I diversi motivi di Mercedes e Red Bull per dire no alle gomme medie

Le due squadre in lotta per il mondiale sono arrivate alla stessa conclusione, ma con motivazioni diverse. Tanto Mercedes che Red Bull hanno rinunciato a qualificarsi in Q2 con le gomme gialle. E' interessante andare a sentire le svariate motivazioni che hanno portato all'analoga scelta.

I diversi motivi di Mercedes e Red Bull per dire no alle gomme medie

Quando all’inizio della sessione Q2 di ieri Max Verstappen, Lewis Hamilton e Valtteri Bottas sono usciti dalla pit-lane con gomme soft, si è subito pensato che le simulazioni di Red Bull e Mercedes fossero giunte tutte alla stessa conclusione, ovvero rinunciare alla mescola media al via della gara per una questione di performance e soste. In realtà nei due box i motivi dietro alla scelta comune sono differenti.

“Se avessimo voluto avremmo potuto passare la Q2 con le medie – ha confermato Verstappen – ma semplicemente non abbiamo voluto farlo”.

L’olandese non è sceso nei dettagli, ma dietro alla decisione del box Red Bull ci sono due aspetti. Il primo è legato alla partenza, ovvero ai seicento metri che separano la posizione al via dalla staccata della prima curva.

Sarà un momento cruciale della corsa di oggi, che definirà lepre e cacciatori e di conseguenza le strategie di gara, e il piccolo vantaggio in termini di trazione che può garantire la soft non è stato sottovalutato.

In casa Mercedes hanno invece considerato la possibilità di non riuscire a prendere un vantaggio consistente su Verstappen nel primo stint di gara.
“Se parti con le medie e non riesci ad allungare – ha confermato Hamilton – corri il rischio di undercut da parte di chi ti segue, e partire con le medie avrebbe comportato una sosta ritardata rispetto a chi prenderà il via con le soft”.

In Portogallo Hamilton è arrivato al pit-stop con sei secondi di vantaggio su Verstappen, un margine di sicurezza costruito anche grazie alla marcatura fatta da Bottas sull’olandese. Ma se Max si confermerà secondo alla prima curva, la storia nella gara di oggi potrebbe essere diversa.

Anche Bottas ha aggiunto una motivazione che ha sconsigliato l’idea di partire con gomme medie. “Qui a Barcellona la posizione in pista è molto importante – ha spiegato – non è facile recuperare e sorpassare se perdi terreno. Quindi abbiamo ritenuto prioritario fare tutto il possibile per poter avere una buona performance nei primi giri”.

In casa Mercedes c’è stata un’ultima valutazione arrivata dopo la sessione FP3.

“Abbiamo visto quanto hanno guadagnato con il cambio di ala – ha spiegato Hamilton riferendosi alla scelta della Red Bull di utilizzare ieri un ala posteriore con carico minore rispetto a venerdì – ed hanno confermato un’ottima velocità sul dritto”.

La paura di subire un undercut da parte di Verstappen (non del tutto spazzata via) ha consigliato ai tecnici della Mercedes una prima parte di gara all’attacco, consci che qualora l’olandese dopo la prima sosta riuscisse a sfilare davanti a Hamilton e Bottas sarebbe molto più difficile che a Portimao recuperare la posizione in pista.

condivisioni
commenti
Reutemann si è ripreso ed è stato dimesso

Articolo precedente

Reutemann si è ripreso ed è stato dimesso

Prossimo Articolo

Ferrari: quelle scelte sagge in funzione della gara

Ferrari: quelle scelte sagge in funzione della gara
Carica commenti
Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali" Prime

Minardi: "Auguri Alonso, meritavi altri mondiali"

Compie quarant'anni Fernando Alonso. L'asturiano, due volte campione del mondo, è un pilota capace di vincere due titoli mondiali ancora in giovane età per poi raccogliere meno di quanto il suo talento gli avrebbe consentito per i motivi più svariati. Insieme a Gian Carlo Minardi ricordiamo i suoi esordi in Formula 1...

F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute Prime

F1: i segnali che indicano come la serie goda di ottima salute

Non c'è solo il duello tra Verstappen e Hamilton per la conquista del titolo iridato ad attirare l'attenzione sulla Formula 1. Molti sponsor tecnologici stanno investendo nei team e questo è un segno di un ritrovato interesse che fa ben sperare per il futuro.

Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato” Prime

Ceccarelli: “Si va in Ungheria con un clima surriscaldato”

In questa puntata del Doctor F1, Franco Nugnes e il Dottor Riccardo Ceccarelli ci parlano del clima in vista del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1, dove tanto Mercedes quanto Red Bull arriveranno a nervi tesi. Più che i piloti, a tenere elevata la tensione sono i team principal

Formula 1
28 lug 2021
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

Formula 1
27 lug 2021
F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Formula 1
27 lug 2021
Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021