F1: i destini di 5 piloti legati da un filo invisibile

Per Sebastian Vettel, Fernando Alonso, Daniel Ricciardo, Sergio Perez e Carlos Sainz il 2021 sarà un crocevia importante in carriere mature di F1. Ciascun sarà chiamato a fare meglio di chi gli ha lasciato l'abitacolo e si scopre come i destini di questi piloti s'intreccino nelle aspettative che i movimenti di mercato hanno creato nel paddock e fra gli appassionati.

F1: i destini di 5 piloti legati da un filo invisibile

Tra poco più di due mesi la Formula 1 sarà al via di una stagione destinata a scrivere molte storie. Dopo anni di stallo il mercato piloti ha disegnato un mosaico del tutto imprevisto (e imprevedibile), con una serie di abbinamenti che nessuno avrebbe mai potuto immaginare.

Cinque piloti, nomi noti, pronti a partire (o ripartire) da zero alla ricerca di un lancio definitivo o di un rilancio che sa tanto di rivincita.

Due sono campioni del Mondo, altri due che hanno già assaporato vittorie in un Gran Premio, ed un ultimo che la sua prima vittoria l’ha mancata per un soffio lo scorso anno a Monza.

Per Sebastian Vettel, Fernando Alonso, Daniel Ricciardo, Sergio Perez e Carlos Sainz, il 2021 sarà un crocevia importante in carriere più o meno lunghe, indossando tute dai colori per loro inediti che certificano l’inizio di un nuovo capitolo della loro vita sportiva.

Gli obiettivi saranno ovviamente differenti, ma allo stesso tempo la loro missione avrà tanti punti in comune, ad iniziare dal primo: non far rimpiangere chi li ha preceduti.

Curiosamente lotteranno tra loro a… distanza, legati da un filo invisibile: Alonso in Renault non dovrà far rimpiangere Ricciardo, il quale in McLaren dovrà far dimenticare Sainz. Carlos ha la stessa missione in Ferrari per scongiurare pentimenti sull’addio a Vettel, il quale in Aston Martin cercherà di evitare rimpianti su quanto fatto da Perez.

Per riuscirci tutti dovranno piazzare la loro nuova monoposto davanti ai rispettivi compagni di squadra, e qui le strade di dividono in quanto a difficoltà dell’impresa. Al di là del verdetto finale, il loro 2021 sarà una storia da raccontare.

Alpine – Alonso, il ritorno ‘bis’ del figliol prodigo

Fernando Alonso, Renault F1 Team R.S.20

Fernando Alonso, Renault F1 Team R.S.20

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Il ritorno di Alonso nel paddock di Formula 1 (e nel team con cui ha conquistato i suoi due Mondiali) sarà uno dei grandi motivi di interesse della stagione 2021. ‘Nando’ ha trascorso due anni lontano da una categoria che in realtà non ha mai smesso di cercare, anche quando dichiarava aspirazioni differenti.

La domanda che si pongono appassionati ed addetti ai lavori è una sola: che Alonso vedremo? Al di là della competitività della monoposto il primo esame da superare sarà dimostrare di essere ancora Alonso, anche dopo due anni di lontananza dal Circus.

Non è una prova scontata, perché i rientri in Formula 1 non sono sempre stati all’altezza delle aspettative.

‘Nando’ ha avuto tempo e possibilità (nel rispetto del regolamento) per prepararsi al meglio, anche a costo di farsi passare per un rookie nei test di Abu Dhabi dello scorso dicembre.

Il pericolo Ocon c’è perché nessuno crede che lo sia, ma la determinazione sembra quella del solito Alonso, dove per ‘solito’ si intende un top driver di altissimo livello, poi sarà la pista a dire se la Renault ha fatto un affare a lasciare andare Ricciardo per inseguire una splendida operazione nostalgia.

Ferrari – Sainz, più di una ‘spalla’

Carlos Sainz, Scuderia Ferrari

Carlos Sainz, Scuderia Ferrari

Photo by: Ferrari

Quando da Maranello è arrivata la notizia ufficiale dell’ingaggio di Sainz, non sono stati in pochi a giudicare la scelta del management Ferrari come un piano ‘B’, ma poi è arrivata la stagione 2020, che ha confermato Carlos come un pilota maturo e pronto al salto in un top-team.

Al di là delle solite speculazioni (c’è chi si ostina a vedere prime e seconde guide anche dove non ci sono) per Sainz la stagione numero sette in Formula 1 sarà quella che lo porterà definitivamente sotto i riflettori, condizione normale per chi guida una Ferrari indipendentemente della bontà della monoposto.

