Il segreto Mercedes? E' un anno avanti a tutti

La squadra di Brackley dà una grande dimostrazione di superiorità nel torrido GP di Spagna: la Mercedes cancella i problemi di gomma che l'aveva penalizzata a Silverstone e mostra qual è il suo potenziale con Lewis Hamilton. Solo Verstappen riesce a evitare il doppiaggio oltre alle frecce nere, ma per sperare di battere le W11 deve sperare in un qualcosa di anomalo o di miracoloso tant'è la supremazia della Stella. Delude Bottas solo terzo dopo un via stentato.

Il segreto Mercedes? E' un anno avanti a tutti

Quando lo si mette in dubbio, Lewis Hamilton dà il meglio di sé. Quando la si mette in dubbio, la Mercedes dà il meglio di sé. Sette giorni dopo la sconfitta di Silverstone, il tandem campione del Mondo ha mostrato un potenziale inarrivabile, dominando dall’alto di una superiorità assoluta che si riassume anche nelle cifre.

Solo un eroico Max Verstappen si è salvato dal doppiaggio, mentre il resto del gruppo (chi prima e chi dopo) si è visto sventolare davanti le bandiere blu, segnale inequivocabile che alle spalle stava arrivando un tandem di un’altra categoria.

È uno show già visto molte volte negli ultimi sei anni, ma che stupisce sempre, perché quando sembra che possa esserci una crepa nel mosaico perfetto costruito nella sede di Brackley, ecco che puntualmente arriva la risposta.

A Silverstone le due W11 avevano manifestato problemi nella gestione delle gomme, sette giorni dopo, come confermato dallo stesso Hamilton dopo la gara, i riscontri sono stati ben diversi, nonostante le alte temperature che erano molto temute alla vigilia del weekend.

“Abbiamo capito cosa è accaduto lo scorso fine settimana, ed oggi avremmo potuto anche completare la corsa con una sola sosta”. La forza di questa ‘macchina da guerra’ è la capacità di reazione, immediata e sempre a segno.

È vero che, quando un’anomalia si verifica su un progetto perfetto, è più facile fare quadrato e isolare il problema, ma non è scontato che un team ci riesca sempre, e normalmente in tempi così brevi.

“Sono un anno avanti”, ha commentato ‘off-record’ un addetto ai lavori, e la misura del vantaggio Mercedes è probabilmente questa, con una sola eccezione, ovvero Verstappen.

La Formula 1 deve molto all’olandese, perché oggi il tandem Max-Red Bull è l’unica speranza per chi non ama assistere a lunghe processioni degli ex-grigi.

Dopo sole sei gare la classifica Mondiale fotografa una situazione difficile da prevedere alla vigilia della stagione anche per il più incallito dei fans della Mercedes. 132 punti per Hamilton, 95 per Verstappen, 89 per Bottas e 45 per Leclerc.

Max, secondo in pista e nel Mondiale, ormai è specializzato nel cogliere occasioni, è oggi la chance è arrivata dalla partenza al ralenty di Valtteri Bottas, che ha visto svanire in pochi secondi le possibilità di impensierire il suo compagno di squadra.

Il finlandese si è complicato la vita parecchio, regalando anche momenti di celebrità a Lance Stroll, capace di bruciarlo alla staccata di curva-1. In qualifica Bottas è un avversario degno di Hamilton, sul giro secco Valtteri è sul livello del compagno di squadra, ma la domenica la tensione non sempre è gestita al meglio, e basta una sbavatura per offrire il fianco ad un cecchino implacabile come Lewis.

“È da tanto tempo che non ero concentrato come oggi”, ha sottolineato Hamilton, che fa sempre più paura per la sicurezza che non fa certo molto per nascondere.

Sullo sfondo diventano sempre più nitidi i record destinati a crollare nel prossimo autunno, roba grossa, come grossa è la superiorità emersa oggi a Barcellona, pista che non mente, se si tratta di giudicare un pacchetto tecnico.

C’è chi spera nella mappa unica tra qualifica e gara che si dovrà utilizzare dal Gran Premio del Belgio, ma chi ci spera di più in un indebolimento della Mercedes (Max Verstappen) è anche il primo a confermare di non farsi troppe illusioni.

Arriveranno altri successi per la Red Bull e l’olandese, ma serviranno circostanze e performance eccezionali, come caldo torrido, pioggia improvvisa, rotture, incidenti o diavolerie del genere. Perché in un contesto normale, almeno per questa stagione, non c’è storia.

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11 EQ Performance
1/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggiano sul podio
Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 e Max Verstappen, Red Bull Racing festeggiano sul podio
2/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 festeggia al Parc Ferme
Il vincitore della gara Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1 festeggia al Parc Ferme
3/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il vincitore della gara: Lewis Hamilton, Mercedes
Il vincitore della gara: Lewis Hamilton, Mercedes
4/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, fa un pit stop
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, fa un pit stop
5/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, fa un pit stop
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, fa un pit stop
6/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia la vittoria al parc ferme
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, festeggia la vittoria al parc ferme
7/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, precede Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Lance Stroll, Racing Point RP20, Sergio Perez, Racing Point RP20, e il resto delle auto alla partenza
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, precede Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Lance Stroll, Racing Point RP20, Sergio Perez, Racing Point RP20, e il resto delle auto alla partenza
8/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, dettaglio pneumatici Pirelli al parc ferme
Lewis Hamilton, Mercedes-AMG Petronas F1, dettaglio pneumatici Pirelli al parc ferme
9/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, in garage
Valtteri Bottas, Mercedes-AMG Petronas F1, in garage
10/13

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG
Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG
11/13

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
12/13

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Membro del team Mercedes-AMG Petronas F1
Membro del team Mercedes-AMG Petronas F1
13/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Hamilton: "Ammirato dalla Mercedes, potevo fare anche una sosta"

Articolo precedente

Hamilton: "Ammirato dalla Mercedes, potevo fare anche una sosta"

Prossimo Articolo

Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"

Binotto: "Siamo da 4° posto, ma partiamo troppo indietro"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021