F1 incredibile: termo-coperte per le gommine di galleria!

Le vetture 2021 saranno davvero solo una evoluzione di quelle che hanno corso nel 2020? C'è chi nel paddock pensa che vedremo F1 molto diverse, anche se alcuni componenti (come telaio, sospensioni e cambio) dovranno restare gli stessi. Con i tagli dell'aerodinamica e le nuove gomme Pirelli alcuni valori potrebbero cambiare. E chi sarà riuscito a fare la migliore ricerca in galleria potrà forse trarre frutti molto importanti anche in questa stagine di transizione.

F1 incredibile: termo-coperte per le gommine di galleria!

Nella vulgata del paddock si racconta che le F1 2021 saranno molto simili a quelle che hanno corso nel mondiale 2020 e che, quindi, non sarà possibile vedere dei grandi cambiamenti nelle prestazioni per i forti vincoli regolamentari introdotti dalla FIA lo scorso anno per “raffreddare” i costi di sviluppo delle monoposto nell’era COVID-19.

Con la presentazione delle macchine 2021 scopriremo che non è proprio vero: certo, resta il vincolo del telaio, delle sospensioni e del cambio che dovranno rimanere gli stessi della passata stagione, ma ci sono importanti gradi di libertà per apportare dei cambiamenti sostanziali alle prestazioni delle F1 nuove.

Scalfire lo strapotere della Mercedes, che ha dominato il campionato del settimo mondiale di fila dell’era ibrida, sarà un’impresa titanica affidata alla Red Bull Racing, ma è indubbio che chi riuscirà ad azzeccare gli sviluppi, sfruttando al meglio anche i due gettoni concessi dalla FIA, potrà progredire nelle prestazioni nonostante i tagli regolamentari all’aerodinamica.

Lo ricordiamo il fondo avrà una superficie minore e sarà privo degli slot nel bordo d’uscita, mentre le paratie verticali sotto all’estrattore saranno alzate di 50 mm dal piano di riscontro e le brake duct posteriori avranno meno flap per convogliare l’aria in una zona nevralgica della macchina.

Insomma si è studiato un calo della downforce che è stato valutato intorno al 10% del carico e che dovrebbe impattare sui tempi sul giro e, in particolare, sulla tenuta delle gomme che dovevano essere per il terzo anno di fila, le stesse del 2019.

In realtà la Pirelli ha pensato bene di cambiare la costruzione dei propri pneumatici per evitare i fenomeni nocivi di blistering, senza dover incrementare le pressioni di gonfiaggio che rendono la guida delle monoposto meno precisa, visto che le vetture diventano più scivolose e anche meno performanti.

I tecnici di Mario Isola, in realtà non hanno cambiato solo la costruzione della carcassa (le mescole sono rimaste quelle note del 2019), ma anche il profilo con un diverso disegno dell’anteriore che ha dei riflessi sull’aerodinamica: vedremo modifiche all’ala anteriore (in particolare nella zona delle paratie laterali) per orientare diversamente i flussi destinati a ripulire la scia della ruota anteriore che genera nocive turbolenze.

Cambieranno anche le barge board, segno che l’andamento dei vortici è stato modificato. E da inizio mese i team di Formula 1 hanno ricevuto dalla Pirelli le “gommine”, vale a dire le coperture in scala, ma con le stesse caratteristiche tecniche degli pneumatici 2021 e le equivalenti coperture da 18 pollici per lo studio delle monoposto 2022.

È iniziato, quindi, un lavoro di verifica in galleria del vento (quest’anno contigentato nei tempi in funzione della posizione nella classifica Costruttori che penalizza proporzionalmente chi si trova dal quinto posto in su e favorisce chi si trova nella seconda parte del gruppo), dopo che i team hanno ricevuto il modello della gomma 2021 per il simulatore.

La Wind Tunnel Tire (WTT) della Pirelli sono degne di un’attenzione sempre crescente: pesano circa 1,5 kg e sono di mescola fredda perché devono funzionare con il minimo grip e durare fino a 30-40 mila km senza usura. In realtà alcuni team negli ultimi due anni hanno spinto la loro ricerca in galleria cercando anche dei valori di grip per estremizzare certe simulazioni.

Insomma, l’attenzione non si pone solo al modello della monoposto realizzato in rapid prototyping, ma anche alle gomme (e di recente anche ai cerchi) per il wind tunnel.

Ma come mai? Ce l’ha spiegato Dialma Zinelli, responsabile aerodinamico Dallara:
“Il motivo vero della presenza della ruota pneumatica è lo studio del contact patch, vale a dire della deformata a terra della gomma e della deformazione della spalla”.

“In galleria si deve garantire pressione e temperature costanti delle gomme perché si va a provare una variabile alla volta. La galleria è uno strumento clinico nel quale si cercano di congelare tutte le variabili per lasciarne una libera che è la geometria che si vuole analizzare”.

E dove stiamo andando nella sofisticazione della ricerca in galleria?

“Se per cambiare una pancia del modello ci vogliono 40 minuti è impensabile che la gomma abbia mantenuto costante la temperatura. Nella procedura ci sono diversi sistemi di controllo: può fare sorridere pensare che finita una prova si montino delle termo-coperte, ma si è arrivati a tanto…”.

Chi sarà riuscito a fare il miglior lavoro invernale in campo aerodinamico potrà recuperare buona parte del carico perduto e, magari, avrà capito come indirizzare i vortici per fare in modo che la monoposto in pista riesca a far lavorare nel giusto range di temperature le gomme.

Si tratta di un campo di ricerca sempre più estremo e si capisce perché sia anche molto costoso, ma può dare risultati importanti se si usano gli strumenti più adatti ed innovativi.

Le termo-coperte da wind tunnel sono solo l’ultimo esempio di una sperimentazione sempre più spinta.

condivisioni
commenti
Ghini: "La F1 vetrina dei marchi premium"

Articolo precedente

Ghini: "La F1 vetrina dei marchi premium"

Prossimo Articolo

Perché Bottas non emulerà Rosberg per battere Hamilton

Perché Bottas non emulerà Rosberg per battere Hamilton
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021