Raikkonen: "In Brasile fondamentale la messa a punto"

Il finlandese ricorda inoltre con molto piacere l'edizione 2007 del Gran Premio, quando vinse il titolo piloti

La Ferrari arriva al penultimo Gran Premio della stagione dopo l'evento dello scorso fine settimana, le Finali Mondiali 2015 del Mugello. Kimi Raikkonen e il Brasile. Un connubio che nella mente dei ferraristi mai potrà essere cancellato per quel dolce epilogo del Mondiale 2007, quando il finnico - ben scortato da Felipe Massa - centrò il suo unico titolo mondiale piloti, l'ultimo colto da un pilota del Cavallino Rampante.

Quello che più mi è rimasto in mente dal 2007 – racconta a ferrari.comè la determinazione con cui la squadra realizzò l’obiettivo dichiarato della vigilia, la vittoria del campionato", ha ricordato Kimi, che ancora parla del 2007 come l'anno magico della sua carriera. Anche al Mugello, infatti, ha voluto far sapere che l'edizione delle Finali Mondiali che ricorda con più piacere fu proprio quella di 8 anni fa.

Raikkonen ha poi voluto parlare del tracciato di San Paolo. Un layout abbastanza corto rispetto alla media di quelli che compongono il calendario 2015 di F.1, ma certamente molto tecnico, in cui la messa a punto della monoposto sarà una delle componenti fondamentali per poter ambire a un risultato di prestigio, a cui Ferrari e Kimi puntano.

"Questo tracciato mi piace, anche se è molto corto, affrontato nel modo giusto è divertente da guidare. Lo scorso anno è stato messo un nuovo asfalto sulla pista ed il livello di grip era elevato, fattore che la rende sempre più piacevole per i piloti e che permette di essere più aggressivi. Anche se è un circuito breve, questo non vuol dire che la messa a punto della vettura sia semplice. Ci sono molti fattori da tenere in considerazione, non ultimo il meteo”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Gran Premio del Brasile
Circuito Interlagos
Piloti Kimi Raikkonen
Team Ferrari
Articolo di tipo Ultime notizie