F1 | I segreti di Alonso: "Distruggo punti di forza degli altri"

Fernando Alonso ha aperto il mercato piloti di Formula 1 quest'estate, sinonimo delle capacità che continua a dimostrare in pista.

F1 | I segreti di Alonso: "Distruggo punti di forza degli altri"
Carica lettore audio

Nonostante a 41 anni sia il più anziano sulla griglia di partenza, nel corso del 2022 ha fatto vedere di essere ancora ai massimi livelli, aggiungendo i benefici dell'esperienza al talento naturale che ha portato con sé nel corso della sua carriera.

Un aspetto che è stato particolarmente affascinante quest'anno è l'osservare attentamente i dettagli quando si tratta di trovare qualcosa per essere competitivo.

Al Gran Premio d'Austria, per esempio, ha gommato ripetutamente la sua piazzola in griglia durante la sessione di prove libere del sabato mattina, sperando di poter partire meglio (anche se non è stato così, dato che è finito nelle retrovie).

Ma non è l'unica volta che ha fatto qualcosa per ottenere un vantaggio. In Francia è stato l'unico ad uscire molto lentamente dalla corsia box, in modo da passare all'interno della curva 1 e poi all'esterno della curva 2, pulendo la traiettoria, mentre altri pensavano che il circuito fosse troppo sporco in quei punti. In questo modo ha potuto sopravanzare Lando Norris e George Russell.

Alonso ha ammesso di godere molto quando questi piccoli dettagli vengono notati, dato che fanno parte della sua forte vena competitiva: sfruttare i suoi punti di forza e le debolezze degli altri.

"Sì, in effetti è così - sorride in un'intervista esclusiva concessa a Motorsport.com prima dell'annuncio del suo trasferimento alla Aston Martin - Ho bisogno di dare il 100% di me stesso e di eliminare i punti di forza degli altri. Ma questo lo faccio in ogni allenamento, quando gioco a qualsiasi cosa".

"Una volta giocavo a tennis e quando ero contro qualcuno bravo, lanciavo la palla molto in alto; in questo modo, si spezza il ritmo perché questi giocatori sono abituati a colpire la palla molto forte".

"Giocando con i professionisti, la palla arriva molto forte per loro, quindi sono abituati a quel tipo di colpo. Ma quando metti la palla alta fanno degli errori perché arriva lenta. Così riesco a giocare un tennis migliore. La palla alta è la mia unica possibilità di batterli. Quindi lo faccio automaticamente".

"Non si tratta solo di gare, devo distruggere i punti di forza degli altri e cercare di massimizzare i miei".

Fernando Alonso, Alpine A522, Sebastian Vettel, Aston Martin AMR22

Fernando Alonso, Alpine A522, Sebastian Vettel, Aston Martin AMR22

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Alonso ha ben chiaro che l'esperienza in F1 ha portato con sé evidenti vantaggi che gli permettono di capire su quali aree concentrarsi.

"Penso che l'esperienza sia sicuramente utile in molti modi. A cominciare dalla consapevolezza delle cose, dalla gestione degli pneumatici, dai pit-stop, dal modo in cui ti approcci ai meccanici e su come si affronta il fine settimana: le prove libere, la loro importanza o meno".

"Quando sei giovane, presti molta attenzione a ogni giro che fai; anche le FP1 sono come l'ultimo giro del campionato. Quindi credo che si capiscano queste cose. Sono stati fatti molti miglioramenti in condizioni di bagnato e di umidità. Normalmente le gare sul bagnato sono un azzardo, perché le cose cambiano molto rapidamente, ci sono molte safety car, molte linee asciutte che appaiono successivamente. Quindi ci sono più opportunità".

"Non tutti i giri sono gli ultimi. Sono cose che facevo all'inizio e che ora cerco di evitare. E questo si ottiene solo con l'esperienza e con i propri errori".

Lo spagnolo non pensa che l'età abbia portato aspetti negativi, soprattutto dopo una pausa di due anni dalla F1 che gli ha permesso di ricaricare le batterie.

"In termini di aspetti negativi, è difficile parlarne perché non sento che mi manca qualcosa che avevo quando ero più giovane. Forse nel 2018 ho sentito che ero esausto mentalmente a causa di tutto il marketing, i viaggi e cose del genere. E avevo bisogno di quei due anni di pausa".

"Ora mi sento bene. Quindi non so se siano stati proprio quei due anni ad aiutarmi. Oppure è solo un approccio diverso che ho ora".

Soprattutto, Alonso ritiene di essere una versione migliore di se stesso nel suo ritorno in F1 rispetto a quando terminò il suo primo periodo in questo sport. La sosta lo ha aiutato a capire meglio il quadro generale della F1.

"A volte non si capiscono certi comportamenti, ma guardando dall'esterno hai una visione a 360 gradi. Non si tratta solo del proprio mezzo o strategia, quindi forse ho capito meglio come si sviluppa la gara. E anche le diverse categorie dove ho corso, credo che mi abbiano insegnato cose diverse".

"Ci sono diverse filosofie di gara e tecniche di guida. Non è detto che siano applicabili a una vettura di F1, ma quando perdi il controllo della macchina, hai un sovrasterzo, forse le mie mani e i miei piedi fanno qualcosa che prima non sapevano fare, perché guidavo solo vetture di F1. Quindi, in un certo senso, ora mi sento più padrone della situazione".

In base a quanto accaduto dentro e fuori della pista quest'anno, in effetti Alonso non è mai sembrato così padrone della situazione come in questo momento.

condivisioni
commenti
F1 | Haas: le pance svasate per puntare più alto
Articolo precedente

F1 | Haas: le pance svasate per puntare più alto

Prossimo Articolo

F1 | GP d'Italia: via ai lavori per la ruota panoramica nella Fanzone

F1 | GP d'Italia: via ai lavori per la ruota panoramica nella Fanzone