GP Ungheria: quando il calore gioca dei brutti scherzi

Il confronto fra Mercedes e Red Bull è tornato a giocarsi in pista, senza stravolgimenti legali. La prima giornata di prove libere del GP d'Ungheria ha offerto dei verdetti rovesciati rispetto alle aspettative: i 63 gradi registrati sull'asfalto di Budapest hanno esaltato le doti delle frecce d'argento e sminuito il potenziale della RB16B. Ma non è detto che i valori espressi oggi saranno quelli alla fine del weekend. Perché...

GP Ungheria: quando il calore gioca dei brutti scherzi

La parola è tornata alla pista, e i verdetti sanciti dal cronometro hanno riportato il confronto tra Mercedes e Red Bull su un piano più consono ad una rivalità sportiva.

Le classifiche arrivate dalla prima giornata di attività del Gran Premio d’Ungheria non sono state in linea con le previsioni della vigilia, e l’impressione è che a cambiare le carte in tavola (almeno per oggi) siano state le condizioni ambientali, ovvero le temperature molto alte calate sull’Hungaroring prima della sessione FP2.

L’asfalto ha superato i 63 gradi, e sia per i piloti che per gli ingegneri il pomeriggio è stato più impegnativo del previsto.

I riscontri emersi in FP1 sono stati più in linea con le attese, ovvero Max Verstappen davanti a tutti con un discreto margine, poi i tecnici della Red Bull hanno apportato delle modifiche prima della FP2 che non si sono sposate al meglio con le condizioni della pista, con il pilota olandese che ha più volte lamentato via-radio un fastidioso sottosterzo sia nelle simulazioni di qualifica che nei long-run.
“Abbiamo cambiato parecchie cose – ha confermato Verstappen – e dobbiamo capire cosa ha funzionato e cosa no. Le temperature non ci hanno aiutato, le condizioni che abbiamo trovato in pista oggi pomeriggio non sono mai facili a prescindere. Abbiamo sofferto maggiormente nella simulazione di qualifica, ma credo che siano tutti problemi superabili. Resto fiducioso”.

Verstappen ha lanciato un messaggio molto chiaro, e in vista della giornata di domani (con le temperature che saranno più basse e l’arrivo della pioggia dato per molto probabile) nel box Red Bull c’è ottimismo.

Una speranza che si incastra bene con il box adiacente, ovvero quello della Mercedes, nel quale i buoni verdetti di giornata non sono visti come la conferma che sarà un weekend in discesa. Ma c’è anche un po' di pretattica, uno scudo protettivo nel quale è difficile fare breccia per cogliere quali siano realmente le aspettative di tappa del team campione del Mondo.

Lewis Hamilton al termine della giornata è sembrato soddisfatto come dopo una vittoria, dichiarandosi contento della macchina, del lavoro della squadra e anche della leadership di…Valtteri Bottas.

Forse un po' troppo, a meno che Lewis non senta davvero la possibilità di poter far suo il weekend, uno scenario che sarebbe un vero e proprio colpaccio da parte sua e della Mercedes visto che sulla carta i 4.381 metri dell’Hungaroring dovrebbero essere uno dei terreni di caccia ideali per la RB16B.

“Penso di aver perso probabilmente tre chili oggi! – ha attaccato Hamilton parlando della temperatura – Quando giri in queste condizioni è difficile trovare il giusto equilibrio sulla monoposto, penso che tutti abbiano avuto difficoltà con le gomme anteriori. Ma è stato un processo interessante, siamo tutti sulla stessa barca".

"Vedere che alla fine Valtteri ed io siamo davanti a tutti è un punto di partenza fantastico per la squadra, possiamo solo migliorare. Abbiamo del lavoro da fare stasera per provare a vedere come possiamo affinare un po' il setup della macchina, ma è un buon inizio. Metteremo a punto l’assetto il più possibile per una qualifica sull'asciutto, e se pioverà, allora pioverà”.

Il buonumore in Mercedes è stato confermato anche da Bottas, anche lui sorridente come non accadeva da tempo.
“Onestamente oggi è sembrato di essere in una sauna finlandese – ha commentato - specialmente quando ti fermi ai box hai la sensazione di essere in un abitacolo con 60 gradi di temperatura. Credo che il nostro inizio di weekend sia stato positivo, ultimamente abbiamo apportato dei miglioramenti alla monoposto che servono in particolare quando fa caldo, ed oggi hanno confermato di funzionare bene. Non credo che siamo in una brutta situazione, è molto stimolante pensare che domani, se tutto va come deve, potremo essere in lotta per la pole”.

condivisioni
commenti
Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere"

Articolo precedente

Bobbi: "RB16B di Max sottosterzante, bilanciamento da rivedere"

Prossimo Articolo

Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese"

Piola: "Il caldo torrido ha riservato delle sorprese"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021