Horner: "Max in pole nonostante la potenza Honda"

Il team principal della Red Bull ha riconosciuto il merito di Max Verstappen nella conquista della pole position nel GP di Abu Dhabi e quello della squadra di Milton Keynes, ma Christian non ha risparmiato una frecciata alla Casa giapponese, sottolineando l'indubbia mancanza di potenza del motore nei confronti con la power unit Mercedes.

Horner: "Max in pole nonostante la potenza Honda"

È un giorno di festa nel box Red Bull. All’ultimo colpo disponibile Max Verstappen è riuscito a far suo un risultato inseguito per tutta la stagione, ovvero la conquista della pole position.

Pochi minuti dopo la bandiera a scacchi, Christian Horner ha distribuito i meriti dell’impresa, ad iniziare da Verstappen, per poi passare al lavoro della squadra. A sorpresa sono mancate parole d’elogio per la Honda, anzi, quando ha nominato la Casa giapponese quella del team principal della Red Bull non è stata proprio una carezza.

“La pole di Max è decisamente meritata – ha spiegato Horner a F1TV – ha messo insieme un giro fantastico. È risultato il secondo più veloce nel primo settore, il terzo nel secondo settore, e ancora il secondo nel settore finale. Ha messo insieme il suo giro e ce l’ha fatta, quindi una prestazione incredibile da parte sua”.

Poi Horner ha reso omaggio al lavoro della squadra. “La Mercedes è sempre stata dominante – ha spiegato – hanno avuto un ritmo fenomenale per tutta la stagione. Per riuscire a batterli, con la potenza della Honda, e portare quella macchina in pole position…”.

Nulla a che vedere con le dichiarazioni al vetriolo dei tempi della collaborazione con la Renault, ma ancora una volta è mancata l’eleganza che ci si aspetta soprattutto nei giorni migliori.

Horner ha molto probabilmente detto la verità, ovvero che la Honda non ha ancora i cavalli che garantisce la Mercedes nel giro di qualifica, ma in una situazione come quella in cui oggi si trovano Red Bull ed Alpha Tauri (di fatto ancora senza una power unit per la stagione 2022) il messaggio lanciato non è proprio d’aiuto se l’obiettivo è quello di accaparrarsi nuovi partner.

Sono ormai trascorse sette stagioni da quando la Red Bull ha iniziato a lamentarsi della carenza di potenza con cui deve fare i conti nei confronti degli avversari di vertice, ed è un dato certo.

Non è questione di sostanza (perché la carenza di cavalli c’è stata davvero) quanto di atteggiamento, e forse quest’ultimo aspetto non è secondario al persistere del problema. La capacità del team Red Bull di portare in pista monoposto impeccabili, spesso il riferimento tecnico nel paddock, è innegabile e davanti agli occhi di tutti, ma è anche innegabile che in sette stagioni la Red Bull non è stata in grado di risolvere un problema che si trascina ormai dal 2014. E la colpa non è detto che sia tutto al di fuori della sede di Milton Keynes.

condivisioni
commenti
Ferrari: Leclerc paga una coperta troppo corta

Articolo precedente

Ferrari: Leclerc paga una coperta troppo corta

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: Verstappen brilla con la Pole di Abu Dhabi

Fotogallery F1: Verstappen brilla con la Pole di Abu Dhabi
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021