GP Turchia: ripulito l'asfalto a sorpresa, sarà più abrasivo

Il manto stradale dell'Istanbul Park ha subito un trattamento di pulizia dell'asfalto con un getto d’acqua ad alta pressione che ha modificato la rugosità e, quindi, il grip del fondo. Peccato che la Pirelli abbia scelto le mescole C2,C3 e C4 seguendo le indicazioni dello scorso anno, per cui l'usura degli pneumatici potrebbe essere maggiore di quella preventivata dal fornitore unico. Avremo una gara con due pit stop?

GP Turchia: ripulito l'asfalto a sorpresa, sarà più abrasivo

Quando lo scorso anno la Formula 1 fece ritorno sul circuito di Istanbul (dopo 9 anni) trovò un impianto rinfrescato, con tanto di pista riasfaltata per l’occasione. Ma proprio il rifacimento del manto stradale diventò l’incubo del fine settimana turco, poiché l’asfaltatura era stata completata poco prima del weekend di gara, senza la garanzia di un lasso di tempo sufficiente per l’assestamento della posa e la pulizia delle sostanze oleose rilasciate dal bitume.

Il risultato fu che il fine settimana iniziò in condizioni di totale assenza di grip, al punto che per i piloti le prove sull’asciutto e la gara bagnata non videro una grande differenza in termini di aderenza.

In vista del prossimo weekend i gestori dell’impianto di Istanbul Park hanno provveduto a completare un processo di pulizia del manto stradale attraverso un sistema (high pressure water jet) con un getto d’acqua ad alta pressione, un trattamento che avviene anche su altri circuiti in prossimità del fine settimana di gara.

Il lavoro svolto ha tolto dalla pista uno strato d’asfalto superficiale, che ha esposto maggiormente la superfice delle pietre contenute nel manto, aumentando la microrugosità e garantendo di conseguenza un grip maggiore.

Il rischio del Gran Premio 2021 potrebbe essere però l’opposto rispetto a quello dell’edizione precedente, ovvero che i dati relativi alla rugosità possano confermarsi più elevati rispetto a quelli a disposizione della Pirelli nel momento in cui sono state selezionate le mescole da inviare in Turchia.

La scelta della Casa milanese è stata il miglior compromesso offerto dalla gamma (ovvero C2, C3 e C4), ma se saranno confermati i dati forniti recentemente dai tecnici del circuito, la rugosità potrebbe essere più aggressiva del previsto.

La Pirelli effettuerà delle rilevazioni (con una sua strumentazione) prima dell’inizio dell’attività in pista per valutare la rugosità, ma non esclude che il lavoro effettuato sul manto stradale possa aver cambiato lo scenario, e che squadre e piloti potrebbero fare i conti con un’usura degli pneumatici maggiore del previsto.

Un asfalto più abrasivo potrebbe diventare una variabile importante in vista della gara, costringendo le squadre ad una strategia a due soste al posto della ormai tradizionale sosta singola.

Vedremo un altro weekend difficile come ha vissuto la MotoGP ad Austin con le buche del circuito del Texas?

condivisioni
commenti
F1: Ocon perplesso dalla differenza di prestazioni con Alonso
Articolo precedente

F1: Ocon perplesso dalla differenza di prestazioni con Alonso

Prossimo Articolo

F1: Red Bull in Turchia con una livrea celebrativa per Honda

F1: Red Bull in Turchia con una livrea celebrativa per Honda
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021