Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
106 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
120 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
134 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
162 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
169 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
183 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
218 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
225 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
239 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
253 giorni

F1: il secondo flussometro impone l'aumento di peso di 1 kg

condivisioni
commenti
F1: il secondo flussometro impone l'aumento di peso di 1 kg
Di:
6 mar 2020, 19:45

Il Consiglio Mondiale FIA che si è riunito oggi ha deliberato l'incremento del peso minimo delle monoposto a 746 kg per l'adozione nel serbatoio di un secondo flussometro che la Federazione ha voluto per monitorare i consumi istantanei di carburante. Dalle monoposto 2019 l'incremento di massa è di 3 kg.

Il peso minimo delle monoposto di Formula 1 2020 aumenta di un chilogrammo. Il Consiglio Mondiale della FIA ha approvato l’aumento di massa che a una settimana dal primo Gran Premio in Australia passa dagli attuali 745 kg a 746 kg.

Non si tratta di un provvedimento dell'ultim'ora come potrebbe sembrare: è solo la delibera che arriva poco prima del debutto stagionale a Melbourne, visto che i team hanno già provato in questa configurazione nei test invernali.

L’incremento è stato determinato dall’adozione del secondo flussometro che è stato obbligatoriamente montato nel serbatoio delle F1.

Si tratta di un sensore che sarà gestito dalla FIA e che dovrà controllare il consumo istantaneo di carburante affinché non si superi il limite del regolamento di 100 kg/h a un regime del motore di 10.500 giri al minuto.

Il peso minimo comprende quello della vettura sommato a quello del pilota in abbigliamento ignifugo.

Rispetto allo scorso anno l’aumento di peso è di 3 kg, due sono stati aggiunti perché le macchine 2019 non arrivavano al valore minimo e la FIA ha voluto evitare che i team spendessero cifre ingenti per recuperare quella massa con soluzioni più estreme.

Le moderne F1 hanno subito un graduale e costante aumento della massa minima regolamentare, pur migliorando puntualmente le prestazioni di anno in anno. Le gomme Pirelli, quindi, che restano le stesse del 2019 saranno sottoposte a dei carichi aggiuntivi…

Prossimo Articolo
La FIA liberalizza di nuovo il design dei caschi in F1

Articolo precedente

La FIA liberalizza di nuovo il design dei caschi in F1

Prossimo Articolo

F1 2021: già cambia l'ala anteriore per ridurre l'effetto scia

F1 2021: già cambia l'ala anteriore per ridurre l'effetto scia
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes