F1, Hungaroring, Libere 1: le Mercedes fanno paura

Hamilton nel primo turno di prove libere del GP di Ungheria ha impressionanto ottenendo il miglior tempo con la gomme Hard, seguito da Bottas con le Medie. Poi ci sono le Racing Point e la Renault, con le Ferrari sesta e settima.

F1, Hungaroring, Libere 1: le Mercedes fanno paura

La Mercedes fa impressione: cambia la pista, ma non cambia la sostanza. Due W11 davanti a tutti seguite dalle Racing Point, vale a dire le Mercedes rosa. Poi gli altri. La prima sessione di prove libere del GP d'Ungheria emana dei primi verdetti importanti. Lewis Hamilton è stato il più veloce con le gomme Hard in 1'16"003, una prestazione che è migliore di 1"2 rispetto alla sessione dello scorso anno.

Il campione del mondo è stato impressionante con la freccia nera che rivela una superiorità impressionante: all'Hungaroring si sono viste anche alcune saltuarie goccioline di pioggia (che non hanno inficiato il lavoro dei team), ma le temperature non erano quelle torride solite (19 gradi di aria e 26 gradi di asfalto), eppure gli pneumatici nella mescola più dura sono andati in temperatura già al primo giro lanciato, segno che il DAS sta facendo le sua parte.

Alle spalle di Lewis si è inserito Valtteri Bottas ad appena 86 millesimi dall'esa-campione, ma con gomme Medie. Il finlandese ha ottenuto la prestazione prima, quando la pista era meno gommata. Il team di Brackley si è presentato in pista montanfdo subito le Soft temendo l'arrivo della pioggia, impostando un lavoro diverso dagli altri che hanno seguito i piani tradizionali.

Dietro alle Mercedes ci sono le Racing Point con Sergio Perez capace di 1'16"530 con le Soft, piazzandosi di quattro decimi davanti al compagno Lance Stroll.Il messicano è stato autore di un lungo nel quale ha dechappato la gomma anteriore destra. Le RP20 confermano lo stato di grazia precedendo la Renault di Daniel Ricciardo, ottimo quinto, in 1'17"200. Fra i due team è in corso una sfida in pista e fuori per il reclamo che la Casa francese ha presentato contro i cestelli della Racing Point.

La Ferrari si colloca al sesto posto con Sebastian Vettel capace di 1'17"238 a 1"2 da Hamilton seguito da Charles Leclerc. La squadra di Maranello non ha cercato prestazioni, proseguendo le analisi sulla vettura con prove aerodinamiche a velocità costante. Sebastian all'inizio aveva girato con le Hard, mentre Charles si sta dedicando alle Medie. Poi i due piloti si sono uniformati, trovando prestazioni interessanti nel passo gara, segno che, forse, è stato trovata una via per far crescere la macchina.

Ha deluso la Red Bull: è attesa per essere la sfidante della Mercedes, ma si è nascosta: Max Verstappen è solo ottavo e, a differenza delle Rosse che non hanno usato le Soft, la RB16 ha calzato anche le morbide senza tirare fuori un tempo interessante, segno che la squadra di Milton Keynes ha badato ad altro. Alexander Albon è finito in 13esima posizione, in un ruolo che non è quello che Helmut Marko si aspetta.

La top ten si completa con Lando Norris buon nono con la McLaren e Esteban Ocon  con la Renault. Carlos Sainz è 11esimo e sembra patire un po' il momento positivo del giovane inglese.

Kevin Magnussen ha portato la Haas al 12esimo posto. Fra il danese e il compagno di squadra Romain Grosjean abbiamo detto che c'è il deluedente Albon.

Al 15esimo posto c'è Nicholas Latifi con la Williams, ma il canadese ha fatto una simulazione da qualifica, mentre George Russell ha badato ad altro finendo 18esimo. Male le AlphaTauri con Daniil Kvyat 16esimo, mentre non ha potuto girare Pierre Gasly con l'AlphaTauri: il francese è rimasto a guardare per tutto il turno per un problema alla power unit che deve essere sostituita.

E non brilla nemmeno l'Alfa Romeo con Antonio Giovinazzi 17esimo, ma l'italiano ha rifilato sei decimi a Robert Kubica che per la seconda volta ha avuto l'opportunità di guidare la C39 rilevando Kimi Raikkonen.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 37 1'16.003     207.512
2 Finland Valtteri Bottas Mercedes 37 1'16.089 0.086 0.086 207.278
3 Mexico Sergio Perez Racing Point 20 1'16.530 0.527 0.441 206.083
4 Canada Lance Stroll Racing Point 35 1'16.967 0.964 0.437 204.913
5 Australia Daniel Ricciardo Renault 28 1'17.200 1.197 0.233 204.295
6 Germany Sebastian Vettel Ferrari 26 1'17.238 1.235 0.038 204.194
7 Monaco Charles Leclerc Ferrari 29 1'17.404 1.401 0.166 203.756
8 Netherlands Max Verstappen Red Bull 28 1'17.435 1.432 0.031 203.675
9 United Kingdom Lando Norris McLaren 26 1'17.523 1.520 0.088 203.444
10 France Esteban Ocon Renault 35 1'17.615 1.612 0.092 203.202
11 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 32 1'17.675 1.672 0.060 203.046
12 Denmark Kevin Magnussen Haas 35 1'17.713 1.710 0.038 202.946
13 Thailand Alexander Albon Red Bull 28 1'17.727 1.724 0.014 202.910
14 France Romain Grosjean Haas 35 1'17.890 1.887 0.163 202.485
15 Canada Nicholas Latifi Williams 31 1'17.969 1.966 0.079 202.280
16 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 35 1'18.292 2.289 0.323 201.445
17 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 30 1'18.425 2.422 0.133 201.104
18 United Kingdom George Russell Williams 29 1'18.574 2.571 0.149 200.722
19 Poland Robert Kubica Alfa Romeo 26 1'19.150 3.147 0.576 199.262
condivisioni
commenti
McLaren pensa di firmare a breve il nuovo Patto della Concordia

Articolo precedente

McLaren pensa di firmare a breve il nuovo Patto della Concordia

Prossimo Articolo

LIVE Formula 1, GP di Ungheria: Libere 2

LIVE Formula 1, GP di Ungheria: Libere 2
Carica commenti
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021
Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare” Prime

Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare”

Andiamo ad analizzare il GP dell'Azerbaijan dando i voti ai piloti di Formula 1 insieme a Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
7 giu 2021