Formula 1
09 mag
Prossimo evento tra
63 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
94 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
102 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
112 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
133 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
147 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
175 giorni
02 set
Prossimo evento tra
182 giorni
09 set
Prossimo evento tra
189 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
203 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
210 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
231 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
274 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
283 giorni

Inviato a Melbourne: "I piloti in viaggio con le mascherine"

Roberto Chinchero ci racconta che come gli altri italiani arrivati a Melbourne ha ricevuto un vademecum dopo il termo-test. Il paddock dell'Albert Park si sta allestendo: "Tutto inizia qui" recita il manifesto promozionale del GP. In Bahrain previsto un canale d'ingresso per chi arriva dalle aree a rischio di Coronavirus.

Inviato a Melbourne: "I piloti in viaggio con le mascherine"

Il tam-tam tra gli addetti ai lavori della Formula 1 con passaporto italiano è incessante. I primi connazionali ad essere arrivati a Melbourne, una volta sbarcati hanno informato chi si trova ancora in viaggio sulle procedure adottate all’aeroporto della città australiana nei confronti dei proviene da aree a rischio.

Al momento a chi giunge dall’Italia è riservata una procedura particolare, che prevede il controllo della temperatura e (in caso di riscontro al di sotto dei 37,5 gradi) la consegna di un vademecum con le istruzioni da seguire qualora di presentassero sintomi da influenza.

Per chi non supera il test, è previsto il test con tampone che allunga la permanenza in aeroporto di un paio d’ore.

Ma non sono ovviamente solo gli italiani ad essere preoccupati in questa vigilia di stagione molto particolare. Arrivata la conferma della decisione presa in Bahrain che ufficializza il weekend a porte chiuse, ci si interroga su quello che sarà il futuro di un Mondiale che inizia tra molti dubbi.

Gli organizzatori di Al Sakhir, di fatto il governo bahrenita, possono permettersi si sacrificare gli introiti derivanti dalla vendita dei biglietti, una scelta che non potrà essere seguita dai promoter di altri Gran Premi, la cui sopravvivenza economica dipende esclusivamente dagli incassi derivanti dalla presenza del pubblico.

In Bahrain hanno previsto un canale di ingresso per gli addetti ai lavori della Formula 1 con passaporti di aree catalogate ‘a rischio’, i quali all’arrivo nella capitale Manama saranno sottoposti al check con tampone e successivamente trasportati nel circuito di Al Sakhir, dove attenderanno gli esiti dell’esame prima di essere liberi di potersi recare in Hotel.

Al momento c’è la certezza della disputa delle prime due tappe in calendario, ma già la terza gara (in Vietnam) è un punto interrogativo.

Le procedure per la concessione dei visti agli italiani procedono a rilento, e recentemente anche ad Hanoi, città che ospita la gara, sono stati ufficializzati i primi casi di Coronavirus. Per ora si naviga a vista, e tutti gli sforzi di chi opera in pista sono mirati al weekend di Melbourne.

Grossa parte dei piloti sono arrivati nella città australiana nel corso del weekend, per smaltire il fuso orario di dieci ore (rispetto all’Europa) e la stanchezza legata al lungo volo. Alcuni hanno viaggiato con tutte le precauzioni del caso, e curiosamente molti di loro indossavano lo stesso modello di mascherina (francese) che copre grossa parte del viso.

“Anche qui c’è stato il tam tam”, ha spiegato Esteban Ocon, che ha fornito le indicazioni su come procurarsi il modello ad Antonio Giovinazzi.

Alla fine, e non potrebbe essere altrimenti, tra i piloti l’adrenalina in vista della ‘prima’ stagionale giorno dopo giorno avrà il sopravvento sui timori che caratterizzano questa vigilia di Mondiale.

Oggi è attesa a Melbourne l’arrivo del personale di Ferrari ed Alpha Tauri (una prima parte è giunta la scorsa settimana per allestire i box) poi da domani le attività di preparazione al weekend inizieranno come da programma.

“Everything starts here”, recita un manifesto promozionale del Gran Premio d’Australia posto nell’aeroporto di Melbourne, “Tutti inizia qui”, ma il dubbio in questo caso non è tanto la partenza, quanto il proseguimento di una stagione che dovrà fare i conti con una realtà durissima.

condivisioni
commenti
Ferrari autorizzata a partire per il GP d'Australia

Articolo precedente

Ferrari autorizzata a partire per il GP d'Australia

Prossimo Articolo

F1 2020: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Australia

F1 2020: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP d'Australia
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Australia
Location Melbourne Grand Prix Circuit
Autore Roberto Chinchero
Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare Prime

Mercedes W12: estremizzare per continuare a dominare

La Mercedes W12 è una monoposto che va ad estremizzare alcuni concetti visti sulla W11 ma anche sulla concorrenza. Gli attenti uomini guidati da James Allison sono andati alla ricerca del carico perduto - per motivi regolamentari - al retrotreno, massimizzando l'effetto Coanda. Ma non solo...

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1 Prime

I 10 punti interrogativi sulla stagione 2021 di Formula 1

23 gare sono troppe? La Red Bull riuscirà a lottare con la Mercedes? Sainz sarà al livello di Leclerc in Ferrari? Karun Chandhok ha analizzato i 10 punti interrogativi della stagione 2021 di Formula 1.

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo Prime

Alfa Romeo: oggi di Racing c'è solo un adesivo

La Casa del Biscione è solo all'apparenza impegnata in F1, ma di ingegneristico non c'è praticamente nulla, mentre nel turismo sono tante le realtà che in questi anni hanno provato a rilanciare il marchio, ma solo coi propri investimenti.

Formula 1
1 mar 2021
Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1 Prime

Come i nuovi investitori McLaren hanno già avuto un impatto in F1

L’accordo che McLaren ha concluso l'anno scorso con MSP Sports Capital, che aiuterà il team di Formula 1 a corto di liquidità a pagare per i tanto necessari aggiornamenti delle infrastrutture, punta anche al futuro della Formula 1 stessa, come analizza Stuart Codling di GP Racing.

Formula 1
1 mar 2021
F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher Prime

F1 Stories: W01, la prima Mercedes di Schumacher

La W01 è la monoposto che rappresenta il ritorno della firma Mercedes in Formula 1, un'assenza che perdurava dal lontano 1955. Ma è anche la vettura che accompagna il ritorno della leggenda Schumacher in un campionato del mondo, nel 2010.

Formula 1
1 mar 2021
Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021? Prime

Verstappen: un basso profilo per sorprendere nel 2021?

L'olandese non si è voluto sbilanciare in occasione del filming day della Red Bull circa le reali potenzialità della RB16B. Pretattica o forse Max è rimasto scottato troppe volte negli anni passati?

Formula 1
27 feb 2021
Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022 Prime

Alfa Romeo: si sacrifica il 2021 per puntare tutto sul 2022

Già dalla presentazione si è capito che l'Alfa Romeo deciderà di sacrificare il 2021 e portare pochi sviluppi per puntare tutto sul 2022 e cercare di risalire la china sfruttando il cambiamento regolamentare.

Formula 1
27 feb 2021
F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino Prime

F1 Stories: Da Tyrrell a Mercedes, il filo inglese del destino

Cos'hanno in comune la Tyrrell e la Mercedes? Molto più di quel che sembra. Infatti, un semplice cambio di residenza della Casa di Stoccarda, ha generato un filo conduttore tra tante squadre diverse tra loro. Un viaggio nella storia della Formula 1 che parte dagli anni Settanta.

Formula 1
27 feb 2021