Hamilton: "Quella manovra la rifarei, non ho niente da aggiungere"

Il campione del mondo replica alle punzecchiature di Max Verstappen nel paddock dell'Hungaroring: Lewis ci ha tenuto a spiegare che "...non ero a conoscenza della situazione di Max. Ho visto sullo schermo che era sceso dalla macchina e sembrava a posto, poi mi è stato detto che stava bene. Solo dopo ho saputo che era stato portato in ospedale". "L'ho chiamato dopo la gara per ribadirgli il mio rispetto, ma non credo che sia ricambiato".

Hamilton: "Quella manovra la rifarei, non ho niente da aggiungere"

“Rifarei tutto”. Lewis Hamilton è stato categorico nel tornare sui fatti di Silverstone, che come da previsioni, hanno tenuto banco nella vigilia del weekend dell’Hungaroring.

Il campione del mondo ha rimandato al mittente tutte le accuse, risposte date ai media ma indirizzate soprattutto all’area Red Bull, visto che pochi minuti prima della conferenza stampa di Lewis, Max Verstappen ha lanciato qualche freccia avvelenata in direzione Mercedes.

Nulla di nuovo, quindi, se non la conferma che non c’è traccia di strette di mano, anche dopo una telefonata fatta da Hamilton a Verstappen la domenica sera di Silverstone.

Il weekend ungherese inizierà esattamente come si è concluso quello del Gran Premio di Gran Bretagna, ovvero con una tensione molto alta e voglia di rivincite in pista.

Lewis, hai qualcosa da aggiungere in merito ai fatti di Silverstone o vuoi guardare avanti?
“Non ho nulla da aggiungere. Penso che sia stato detto tutto ciò che doveva essere detto. La scorsa settimana sono stato concentrato su altre cose”.

Max ha confermato che i festeggiamenti seguiti alla tua vittoria di Silverstone sono stati irrispettosi. Li rifaresti?
“Non c'è molto da aggiungere. Come ho già detto, non ero a conoscenza della situazione di Max. Ho visto sullo schermo che era sceso dalla macchina e sembrava a posto, poi mi è stato detto che stava bene, quelle erano le informazioni che avevo fino a quando sui media è apparsa la notizia che era stato portato per dei check in ospedale".

"Nessuno di noi vorrebbe mai vedere un pilota infortunato o in pericolo, e men che meno mettere in pericolo un altro pilota. Ho chiamato Max dopo la gara per verificare che stesse bene e fargli sapere che ho grande rispetto, ma non credo sia ancora ricambiato. Comunque va bene così”.

Nel corso della gara di Silverstone hai superato Leclerc nei giri finali nello stesso punto. In questo caso eri però più all’interno, in termini di traiettoria...
“Potrei spiegarlo, ma non lo farò. Corro da molti anni, e... so come destreggiarmi nelle curve e nei sorpassi. Non sprecherò le mie energie cercando di spiegarlo, è difficile farlo comprendere a tutti”.

Accetti l’accusa di aver avuto mancanza di rispetto?
“Non credo che il nostro comportamento sia stato irrispettoso. Ma come ho detto, una cosa è conoscere la situazione e poi celebrare, tutt’altro, ed è quello che è successo, celebrare senza sapere cosa è accaduto. E come ho detto, non ero a conoscenza, ed era il mio Gran Premio di casa, vinto dopo aver lavorato duramente per non so neanche quanto tempo".

"Volevamo provare ad ottenere un risultato del genere, ed è stato un momento davvero speciale considerando anche la presenza del pubblico in pista dopo oltre un anno. Le emozioni erano alle stelle, era solo la gioia di vedere così tante persone festeggiare, stare insieme, e non ho intenzione di nascondere le mie emozioni. È stata una sensazione incredibile vedere così tanta gente”.

Questa rivalità ti riporta alla mente grandi dualismi del passato?
“Ricordo quando ho iniziato a seguire la Formula 1, e in particolare a rivedere i filmati del periodo Senna-Prost. All'epoca era emozionante, non avevo idea se fosse un bene o un male per lo sport, ma ho sempre pensato che le corse ‘ruota a ruota’ sono l’essenza di questo sport, ad iniziare dal karting".

"I momenti più emozionanti nel motorsport sono le corse ‘ruota a ruota’, ed oggi fortunatamente vediamo due squadre incredibilmente vicine nelle prestazioni. Ma non mi piace paragonarci ai piloti o ai campioni del passato, è una nuova era, un nuovo tempo, ma immagino che non sia male per questo sport. Stiamo cercando di migliorare la Formula 1 nel modo in cui interagiamo con i fan e offrendo loro le gare più emozionanti. E credo che i fan ci stiano guardando”.

Rifaresti tutto?
“In termini di manovra, lo rifarei. Tutta la mia esperienza maturata nel corso degli anni dice molto... non cambierei nulla”.

condivisioni
commenti
Verstappen: "I festeggiamenti Mercedes? Irrispettosi"

Articolo precedente

Verstappen: "I festeggiamenti Mercedes? Irrispettosi"

Prossimo Articolo

AlphaTauri: ecco il nuovo estrattore da incollare al fondo!

AlphaTauri: ecco il nuovo estrattore da incollare al fondo!
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021