In attesa di capire quali saranno gli obiettivi che consentirà di raggiungere la SF21, il primo verdetto arriverà dal confronto interno con Leclerc.

Carlos dalla sua ha un vantaggio, legato alla stagione 2020 molto negativa di Sebastian Vettel, che gli consentirà di non subire lo stress di chi deve far dimenticare chi lo ha preceduto, ma sarà giudicato anche con in un confronto diretto che non è dei più semplici.

McLaren - Ricciardo, sognando l’exploit

Daniel Ricciardo, McLaren

Daniel Ricciardo, McLaren

Photo by: Daniel Ricciardo

Per quanto sia stata spesso smentita dai fatti, la proprietà transitiva in Formula 1 è sempre affascinante. Se Sainz nel 2020 è riuscito a concludere al sesto posto il Mondiale con una McLaren-Renault, cosa potrà fare Ricciardo su una McLaren-Mercedes?

Le premesse sono indubbiamente interessanti, ma serve cautela: i trapianti possono essere miracolosi ma anche più complessi del previsto.

Il tandem McLaren-Ricciardo arriva al via della stagione sull’onda positiva di un finale 2020 in crescendo (nei rispettivi ruoli), e questo creerà inevitabilmente delle aspettative importanti.

Il rischio di deludere c’è, ma c’è anche tutto per far bene. Daniel sa che dovrà imporre subito la gerarchia in squadra con un compagno ‘friendly’ ma non comodo come Lando Norris, impresa riuscita a Sainz lo scorso anno.

Il suo 2021 inizierà da qui, poi sarà dalla MCL35 a dirci se vedremo due nomi come quelli di McLaren e Ricciardo tornare alla posizione che hanno occupato in un passato più o meno recente.

Red Bull - Perez, la felicità è una… ’Mission impossible’

Sergio Perez è stato scaricato dalla Racing Point ma ha trovato posto alla Red Bull Racing

Sergio Perez è stato scaricato dalla Racing Point ma ha trovato posto alla Red Bull Racing

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

La storia di Checo è stata una delle più belle del Mondiale 2020: da appiedato senza giusta causa, all’approdo in un top team come Red Bull, passando dalla vittoria di Al Sakhir.

Sergio Perez sa di avere la chance attesa per tutta la carriera, ma sa anche che per sfruttarla dovrà confrontarsi con un compagno di squadra che, da quando è arrivato in Formula 1, ha messo in crisi tutti i suoi vicini di box.

Per giocare ai piani alti è un passaggio inevitabile, ma Perez ha la maturità per riuscire a non farsi condizionare dalla figura di Max come i suoi predecessori. Dopo aver visto davanti a sé la paura di ritrovarsi a casa, non sarà Verstappen a metterlo in crisi, almeno questo è quello che in tanti di aspettano da Perez.

Se si proporrà all’altezza dell’olandese saranno in tanti a mordersi le dita, ad iniziare da chi a metà 2020 lo ha scaricato senza preavviso.

Aston Martin - Vettel, operazione ‘Reset’

Sebastian Vettel

Sebastian Vettel

Photo by: Motorsport Images

Perché Seb ha accettato una nuova sfida? Semplice: ha ancora voglia di mettersi in gioco. Il 2020 è stato l’anno più difficile vissuto in Formula 1 da Sebastian Vettel, una stagione iniziata da ‘appiedato’ e conclusa con la sua peggiore performance di sempre.

Da qui la voglia di cercare un riscatto, e soprattutto delle risposte che solo un ‘reset’ può portare: tutto azzerato e via all’avventura Aston Martin.

Seb avrà dalla sua un contesto meno stressante, un compagno di squadra più comodo di Leclerc ed un pacchetto tecnico che nel 2020 si è confermato tutt’altro che di secondo piano.

Dovrà però cercare di non far rimpiangere chi lo ha preceduto, impresa alla portata ma da non sottovalutare. Vettel in verde è una delle storie più attese del 2021, e non potrebbe essere altrimenti.

condivisioni
commenti
AlphaTauri: gli aerodinamici "separati" in casa a Bicester
Articolo precedente

AlphaTauri: gli aerodinamici "separati" in casa a Bicester

Prossimo Articolo

Williams conferma Roy Nissany come test driver nel 2021

Williams conferma Roy Nissany come test driver nel 2021
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021