolo di pendenza.

A seguire c’è un secondo ‘snake’ con curve tutte molto veloci, che si percorreranno con DRS aperto dalla 18 alla 22, ed infine un lungo curvone porterà alla curva 27, un tornate che riconduce sul rettilineo principale.

Leggi anche:

Ad essere tipicamente da pista “cittadina” sono le barriere in cemento che costeggiano lunga parte del tracciato, che si sviluppa per 6.175 metri, coperti integralmente da un impianto di illuminazione per garantire lo svolgimento della gara in notturna.

L’attività in cantiere è al momento frenetica, visto che a poco più di quattro settimane dal via delle prove libere del primo Gran Premio dell’Arabia Saudita, l’impianto presenta ancora molte infrastrutture da completare, una vera e propria corsa contro il tempo in un clima caldo umido che ricorda molto il contesto malese di Sepang.

“Questo circuito sarà speciale – ha confermato Tilke – avremo l'atmosfera di una pista urbana, ma lo spazio a disposizione ci ha permesso di poter realizzare un tracciato molto veloce, ovvero una caratteristica che finora si è vista solo sulle piste permanenti. Sono certo che i piloti apprezzeranno la guida su questo circuito, ho avuto la possibilità di cimentarmi sul simulatore ed è impressionante vedere le velocità che si raggiungono con i muri così vicini, bisogna davvero essere concentrarti per evitare di commettere errori. Sarà molto gratificante per chi riuscirà a svettare”.

La pista di Jeddah ospiterà anche la seconda edizione del Gran Premio d’Arabia Saudita, poi terminerà il suo compito passando il testimone al circuito permanente che sarà realizzato a Qiddiya, vicino alla capitale Riyadh.

Jeddah Street Circuit

Jeddah Street Circuit

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Ferrari: la nuova icona si vedrà alle Finali Mondiali del Mugello?
Articolo precedente

Ferrari: la nuova icona si vedrà alle Finali Mondiali del Mugello?

Prossimo Articolo

F1 | Wolff: "Nuovi costruttori? OK ad aiuti, non a vita facile"

F1 | Wolff: "Nuovi costruttori? OK ad aiuti, non a vita facile"
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021