Formula 1
03 lug
-
05 lug
Evento concluso
10 lug
-
12 lug
Evento concluso
G
GP 70° Anniversario
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP del Messico
30 ott
-
01 nov
FP1 in
108 giorni
G
GP del Brasile
13 nov
-
15 nov
FP1 in
122 giorni
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
-
29 nov
FP1 in
136 giorni

F1 Hockenheim, Libere 1: Vettel spinge le due Ferrari

condivisioni
commenti
F1 Hockenheim, Libere 1: Vettel spinge le due Ferrari
Di:
26 lug 2019, 10:47

Vettel e Leclerc con le SF90 hanno preceduto la Mercedes di Hamilton nella prima sessione di prove libere del GP di Germania: le Rosse hanno ottenuto la prestazione con le gomme Soft, mentre Lewis è arrivato a tre decimi con le Medie. Verstappen ha preceduto Bottas e Gasly.

Due Ferrari, pur senza particolari novità tecniche, si sono portate davanti a tutti nella prima sessione di prove libere del GP di Germania. Sebastian Vettel è stato il profeta in patria a Hockenheim con la SF90 che con le gomme a mescola Soft (C4) ha ottenuto un 1'14"013: la pista particolarmente sporca insieme a un caldo esagerato (35 gradi di aria e 47 gradi di asfalto) non hanno permesso ai piloti di raggiungere le prestazioni dello scorso anno (Ricciardo con la Red Bull era arrivato a 1'13"525).

Dietro al quattro volte campione del mondo che vuole cancellare l'errore di Silverstone si è inserito Charles Leclerc con l'altra Rossa: il monegasco è arrivato a 255 millesimi dal capitano, ma va detto che ha trovato molto traffico nell'ultimo settore.

Come va giudicata la prestazione dei piloti di Maranello? Non lasciamoci prendere da troppo entusiasmo, ma le due Rosse testimonierebbero che finalmente al Reparto Corse avrebbero capito come far funzionare la SF90, come ci ha tenuto a sottolineare Mattia Binotto nel preview tedesco.

La Mercedes con la livrea rievocativa bianca per i 125 anni di Motorsport ha concluso al terzo posto con Lewis Hamilton staccato di 302 millesimi da Sebastian: il divario è giustificato dall'uso di gomme Medie che sulla carta paga circa mezzo secondo dalla mescola rossa.

Il penta-campione, infatti, è incalzato a 15 millesimi (1'14"330) dalla Red Bull di Max Verstappen, con l'olandese calzato dalle scarpe più morbide. Non ha brillato Valtteri Bottas con l'altra W10: il finlandese è finito più volte largo nelle curve del Motodrom e nel finale di turno ha rischiato di sbattere nelle protezione della curva Sachs (quella che era costata il successo di Vettel l'anno scorso), ma anche lui ha lavorato con le gomme gialle.

Va detto che le previsioni meteo danno pioggia sia per la qualifica che per la gara per cui tutto il programma svolto potrebbe essere finalizzato all'Ungheria, gara che seguirà quella tedesca la prossima settimana.

Pierre Gasly chiude la lista dei top team con il sesto posto con la seconda Red Bull: il francese lascia a Verstappen mezzo secondo che torna a essere tanta roba.

Carlos Sainz ha portato la McLaren al settimo posto confermando la crescita del team di Woking (anche se Lando Norris non è andato oltre il 12esimo posto) davanti a Romain Grosjean. Il transalpino della Haas sente la pressione del team che non è soddisfatto delle sue prestazioni e lì1'15"074 testimonia una buona reazione.

La sessione è stata interrotta dopo una ventina di minuti a causa della Haas di Kevin Magnussen che si è fermata all'inizio del Motodrom per un problema alla power unit Ferrari che si è ammutolita. Una volta trainata ai box la VF-19 del danese il turno è ripreso regolarmente, mentre i tecnici del teaam USA hanno riparato la vettura rimettendo in pista il pilota che non è andato oltre il 13esimo posto a cinque decimi da Romain.

La top 10 è completata da Lance Stroll che beneficia della nuova Racing Point che sembra un netto passo avanti: il canadese è nono (con Sergio Perez 11esimo) con un incoraggiante 1'15"191 davanti a Daniel Ricciardo con la migliore Renault.

In difficoltà la Toro Rosso con Daniil Kvyat e Alexander Albon che procedono di conserva al 14esimo e 15esimo posto, ma sono davanti a Nico Hulkenberg con la seconda Renault: ci si aspettava di più dal tedesco che sente molto la gara di casa.

Male le Alfa Romeo con Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi davanti solo alle Williams. Nelle ultime gare non è una novità l'approccio deludente a inizio weekend, ma vedere Robert Kubica a due decimi dall'italiano deve far riflettere la squadra di Hinwil. Il polacco si è messo dietro il giovane inglese sfruttando meglio le novità introdotte sulla FW42.

Cla Pilota Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Germany Sebastian Vettel 21 1'14.013     222.479
2 Monaco Charles Leclerc 25 1'14.268 0.255 0.255 221.715
3 United Kingdom Lewis Hamilton 32 1'14.315 0.302 0.047 221.575
4 Netherlands Max Verstappen 28 1'14.330 0.317 0.015 221.531
5 Finland Valtteri Bottas 28 1'14.660 0.647 0.330 220.551
6 France Pierre Gasly 23 1'14.813 0.800 0.153 220.100
7 Spain Carlos Sainz Jr. 30 1'15.062 1.049 0.249 219.370
8 France Romain Grosjean 30 1'15.074 1.061 0.012 219.335
9 Canada Lance Stroll 26 1'15.191 1.178 0.117 218.994
10 Australia Daniel Ricciardo 23 1'15.567 1.554 0.376 217.904
11 Mexico Sergio Perez 24 1'15.604 1.591 0.037 217.798
12 United Kingdom Lando Norris 26 1'15.616 1.603 0.012 217.763
13 Denmark Kevin Magnussen 27 1'15.759 1.746 0.143 217.352
14 Russian Federation Daniil Kvyat 30 1'15.776 1.763 0.017 217.303
15 Thailand Alexander Albon 24 1'15.777 1.764 0.001 217.300
16 Germany Nico Hulkenberg 23 1'15.823 1.810 0.046 217.168
17 Finland Kimi Raikkonen 26 1'15.953 1.940 0.130 216.797
18 Italy Antonio Giovinazzi 31 1'16.382 2.369 0.429 215.579
19 Poland Robert Kubica 27 1'16.559 2.546 0.177 215.081
20 United Kingdom George Russell 23 1'17.126 3.113 0.567 213.499

 

Prossimo Articolo
Mercedes: Hamilton e Bottas preoccupati dalle elevate temperature di Hockenheim

Articolo precedente

Mercedes: Hamilton e Bottas preoccupati dalle elevate temperature di Hockenheim

Prossimo Articolo

F1: il GP di Spagna potrebbe restare in calendario nel 2020!

F1: il GP di Spagna potrebbe restare in calendario nel 2020!
Carica commenti