GP Messico: per le simulazioni si bucheranno i 370 km/h

Secondo i dati della simulazione Marelli nel GP del Messico si potranno raggiungere delle velocità pazzesche alla speed trap per l'aria molto rarefatta che impone l'uso di pacchetti aerodinamici da massimo carico come a Monte Carlo!

GP Messico: per le simulazioni si bucheranno i 370 km/h

Messico e nuvole. Se il maltempo non ci metterà lo zampino, sulla pista dedicata ai fratelli Rodriguez si potrebbero raggiungere delle velocità massima monstre. La simulazione Magneti Marelli, infatti, considera che il muro dei 370 km/h potrebbe essere avvicinato se non addirittura bucato nel GP del Messico.

Sul circuito che è situato nel Parco Magdalena Mixhuca alla periferia est di Città del Messico si potranno toccare velocità da far impallidire quelle che normalmente si raggiungono nel “tempio della velocità” di Monza.

Il motivo è semplice: l’aria rarefatta dovuta alla quota elevata di oltre 2.200 metri riduce in modo significativo la deportanza, ragione per cui le monoposto saranno dotate di un pacchetto aerodinamico da massimo carico che solitamente si vede solo a Monte Carlo.

Le ali avranno la massima incidenza possibile, senza tuttavia recuperare la downforce che avrebbero al livello del mare e, per questo motivo, la ridotta resistenza di avanzamento consentirà alle monoposto di arrivare in qualifica a 360 km/h in fondo al rettilineo principale che è lungo 1.320 m.

Grazie all’ala mobile aperta (quest’anno è stato aggiunto un tratto DRS tra la Curva 11 e la Curva 12) sarà possibile incrementare la velocità di 4 km/h, mentre la scia della vettura precedente dovrebbe consentire un salto di velocità di altri 6/8 km/h per cui almeno sulla carta si potrebbero sfondare i 370 km/h!

A raggiungere certe prestazioni contribuirà anche il sistema ibrido della power unit che varrà 2”3 sul tempo sul giro e ben 21 km/h di velocità di punta. Il circuito del Messico consente un recupero di energia pari MGU-H per un totale di 3.746 kJ.

Anche se il motore resterà in piena potenza per il 62% del giro, il tracciato non sembra particolarmente severo per i sei cilindri, mentre è impegnativo per i sistemi di sovralimentazione visto che il turbo sarà spinto a lungo al regime di rotazione massimo di 125 mila giri, per incrementare la pressione e compensare la minore densità dell’aria.

Da queste indicazioni è facile capire come mai Mattia Binotto, team principal delle Ferrari, nutra la fondata speranza di conquistare con la SF90 pole e vittoria. Ma occhio al cambio: la trasmissione è uno dei componenti sottoposto a maggiore sforzo. Per completare la distanza di un Gran Premio ci vogliono 4.331 cambi marcia. E la terza è il rapporto più sollecitato.

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
1/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
3/14

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
4/14

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
5/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
6/14

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
7/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, festeggiano nel parco chiuso
Sebastian Vettel, Ferrari e il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, festeggiano nel parco chiuso
8/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
9/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
10/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
11/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
12/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
13/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Dettaglio dell'ala posteriore di una Red Bull Racing RB15
Dettaglio dell'ala posteriore di una Red Bull Racing RB15
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Squalifica Renault: le classifiche mondiali aggiornate
Articolo precedente

Squalifica Renault: le classifiche mondiali aggiornate

Prossimo Articolo

Renault: niente appello alla squalifica del GP del Giappone

Renault: niente appello alla squalifica del GP del Giappone
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021