GP Messico: per le simulazioni si bucheranno i 370 km/h

Secondo i dati della simulazione Marelli nel GP del Messico si potranno raggiungere delle velocità pazzesche alla speed trap per l'aria molto rarefatta che impone l'uso di pacchetti aerodinamici da massimo carico come a Monte Carlo!

GP Messico: per le simulazioni si bucheranno i 370 km/h

Messico e nuvole. Se il maltempo non ci metterà lo zampino, sulla pista dedicata ai fratelli Rodriguez si potrebbero raggiungere delle velocità massima monstre. La simulazione Magneti Marelli, infatti, considera che il muro dei 370 km/h potrebbe essere avvicinato se non addirittura bucato nel GP del Messico.

Sul circuito che è situato nel Parco Magdalena Mixhuca alla periferia est di Città del Messico si potranno toccare velocità da far impallidire quelle che normalmente si raggiungono nel “tempio della velocità” di Monza.

Il motivo è semplice: l’aria rarefatta dovuta alla quota elevata di oltre 2.200 metri riduce in modo significativo la deportanza, ragione per cui le monoposto saranno dotate di un pacchetto aerodinamico da massimo carico che solitamente si vede solo a Monte Carlo.

Le ali avranno la massima incidenza possibile, senza tuttavia recuperare la downforce che avrebbero al livello del mare e, per questo motivo, la ridotta resistenza di avanzamento consentirà alle monoposto di arrivare in qualifica a 360 km/h in fondo al rettilineo principale che è lungo 1.320 m.

Grazie all’ala mobile aperta (quest’anno è stato aggiunto un tratto DRS tra la Curva 11 e la Curva 12) sarà possibile incrementare la velocità di 4 km/h, mentre la scia della vettura precedente dovrebbe consentire un salto di velocità di altri 6/8 km/h per cui almeno sulla carta si potrebbero sfondare i 370 km/h!

A raggiungere certe prestazioni contribuirà anche il sistema ibrido della power unit che varrà 2”3 sul tempo sul giro e ben 21 km/h di velocità di punta. Il circuito del Messico consente un recupero di energia pari MGU-H per un totale di 3.746 kJ.

Anche se il motore resterà in piena potenza per il 62% del giro, il tracciato non sembra particolarmente severo per i sei cilindri, mentre è impegnativo per i sistemi di sovralimentazione visto che il turbo sarà spinto a lungo al regime di rotazione massimo di 125 mila giri, per incrementare la pressione e compensare la minore densità dell’aria.

Da queste indicazioni è facile capire come mai Mattia Binotto, team principal delle Ferrari, nutra la fondata speranza di conquistare con la SF90 pole e vittoria. Ma occhio al cambio: la trasmissione è uno dei componenti sottoposto a maggiore sforzo. Per completare la distanza di un Gran Premio ci vogliono 4.331 cambi marcia. E la terza è il rapporto più sollecitato.

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
1/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
2/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
3/14

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
4/14

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
5/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
6/14

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
7/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari e il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, festeggiano nel parco chiuso
Sebastian Vettel, Ferrari e il vincitore della gara Valtteri Bottas, Mercedes AMG F1, festeggiano nel parco chiuso
8/14

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
9/14

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
10/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
Dettaglio di una Red Bull Racing RB15
11/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
12/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
13/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Dettaglio dell'ala posteriore di una Red Bull Racing RB15
Dettaglio dell'ala posteriore di una Red Bull Racing RB15
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Squalifica Renault: le classifiche mondiali aggiornate

Articolo precedente

Squalifica Renault: le classifiche mondiali aggiornate

Prossimo Articolo

Renault: niente appello alla squalifica del GP del Giappone

Renault: niente appello alla squalifica del GP del Giappone
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021