Hamilton veloce sul dritto se la può giocare con Verstappen

L'analisi delle telemetrie dello staff Bobbi permette di evidenziare che la Mercedes, pur disponendo di un'ala posteriore più carica di quella Red Bull, è in grado di esprimere a Spa una velocità massima superiore, per cui Lewis potrebbe attaccare il poleman olandese sui lunghi rettilinei. Il risultato del GP del Belgio sarà condizionato dalla portata della pioggia: più acqua sarà a favore di Max, meno di Lewis.

Hamilton veloce sul dritto se la può giocare con Verstappen

Quale GP del Belgio vedremo? Le qualifiche hanno indicato una superiorità della Red Bull sul bagnato con Max Verstappen autore di una pole straordinaria che ha lasciato il rivale per il titolo, Lewis Hamilton a una distanza di 334 millesimi con la Mercedes. In mezzo ai due, davvero a sorpresa, si è filato George Russell con la Williams, non si sa se nel ruolo di guastafeste o già di supporter dell’epta campione del mondo, visto che i due l’anno prossimo sarà il suo compagno di squadra.

Nei boschi delle Ardenne piove per cui è molto probabile che il canovaccio della gara segua quello delle qualifiche con improvvisi scrosci d’acqua. E, allora, verrebbe da dire che l’olandese che scatta in pole position sia da considerarsi grande favorito perché sul bagnato è riuscito a creare un gap importante su Hamilton.

In realtà l’analisi è più complessa e non ci si può fermare solo ai tempi: Max con la RB16B ha svettato nel suo terreno di caccia che è il T2, rifilando 237 millesimi a Lewis, ma è stato più veloce anche nel velocissimo T1 di altri 179 millesimi, prevalendo, quindi, solo nell’ultimo tratto per appena 82 millesimi.

Il primo dato che emerge, dunque, è che la Red Bull è riuscita a mandare in temperatura più in fretta le gomme della RB16B, mentre nel team campione del mondo devono aver fatto più fatica. Questo significa che Hamilton dovrà scaldare di più e meglio gli pneumatici nel giro di formazione della griglia e che Max potrebbe beneficiare di una partenza più pronta per andare al comando della gara.

Ma questo non significa affatto che la corsa sia decisa dopo la partenza: basta guardare i grafici telemetrici del team Bobbi per capire che la gara è apertissima. Tanto per cominciare abbiamo due piloti che sono dei maestri nella guida sul bagnato, per cui entrambi sapranno estrarre il massimo dalla vettura che hanno a disposizione.

Non sfugge, però, che l’orientamento delle due squadre sia stato diverso nella definizione della configurazione aerodinamica che a Spa è frutto di un delicato compromesso fra l’esigenza della massima efficienza per il T1 e il T3 e il bisogno di carico nel T2.

Mercedes W12, l'ala posteriore di Lewis Hamilton, nella FP1 del GP del Belgio

Mercedes W12, l'ala posteriore di Lewis Hamilton, nella FP1 del GP del Belgio

Photo by: Giorgio Piola

Mercedes W12, l'ala posteriore di Valtteri Bottas, nella FP1 del GP del Belgio

Mercedes W12, l'ala posteriore di Valtteri Bottas, nella FP1 del GP del Belgio

Photo by: Giorgio Piola

Nelle prove libere Hamilton e Bottas hanno girato con due alettoni posteriori diversi e poi entrambi sono arrivati a usare sul bagnato un mix delle due soluzioni, con il profilo principale di Valtteri più a cucchiaio e il flap mobile di Lewis rettilineo, senza la riduzione di corda in prossimità delle paratie laterali viste su quello di Bottas, ma con il nolder che aveva solo il finlandese.

L'ala posteriore della Mercedes W12 usata nelle qualifiche e in gara nel GP del Belgio

L'ala posteriore della Mercedes W12 usata nelle qualifiche e in gara nel GP del Belgio

Photo by: Giorgio Piola

Le frecce nere, quindi, hanno scelto un’ala posteriore piuttosto carica per potersi difendere sull’acqua, ma non hanno perso lo spunto in velocità massima: Hamilton, infatti, è risultato nettamente più veloce sui rettilinei rispetto alla Red Bull con un picco di +5 km/h all’ingresso dell’Eau Rouge che si è trasformato in un +2 km/h per Verstappen all’uscita del Raidillon e poi nuovamente una supremazia della W12 nel lungo dritto del Kemmel così come nella discesa che porta dal tornante a Pouhon e nell’ultimo tratto che da Blanchimont porta fino alla chicane del Bus Stop.

Red Bull Racing RB16B, le ali posteriori a confronto

Red Bull Racing RB16B, le ali posteriori a confronto

Photo by: Giorgio Piola

La Red Bull, invece, svetta alla Source, dopo Les Combes fino al tornante e in generale da Pouhon fino alla chicane di Fagnes dove il divario è addirittura di 10 km/h a favore della RB16B. Max Verstappen ha un’ala decisamente più scarica di quella Mercedes, ma rispetto alle prove libere ha montato un vistoso nolder che Sergio Perez non ha utilizzato. I tecnici di Milton Keynes, consapevoli che il messicano non eccelle nel giro secco, gli hanno approntato una macchina che dovrebbe consentirgli di fare dei sorpassi in gara visto che scatterà solo dalla settima posizione in griglia.

I grafici lasciano intendere, quindi, che se Hamilton ha faticato a portare le gomme in temperatura nel giro secco, in gara avrà la chance di attaccare Verstappen quando gli pneumatici saranno entrati nella giusta finestra di utilizzo, perché la W12 può godere di una maggiore velocità di punta.

È il segno di un’apprezzabile superiorità del motore Mercedes che ha permesso anche a Russell di costruire un exploit straordinario che lo ha portato addirittura in prima fila.

La pista più o meno bagnata giocherà a favore di uno o dell’altro, più acqua aiuta Verstappen, meno Hamilton, ma aspettiamoci una battaglia dura, visti i precedenti. Quale ruolo adotterà Russell? Anche il suo atteggiamento, al meno al via, potrebbe essere determinante, visto che difficilmente la Williams potrà rimanere a respirare le posizioni di vertice…

condivisioni
commenti
Spa più sicura: le vie di fuga dell'Eau Rouge saranno ampliate

Articolo precedente

Spa più sicura: le vie di fuga dell'Eau Rouge saranno ampliate

Prossimo Articolo

Norris sostituisce il cambio e sconta 5 posizioni di penalità

Norris sostituisce il cambio e sconta 5 posizioni di penalità
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021