Haas: Grosjean preoccupato dall'assenza di upgrade programmati

Il francese del team Haas è però contento del fatto che il team sia riuscito a ottimizzare il lavoro svolto nei test di Barcellona ma non si esprime sulla competitività della VF20.

Haas: Grosjean preoccupato dall'assenza di upgrade programmati

Il Mondiale 2020 di Formula 1 inizia questo fine settimana, eppure sorgono i primi dubbi sull'effettive competitività di alcune vetture e sulla preparazione di aggiornamenti. Il pilota che ha espresso i suoi dubbi è Romain Grosjean.

Il pilota del team Haas F1 si è detto preoccupato per la mancanza di aggiornamenti pianificati dalla sua squadra che, per altro, nel 2019 ha anche faticato a far funzionare le novità che ha portato nel corso della stagione.

"Possiamo concentrarci su quello che abbiamo e ottimizzare ciò che facciamo", ha dichiarato Grosjean a Motorsport.com. "Io sono più preoccupato di Kevin e sappiamo bene che la F1 è una categoria in cui portare nuove parti e aggiornamenti serve".

"L'anno scorso ho finito la stagione con le parti base con cui avevo iniziato la stagione. A volte gli aggiornamenti non funzionano come vorremmo. Sì, è bello avere pezzi nuovi e magari avere prestazioni migliori. Ma le cose non funzionano sempre e a volte di portano a concentrarti sugli elementi sbagliati".

"Sono sicuramente molto felice di tornare a correre, credo che il team sia sopravvissuto alla crisi. Andiamo a correre, facciamo la gara e poi dovremo capire dove migliorare e di quali pezzi avremo bisogno".

Grosjean è contento della Haas che ha potuto guidare ai test, ossia la versione base della macchina: "Abbiamo una buona base di partenza, ma ora le condizioni che troveremo e la pista saranno molto differenti rispetto a Barcellona. I ragazzi, però, sono riusciti a ottimizzare tutto quello che abbiamo imparato nei test invernali e questo è un bene. Non dovremo cercare di far funzionare nuove componenti".

Grosjean, sebbene sia preoccupato dalla mancanza di programmazione del team, crede che il team abbia imparato dagli errori commesso la passata stagione: "Penso che tutti abbiano dato un'occhiata a quali siano stati i problemi. Ora abbiamo un modo migliore di capirli e di cercare di allineare la macchina con quanto chiedono i piloti. Alla fine siamo noi che guidiamo la macchina, ma lo scorso anno abbiamo impiegato tanto tempo per far capire al team quali fossero i problemi all'ala anteriore".

"Ora penso che i nostri processi siano più rapidi rispetto all'anno passato. Sappiamo dove guardare e come fare. Sono molto fiducioso, penso che capiremo tutto in anticipo e che la situazione sarà migliore, qualora dovessimo avere i problemi dell'anno passato. Potremo reagire più velocemente".

condivisioni
commenti
Renault: ecco la nuova ala anteriore della R.S.20

Articolo precedente

Renault: ecco la nuova ala anteriore della R.S.20

Prossimo Articolo

Mercedes: monopilone e diffusore con le punte

Mercedes: monopilone e diffusore con le punte
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021