F1, Hamilton: "Incredibile non aver mai corso per la Ferrari"

Lewis Hamilton e la Ferrari, due strade parallele destinate a incontrarsi solo in pista, ma da nemici sportivi. Il britannico si è detto sorpreso di non essere mai diventato pilota del Cavallino Rampante.

F1, Hamilton: "Incredibile non aver mai corso per la Ferrari"

Sin da quando ha debuttato in Formula 1, al Gran Premio d'Australia 2007, Lewis Hamilton è stato il nemico sportivo per eccellenza della Ferrari. Quell'anno sfiorò il Mondiale, che, in maniera rocambolesca, finì nelle mani di Kimi Raikkonen proprio all'ultimo respiro.

L'anno successivo fu Hamilton a prendersi la rivincita, vincendo all'ultima curva il primo dei 7 iridi collezionati sino al 2020, beffando Felipe Massa, allora alfiere di punta del Cavallino Rampante dopo il calo di rendimento di Kimi Raikkonen.

Questi sono stati solo i primi 2 esempi del duello Hamilton-Ferrari andato in scena negli ultimi 14 anni. Perché poi la situazione si è riproposta negli ultimi anni, con il britannico ad avere sempre la meglio nei confronti dei piloti della Rossa nel dominio Mercedes che dura ormai dal 2014.

Le due strade, quelle di Hamilton e della Ferrari, sono state sempre parallele mentre, per altri versi, hanno spesso trovato un punto di collisione. Ma mai si sono unite per cercare di ottenere per se stessi i titoli. La Ferrari è sempre stata vista come un sogno, il punto d'arrivo per ogni pilota. Soprattutto quelli più forti.

Senza scomodare i pareri personali, stando solo ai numeri, è chiaro come Hamilton debba necessariamente essere preso in considerazione tra i più grandi di tutti i tempi. Eppure Lewis non ha mai avuto l'opportunità di indossare la tuta rossa e calarsi nell'abitacolo di una Ferrari di Formula 1. Perché? Nemmeno lo stesso Hamilton ha saputo darsi una spiegazione.

"Per tanti anni, quando sono venuto a Monza, camminando accanto ai tifosi, oi quali mi dicevano: 'Vieni in Ferrari'. Questo mi faceva davvero piacere, ma è stato abbastanza incredibile che non abbia mai guidato per la Ferrari in così tanti anni di carriera in F1", ha dichiarato Lewis a Sky Sport Italia.

"La Ferrari è un sogno per chiunque, un traguardo da raggiungere. Non è mai stato davvero possibile e non saprò mai del tutto perché. Auguro a loro il meglio e nel mio prossimo futuro continuerò a impedirgli di vincere il mondiale", ha dichiarato ridendo dopo questa affermazione.

"Ho visto le foto dei loro piloti e il rosso è sempre il rosso. A casa ho un paio di Ferrari, posso guidare quelle ma non la Ferrari di F1", ha concluso Lewis.

condivisioni
commenti
Mercedes: ecco i numeri che devono preoccupare Hamilton
Articolo precedente

Mercedes: ecco i numeri che devono preoccupare Hamilton

Prossimo Articolo

Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo

Formula 1: ecco perché ha senso continuare con i V6 turbo
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021