Hamilton: l'attivista Lewis passa dalle parole ai fatti

Lewis, debitamente truccato, ha accolto nella sede di Brackleytre bambini che aspirano a diventare ingegneri mostrandogli i segreti della factory della Stella. Si tratta del primo passo della fondazione Mission 44 che ha finanziato con la Mercedes. L'idea è nata nel 2008 per il dolore provato nei test di Barcellona: degli spagnoli si erano dipinti il volto di nero indossando delle magliette con la scritta “Famiglia Hamilton”.

Hamilton: l'attivista Lewis passa dalle parole ai fatti

Ai messaggi seguono ora azioni concrete. Lewis Hamilton sa bene che nessuna parola ha peso senza un’azione concreta, e dopo aver preso posizione su molte tematiche legate all’eguaglianza sociale, la sua fondazione ha iniziato a muovere i primi passi.

Una delle iniziative che porterà avanti la fondazione che Hamilton ha istituito insieme alla Mercedes (la Mission 44, partita con una donazione di 20 milioni di sterline garantita da Lewis), si propone di garantire un percorso scolastico ed universitario mirato a ragazzi che ambiscono ad entrare nel mondo nel motorsport.

In un video pubblicato ieri dalla Mercedes, viene raccontato il percorso di tre aspiranti ingegneri selezionati in una scuola elementare di Camdem, portati un’intera giornata nella sede di Brackley dove a sorpresa durante un tour in fabbrica hanno incontrato Hamilton, truccato e mascherato per l’occasione.

Lo stesso Lewis è andato all’origine di questo suo desiderio, in un’intervista rilasciata al WSJ in cui ha raccontato il suo percorso di quindici anni in Formula 1 rivelando episodi inediti che hanno avuto un ruolo importante nel determinare la scelta di esporsi in prima persona a sostegno della causa della diversità.

 

Hamilton ha raccontato un episodio di razzismo avvenuto in Formula 1 e risalente al 2008, quando dei tifosi spagnoli si presentarono in tribuna a Barcellona con il volto dipinto di nero indossando delle magliette con la scritta “Famiglia Hamilton”.

“Ricordo il dolore che ho provato quel giorno – ha rivelato Lewis - ma non ne parlai con nessuno perché nessuno disse niente, tutti rimasero in silenzio. Avevo realizzato il mio sogno (era l’anno del primo titolo mondiale) ma non ero felice, non potevo essere me stesso".

"A quel tempo non avevo la fiducia su ciò che avrei potuto fare, così mi imposi di stare tranquillo, e ho soppresso tante sensazioni anche nelle stagioni successive. Poi alla fine del 2014 o 2015 ricordo che con tutti i componenti del team fu scattata una foto a Brackley insieme ai trofei vinti, e mi soffermai su un particolare: era una squadra di sole persone bianche, con pochissime eccezioni, e così anche tutti gli altri team di Formula 1. Ho ingrandito le foto di gruppo di tante squadre e ho visto che non era cambiato nulla, e ricordo la frustrazione”.

“Mi sono detto: ‘ho 36 anni, perché io? Perché sono l'unico pilota di colore che è arrivato in Formula 1, avendo anche successo? Dev'esserci una ragione più grande per cui sono qui’.

La molla è scattata con la morte di George (Floyd, ucciso da un agente di polizia a Minneapolis durante un arresto), un episodio che mi ha colpito davvero duramente. Non potevo credere che così tante persone ignorassero quanto accaduto, ed allora mi son detto:
"Sai una cosa? Sono disposto a correre il rischio, anche se si tratterà della mia reputazione lavorativa non importa. Voglio davvero che la comunità nera sappia che sono con loro, non sarò indifferente”.

Nel giungo del 2020 Hamilton ha aderito al movimento Black Lives Matter, partecipando attivamente ad una manifestazione tenutasi a Londra, e subito dopo ha deciso di prendere una posizione forte anche nel contesto dei weekend di gara di Formula 1, coinvolgendo anche altri piloti, una scossa importante mai vista in precedenza.

“Sin dall’inizio avevo capito che per entrare in Formula 1 bisogna essere molto allineati – ha proseguito Hamilton nel suo racconto – altrimenti capivi subito di non essere il benvenuto. I piloti vivevano una vita molto simile, nessuno ad esempio si interessava alla moda, nessuno si esponeva in attività lontane dal motorsport. All’inizio mi hanno fatto capire che avrei dovuto adattarmi alle regole, ma non mi sentivo a mio agio, volevo fare anche altre cose, e ad un certo punto ho deciso di agire”.

Ora l’azione di Lewis si muove anche attraverso la fondazione. Hamilton ha collaborato con la Royal Academy of Engineering, pubblicando lo scorso mese di luglio un rapporto che ha rivelato come meno dell'1% delle persone che lavorano in Formula 1 sono di colore.

“Lo scorso anno solo il 3% del personale della nostra squadra era di colore – ha sottolineato Hamilton – ora siamo al 6%, e abbiamo l’obiettivo di arrivare al 25% nei prossimi quattro anni. Spero che nei prossimi dieci o quindici anni di vedere una Formula 1 più in linea con il mondo esterno, ovviamente non correrò per sempre, ma se riuscirò a vedere questo cambiamento potrò dire che il tempo trascorso qui è stato speso bene, che ne sia valsa davvero la pena”.

condivisioni
commenti
Mercedes: l'abbassatore posteriore non è facile da copiare
Articolo precedente

Mercedes: l'abbassatore posteriore non è facile da copiare

Prossimo Articolo

Si è spento Milton Da Silva, il padre di Ayrton Senna

Si è spento Milton Da Silva, il padre di Ayrton Senna
Carica commenti
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021
Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti" Prime

Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti"

Il Gran Premio del Qatar ha ulteriormente inasprito il tono delle polemiche sportive legate alla stagione 2021 di Formula 1. Stavolta l'insufficienza pesante viene data alla FIA per come sta gestendo la situazione

Formula 1
22 nov 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione"

In questa nuova puntata podcast di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano i fatti salienti e determinanti del GP del Qatar. Una lotta continua, che ha visto prevalere Lewis Hamilton, conquistatore della 102esima vittoria in carriera. Ecco svelato il segreto della sua vittoria...

Formula 1
22 nov 2021
F1 | Piola: "Rinforzato il comando DRS della Red Bull" Prime

F1 | Piola: "Rinforzato il comando DRS della Red Bull"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola analizzano, con la lente d'ingrandimento tecnica, quanto visto nel sabato di qualifica del GP del Qatar. Una battaglia, anche di ali, senza fine...

Formula 1
20 nov 2021
Podcast | Bobbi: "Per Max la chiave è la prima curva" Prime

Podcast | Bobbi: "Per Max la chiave è la prima curva"

In questa nuova puntata di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano la qualifica del Gran Premio del Qatar. Lewis Hamilton è autore di una pole position incredibile, arrivata dopo un giro perfetto. Per Verstappen, però, non è detto che non possa arrivare la vittoria...

Formula 1
20 nov 2021