F1, Istanbul, Libere 1: Verstappen sull'asfalto viscidissimo

L'asfalto nuovo e tratti bagnati della pista nonostante il sole hanno reso poco indicativa la prima sessione di prove libere del GP della Turchia che torna dopo nove anni. Max Verstappen è stato il più veloce con un tempo di 13 secondi più lento dell'1'23" previsto dal simulatore. Dietro all'olandese Albon e Leclerc, con Gsly quarto davanti a Vettel.

F1, Istanbul, Libere 1: Verstappen sull'asfalto viscidissimo

La Formula 1 è tornata in Turchia dopo nove anni e c'era molta attesa di girare sull'Istanbul Park, ma le aspettative sono naufragate di fronte alle condizioni della pista. L'asfalto è stato rifatto prima del GP e, come di consueto, fa emergere dell'olio dal bitume rendendo scivoloso il fondo. Se a tutto questo ci aggiungiamo che le aree del tracciato non riscaldate dal sole erano bagnate, si può ben capire quanto sia stato difficile per i piloti chiudere un giro senza pattinamenti e traversoni, se non lunghi nelle vie di fuga e testacoda specie alla Curva 1.

"E' come guidare sul ghiaccio" ha detto Max Verstappen via radio dopo alcune curve, dando immediatamente la sensazione di quello che stava succedendo. "Sono le peggiori condizioni nelle quali mi sono trovato a girare quando non era bagnato" ha aggiunto Lewis Hamilton.

Il più veloce è stato Max Verstappen capace di arrivare al giro 28 al tempo di 1'35"077 con le gomme hard. Si tratta di un tempo assolutamente non indicativo se si pensa che le simulazioni delle squadre predicono una prestazione di 1'23". Se consideriamo che di solito con una pista bagnata e, quindi, con le gomme rain si registra un aumento del tempo di una decina di secondi, all'Istanbul Park le cose sono andate decisamente peggio.

Verstappen a fine turno ha strappato la migliore prestazione ad Alexander Albon che sperava di chiudere il turno al comando per rilanciare le sue quotazioni in caduta libera nel team Red Bull. L'olandese ha fatto delle prove aerodinamiche con un grande rastrello dietro alle ruote anteriori ed è stato il pilota che ha percorso più strada su questo strano fondo totalizzando 29 giri.

Terzo tempo per Charles Leclerc con la Ferrari a 430 millesimi dalla RB16, con Sebastian Vettel (ultimo vincitore in Turchia) a un decimo dal compagno che sembra mostrare un migliore adattamento alla SF1000 già visto a Imola. Fra i due si è infilato Pierre Gasly con l'AlphaTauri, mentre il compagno russo, Daniil Kvyat è sesto con un distacco però marcato di 1"661.

Poi i margini diventano importanti: Lando Norris con la McLaren è settimo davanti ad Antonio Giovinassi con l'Alfa Romeo e Valtteri Bottas con la Mercedes. Chiude la top ten Esteban Ocon con la Renault, mentre Lewis Hamilton poco attratto dal guidare in queste condizioni ha chiuso 15esimo davanti a Kimi Raikkonen.

Giornata storta per Carlos Sainz, 19esimo, costretto a parcheggiare la sua McLaren MCL35 a bordo pista dopo 12 giri per un problema elettrico che prima gli ha fatto perdere potenza e poi ha causato altri guai mandando in tilt il servosterzo che è assistito idraulicamente.

George Russell, invece, ha portato al debutto una nuova power unit Mercedes e dovrà scontare una penalità sulla griglia di domenica avendo fatto ricosro al quarto motore termico, a nuova MGU-H e turbo.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Netherlands Max Verstappen Red Bull 29 1'35.077     202.118
2 Thailand Alexander Albon Red Bull 27 1'35.318 0.241 0.241 201.607
3 Monaco Charles Leclerc Ferrari 26 1'35.507 0.430 0.189 201.208
4 France Pierre Gasly AlphaTauri 26 1'35.543 0.466 0.036 201.132
5 Germany Sebastian Vettel Ferrari 29 1'35.620 0.543 0.077 200.970
6 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 27 1'36.738 1.661 1.118 198.647
7 United Kingdom Lando Norris McLaren 21 1'37.216 2.139 0.478 197.671
8 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 21 1'37.503 2.426 0.287 197.089
9 Finland Valtteri Bottas Mercedes 23 1'37.629 2.552 0.126 196.834
10 France Esteban Ocon Renault 23 1'38.428 3.351 0.799 195.237
11 Canada Nicholas Latifi Williams 18 1'38.508 3.431 0.080 195.078
12 Mexico Sergio Perez Racing Point 22 1'38.612 3.535 0.104 194.872
13 Canada Lance Stroll Racing Point 21 1'39.484 4.407 0.872 193.164
14 France Romain Grosjean Haas 25 1'40.025 4.948 0.541 192.119
15 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 12 1'40.225 5.148 0.200 191.736
16 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 23 1'41.035 5.958 0.810 190.199
17 Denmark Kevin Magnussen Haas 21 1'41.854 6.777 0.819 188.670
18 Australia Daniel Ricciardo Renault 20 1'45.156 10.079 3.302 182.745
19 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 12 1'46.462 11.385 1.306 180.503
20 United Kingdom George Russell Williams 17 1'49.256 14.179 2.794 175.887
condivisioni
commenti
Tegola Russell: cambio motore e penalità in griglia
Articolo precedente

Tegola Russell: cambio motore e penalità in griglia

Prossimo Articolo

Alonso: altri 2 giorni di test con Renault ad Abu Dhabi

Alonso: altri 2 giorni di test con Renault ad Abu Dhabi
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021