Ecco quanto Ecclestone ha reso ricca la F.1 in 30 anni

Forbes stima in 23,4 miliardi di dollari il ricavato del Circus negli ultimi 30 anni sotto la gestione di Mister B

Bernie Ecclestone è da decenni uno dei personaggi più discussi dell'intero panorama del Motorsport e, da quando ha preso in mano le redini della Formula 1, non ha fatto altro che renderla più ricca, anno dopo anno, mondiale dopo mondiale. 

Stando a quanto stimato dalla rivista economica Forbes, Mister E avrebbe chiuso contratti per 23,4 miliardi di dollari complessivi nel suo periodo di controllo del Circus iridato, ormai arrivato alla terza decade consecutiva. Nessun altro manager è riuscito a ricavare tanto nel mondo dello sport sino a oggi.

Il più grande contratto mai siglato da Ecclestone risale al 1991 con l'emittente televisiva tedesca RTL, che si accaparrò i diritti esclusivi della messa in onda dell'intero calendario della Formula 1 per più anni per una cifra pari a 1,4 miliardi di dollari. Da sottolineare che proprio questo accordo è attualmente in essere. 

Solo lo scorso anno la F.1 ha avuto entrate pari a 1,8 miliardi di dollari, provenienti da quattro fonti principali. La più importante è certamente quella legata ai contratti televisivi, che ha fruttato ben 1,2 miliardi di dollari in un solo anno. Il resto dei proventi deriva da pubblicità, sponsorizzazioni, produzione televisiva, trasporto merci e serie minori. 

Da sottolineare anche i proventi che derivano dalla sottoscrizione dei contratti tra la Formula 1 e i promotori dei vari Gran Premi che compongono di anno in anno il calendario. Il documento che ha fruttato più entrate per la classe regina del Motorsport è stato quello con Melbourne. Ben 712 i milioni ricavati per 24 anni di presenza nel calendario (contratto recentemente rinnovato sino al 2020). 674,8 i milioni sborsati dai promotori del Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio del Messico
Circuito Autódromo Hermanos Rodríguez
Articolo di tipo Curiosità