F1: i piloti chiedono modifiche alla contestata Curva 2 di Sochi

I piloti puntano il dito contro Curva 2, teatro dell'incidente di Carlos Sainz poco dopo il via, ma anche di qualche escursione pericolosa come quelle fatte da Romain Grosjean.

F1: i piloti chiedono modifiche alla contestata Curva 2 di Sochi

Il Gran premio di Russia ha lasciato diversi strascichi. Uno di questi è legato alla Curva 2 dell'autodromo semi-permanente di Sochi o, per meglio dire, alla via di fuga che ogni anno viene modificata ma che crea in un modo o nell'altro polemiche e situazioni complicate che i piloti si trovano a gestire in pista.

Il caso clou del fine settimana appena trascorso è stato rappresentato dall'incidente al via che ha visto protagonista Carlos Sainz Jr. Il pilota della McLaren, resosi conto di avere un avversario all'interno, ha preferito tagliare la via di fuga, cercando di seguire il percorso obbligatorio indicato dalla segnaletica (pannelli di polistirolo in cui erano impresse frecce).

Sainz, però, ha calcolato male l'angolo d'entrata nella chicane artificiale creata nella via di fuga, ma anche la velocità. Questo lo ha portato a colpire il muro posto a pochi centimetri dalla chicane e a concludere immediatamente la sua gara.

Il pericolo, per Sainz, è legato al momento dell'impatto con il muro, ma questo poi si è esteso quando la sua McLaren - ormai senza controllo - è rimbalzata in pista. i piloti che stavano sopraggiungendo sono stati bravi a schivare la MCL35 del madrileno, ma la dinamica avrebbe potuto portare a un incidente molto brutto.

Di questo hanno parlato molti piloti al termine della gara, a partire da George Russell: "In primo luogo, quella curva non dovrebbe proprio esistere. In secondo luogo, il disegno della curva è terribile".

Daniel Ricciardo ha puntato il dito sul disegno della curva. L'australiano della Renault ha ricevuto 5" di penalizzazione in gara per essere andato oltre il cordolo dopo una staccata errata. Va detto, per altro, che Renault in quel frangente ha fatto rallentare appositamente Ocon in uscita dai box proprio per permettere a Daniel di rimanere davanti. Una penalità a dir poco incomprensibile.

"La geometria della curva è strana. La sua conformazione ti fa pensare di potercela fare praticamente sempre. Pensi di poterla fare in tutti i casi. Se però sei leggermente fuori traiettoria non c'è modo di poter tornare indietro".

"Non a caso ho preso 5" di penalità. Quando ci sono arrivato in quel momento ho pensato che avrei potuto prendere la penalità. Tutti i piloti si sono fatti sentire per com'è fatta quella curva. Penso si possa avere una curva differente, che comunque lasci fare sorpassi".

Michael Masi, direttore di gara della F1, ha ammesso le difficoltà nell'affrontare quella curva da parte dei piloti: "La Curva 2 è una di quelle che ogni anno ha rappresentato sfide differenti. Si risolvono le cose in un modo, ma si ha un impatto differente".

"Per questo stiamo cercando di trovare la soluzione migliore. Credo che abbiamo trovato un modo, una soluzione ragionevole. C'è un margine di miglioramento? Sì, c'è sempre un margine di miglioramento".

"Usare la ghiaia? Non è una soluzione valida ovunque. Rimane il fatto che sia difficile trovare una soluzione unica che si adatti a tutte le soluzioni per quella curva. Quindi continueremo a studiare la cosa e a capire come poter fare per migliorare le cose".

condivisioni
commenti
Bottas: "A chi mi critica dico sapete che dico? Vaff..."

Articolo precedente

Bottas: "A chi mi critica dico sapete che dico? Vaff..."

Prossimo Articolo

REPORT LIVE: Commentiamo CON VOI F1 e MotoGP

REPORT LIVE: Commentiamo CON VOI F1 e MotoGP
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021